Campagna fiscale 2020: CAF ANMIL S.r.l. convenzionato – Servizi soci UICI

Anche quest’anno è in essere la convenzione con il CAF ANMIL S.r.l.

Dato lo stato di emergenza, la campagna fiscale è partita in sordina solo lo scorso 4 maggio e, al momento, i Centri di assistenza fiscale contingentano le attività in presenza attenendosi alle norme di comportamento sanitario e sociale e prediligendo il servizio di assistenza telematica.

Come detto, abbiamo scelto di proseguire il rapporto convenzionale con il CAF ANMIL S.r.l., sulla base dei seguenti servizi.

Destinatari:

· Soci UICI, coniugi e parenti di I° grado che fanno riferimento a Sezioni UICI convenzionate con l’ANMIL S.r.l. Come già avvenuto negli scorsi anni, il personale in Sezione UICI è pronto, già da ora, a prendere gli appuntamenti di quanti vogliano rivolgersi all’ANMIL per la presentazione del proprio 730 o del modello redditi (ex UNICO).Per fissare l’appuntamento con l’operatore ANMIL, sarà sufficiente mettersi in contatto con la Sezione e prendere accordi con il personale sezionale.

· Soci UICI, coniugi e parenti di I° grado che fanno riferimento a Sezioni UICI non convenzionate con l’ANMIL S.r.l. Anche dove la Sezione UICI non abbia aderito alla Convenzione con l’ANMIL, ai soci UICI, ai coniugi e parenti di I° grado verrà riservato il medesimo tariffario, in forza di Accordi generali stipulati tra questa Presidenza Nazionale e la Direzione Generale del CAF ANMIL S.r.l.In questo caso, l’interessato sarà libero di contattare direttamente gli Uffici dell’ANMIL e presentarsi come socio dell’Unione o suo familiare.

Nota bene: In entrambi i casi, se necessario, le fotocopie saranno fatte gratuitamente (sebbene sia più agevole e rapido per tutti presentarsi già con i documenti fotocopiati). Al momento, data l’emergenza epidemiologica in corso, con i recenti decreti di contenimento del contagio Covid-19 è prevista la possibilità per il contribuente di inviare per via telematica la documentazione ai Centri di Assistenza Fiscale, , qualora ritenuta più agevole. In tale prospettiva, l’operatore CAF ANMIL vorrà informare le Sezioni UICI circa le nuove opportunità in essere.

Tariffe:

Il tariffario per la campagna fiscale 2020 avrà validità su tutto il territorio nazionale e riguarderà i soci UICI.

Modello 730 singolo per soci UICI  Euro 13,00

Modello 730 singolo per coniugi e parenti di I° grado Euro 22,00

Modello 730 congiunto per soci UICI       Euro 20,00

Modello 730 congiunto per parenti di I° grado  Euro 27,00

Modello redditi (ex UNICO) per soci UICI         Euro 26,00

Modello redditi (ex UNICO) per coniugi e parenti di I° grado        Euro 32,00

ISEE gratuito.

*Per parenti di I° grado si intendono FIGLI e GENITORI dei soci UICI (conviventi, o meno).

*Il coniuge del socio UICI riceve dall’ANMIL il medesimo trattamento dei parenti di I° grado

Inoltre, precisiamo che:

1. per chi si rivolgerà direttamente agli Uffici del CAF ANMIL S.r.l., sarà sufficiente esibire la tessera associativa in corso di validità per dimostrare di essere socio dell’Unione;

2. i compensi sono intesi IVA inclusa e soggetti all’emissione di fattura per chi si avvale del servizio fiscale CAF ANMIL S.r.l. Il pagamento avverrà al momento della raccolta dei documenti. La dichiarazione dei redditi, una volta elaborata dal CAF, verrà inviata comodamente per e-mail o ritirata brevi manu in UICI o presso l’ANMIL, a vostra preferenza;

3. non è prevista discrezionalità tariffaria tra le parti CAF ANMIL S.r.l. e UICI a livello provinciale.

Altri servizi del CAF ANMIL S.r.l. (Visure catastali, Tasse sugli immobili, etc). Per tutte le altre pratiche inserite nel portafoglio del CAF ANMIL S.r.l., rimandiamo al tariffario ANMIL localmente definito, che troverete esposto anche presso le Sezioni UICI.

Allegato 1: Convenzione.doc

Allegato 2: Convenzione.pdf

Campania – Partito il progetto “Formassistenza” ovvero fare formazione in sinergia con altri servizi di assistenza, di Nadia Massimiano

Autore: Nadia Massimiano

Partito lunedì 4 maggio, in forma sperimentale, il progetto promosso dall’UICI Campania per assistere i ragazzi non vedenti che dovranno sostenere l’esame di maturità.

L’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti della Regione Campania, a fronte delle difficoltà incontrate dagli studenti di ogni ordine e grado in questo periodo storico particolarmente complesso per via del Covid-19, propone un servizio di formazione e assistenza informatica pedagogica e psicologica che, in prima battuta, coinvolgerà gli studenti del quinto anno della scuola secondaria di secondo grado, per poi essere esteso alla totalità degli studenti con disabilità visiva.

L’intento è quello di voler garantire le stesse pari opportunità per la didattica a distanza per sostenere gli studenti nell’uso delle tecnologie informatiche, per affrontare le difficoltà della didattica online, nonché per potenziare le strategie per sostenere l’esame di maturità.

Per far questo il progetto vede la collaborazione della commissione regionale per l’istruzione della U.I.C.I. Campania e dei centri di consulenza tiflodidattica di Napoli e Caserta.

Inoltre, attraverso l’assistenza pedagogica e psicologica, si intende garantire un supporto alle famiglie ed agli studenti, sia nell’applicazione di metodologie e strategie per affrontare i piani di studio, che nel riconoscere le emozioni e nel poterle fronteggiare e sostenere.

Il progetto prevede 3 coordinamenti:

  1. coordinamento area tiflo-pedagogica: responsabile il Prof. Pietro Piscitelli;
  2. coordinamento supporto psicologico: responsabile la Dott.ssa Nadia Massimiano;
  3. coordinamento organizzazione assistenza informatica: responsabile Direttore I.Ri.Fo.R. Campania sig. Vincenzo del Piano. 

Per quanto riguarda il sostegno psicologico, le famiglie potranno contattare lo Sportello di ascolto psicologico Covid-19, istituito dal progetto nazionale “Stessa Strada per Crescere Insieme” e l’intera rete di professionisti che hanno aderito.

Consultazioni per la definizione del circuito assistenza PRM (persone a ridotta mobilità)

Rete Ferroviaria Italiana sta progettando un ampliamento del circuito di assistenza per le persone a ridotta mobilità, attualmente costituito da 301 stazioni.

Questa Unione, al fine di determinare le esigenze dell’utenza, ritiene opportuno, attraverso la selezione all’interno dell’elenco delle stazioni sottostanti, raccogliere le indicazioni degli interessati che dovranno pervenire entro mercoledì 9 ottobre 2019.

A tal proposito siamo a chiedervi di scegliere da un minimo di una ad un massimo di 5 stazioni.

Tutte le segnalazioni verranno esaminate in base a criteri di priorità e a indicatori relativi a:

  • Numero di viaggiatori che utilizza la stazione e possibilità di interscambio con altri mezzi di trasporto;
  • Tipologia di treni che effettuano il servizio per i viaggiatori;
  • Esistenza di stazioni alternative nell’ambito del circuito;
  • Grado di accessibilità della stazione e possibilità di salita e discesa dal treno su marciapiedi accessibili;
  • Presenza nelle vicinanze di punti di interesse (centri medici, università, scuole, sedi di associazioni no-profit, centri turistici);

Per compilare tutti i dati di cui sopra, si rimanda al seguente collegamento: https://www.uiciechi.it/Stazioni/votazione.asp

News: Home Care Premium 2019 – Assistenza Domiciliare

Si comunica che è stato pubblicato dall’INPS il bando pubblico per il progetto “Home Care Premium 2019 Assistenza Domiciliare”, riservato ai dipendenti e pensionati pubblici e ai loro coniugi, parenti ed affini di 1° grado (figli, genitori, fratelli) non autosufficienti.
Il progetto si concretizzerà con l’erogazione di contributi economici mensili (prestazione prevalente) in favore dei soggetti non autosufficienti, maggiorenni o minorenni, disabili in condizione di non autosufficienza finalizzati al rimborso delle spese sostenute per l’assunzione di un assistente domiciliare con contratto di lavoro domestico (il contributo economico mensile sarà erogato in base al grado di disabilità del beneficiario e al valore ISEE); ovvero, accedere ai servizi messi a disposizione dalle realtà territoriali, o da enti convenzionati con l’INPS
(prestazioni integrative).
Il programma avrà decorrenza dal 1° luglio 2019 al 30 giugno 2022.
I passaggi da seguire per aderire al bando sono i seguenti:
– Iscrizione alla Banca Dati dell’INPS: questo consentirà all’Istituto di riconoscere il richiedente della prestazione. Qualora il beneficiario non coincidesse con il titolare della prestazione è necessario che quest’ultimo provveda ad iscrivere il beneficiario al Programma utilizzando il servizio “Accesso ai Servizi di Welfare”;
– Inoltro domanda mediante il sito dell’INPS: alla domanda occorrerà allegare la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) per la determinazione dell’ISEE, riferita al nucleo familiare di appartenenza del beneficiario; in caso contrario i beneficiari saranno collocati, dall’INPS, nella fascia d’ISEE più elevata;
– Inoltro dei dati relativi al lavoratore: in sede di presentazione della domanda occorrerà riportare gli estremi del lavoratore a cui si vorrà affidare l’assistenza domiciliare.
La domanda di partecipazione al bando deve essere presentata esclusivamente per via telematica (previo rilascio di un “PIN” dispositivo richiesto on line o rilasciato direttamente presso gli sportelli delle sedi INPS), attraverso i seguenti canali:
– servizio online dedicato, alla pagina www.inps.it (alla Sezione “Domande Welfare in un click”);
– Contact Center dell’INPS chiamando il numero verde 803-164 (gratuito da rete fissa), oppure il numero 06164164 (a pagamento da rete mobile);
– Patronati, i quali dovranno indicare i riferimenti dell’attestazione ISEE e gli estremi del verbale che certifica lo stato di invalidità.
La procedura per l’acquisizione sarà attiva fino al 30 aprile 2019.
La graduatoria dei beneficiari ammessi alla prestazione sarà pubblicata sul sito dell’INPS entro il 28 maggio 2019.