Salerno – Donna il Valore è Cultura e Bellezza oltre il visibile

La festa della Donna quest’anno ha un colore al quale associato vi è un sentimento:
Dialogo.
Un profumo di Rinascita e di Coraggio, al tatto la sensazione dei nostri più teneri sentimenti, la memoria della dolcezza.
Il bisogno di dialogare, fra noi stessi ed un mondo nel quale abbiamo smesso di donarci, nel legame più autentico :incontrarsi per tirare fuori quanto di straordinario vive in ciascuno di noi DONNE.
Un ritrovarci e stupirci, fare caso alla situazione più necessaria che possa esistere, la libertà.
Ho sempre creduto nel Diritto all’accessibilità, come valore primario.
La formazione fin da piccoli all’ imprevedibilità  della vita, una lettura interiore rafforza protegge e dona risorse ad una collettività intera.
Saper ascoltare, immaginare, emozionarsi e soprattutto aver voglia di ESSERCI con VALORE e AMORE.
La Bellezza si nutre di parole, di voci e deve averne una.
Mi sento onorata a ricoprire il ruolo, anche, da affetta alla comunicazione in una Sezione come quella di Salerno in cui sacrificio, dignità, impegno e professionalità sono da esempio a chi del Volontariato ne sente una necessità ma allo stesso tempo un rapporto diretto con un emisfero nel quale fra il Codice Braille e la Prevenzione al Glaucoma, c’è la femminilità comunicata con l’audacia e la semplicità di chi investe di partecipare al Progetto Unione Italiana ciechi ed ipovedenti con grande interesse, come si fa al mattino quando ci si dice Buongiorno iniziando ad Amarsi prima e rispettarsi dopo tuffarsi in una vita fatta di Sensi e sensibilità con Stile, sapendo di poter avere dei riferimenti ed in questo Ci sono, ci siamo, con voi e per voi. Ricordatevi, però, che abbiamo anche noi la necessità di avvertire la vostra Presenza, il vostro supporto, raccogliere i desideri e cucire insieme questa nuova fase della nostra esistenza.
In attesa di poterci rivedere di persona, vi dico continuate a vivere con grande gioia.
Abbracciate i vostri traguardi, quelli di ogni giorno, i più importanti, quelli essenziali.

Mariangela Mandia – Consigliera UICI Sezione Territoriale di Salerno

Pubblicato il 16/03/2022

Enna – L’8 marzo 2022 della Sezione UICI

Autore: Anna Buccheri

La festa della donna nella Sezione UICI di Enna è promossa dal Comitato femminile coordinato dalla Consigliera Maria Grazia Barreca e focalizza l’attenzione sul ruolo della donna nella nostra società sottolineando le difficoltà che ancora oggi la donna con disabilità visiva deve affrontare a causa dei pregiudizi sociali e culturali che spesso limitano l’autonomia e la libera espressione delle sue potenzialità e delle sue ambizioni.

Negli anni passati, anni di normalità pre-Covid, i festeggiamenti della ricorrenza hanno previsto un messaggio di auguri a tutte le donne sul cellulare (attraverso WhatsApp), su Facebook e sul sito, il recapito di mimosa porta a porta a tutte le Socie e, essendoci una prevalenza di persone nella fascia della terza età, l’incontro in Sezione in un’atmosfera di festa con canti, lettura di poesie, un rinfresco e scambio di mimosa.

Quest’anno oltre al Covid soffiano venti di guerra, gelidi e spietati, che spazzano via ogni speranza di normalità e ogni gioia, portando desolazione, creando ulteriore povertà e rendendo ancora più deboli coloro che già lo sono, bambini e disabili soprattutto.

Allora a questo 8 marzo 2022, Giornata Internazionale della donna, la Sezione UICI di Enna ha voluto dare anche un’impronta che lo differenziasse dagli altri anni.

Si è mantenuta infatti la tradizione del messaggio di auguri a tutte le Socie. Le donne si sono collegate per seguire attraverso Zoom, Slash Radio e la pagina Facebook della Presidenza Nazionale l’evento online Oltre le barriere: Donne di successo organizzato dalla Presidenza Nazionale su sollecitazione del Gruppo di Lavoro UICI Nazionale 3 (Pari Opportunità – Donne, Anziani, Giovani, Ipovisione) per celebrare la Giornata Internazionale della Donna con interventi relativi agli ambiti psico-sociale, estetico-emozionale e atletico-sportivo e le testimonianze di donne che si sono distinte nei vari settori.

Il collegamento all’evento nazionale ha reso possibile, anche se ancora fisicamente lontane e distanziate per il persistere delle norme di cautela a causa del Covid, essere vicine nella partecipazione e nella condivisione, in quella sorellanza che fa emergere il bello, che fa trionfare il buono, che sa indicare il giusto, venendosi a trovare in un cerchio solidale che crea e dà forza, che rende consapevoli, che dà la giusta spinta per costruire, per rivendicare, per pretendere, per avere riconosciuto quel rispetto che è dovuto ad ogni persona, per vivere con consapevolezza il proprio essere donna al di là di ogni preconcetto negativo (donna debole, incapace, limitata, non adatta a quel compito) o positivo (madre esemplare, donna più sensibile, più empatica, più duttile, più forte, più coraggiosa) che cristallizza in ruoli stereotipati: noi donne non siamo delle figurine; siamo persone e abbiamo difetti e pregi come tutti; non siamo né sante né virago; siamo come siamo e basta.

Gli elementi che hanno differenziato questo 8 marzo sono stati due: il primo, proporre (in accordo con il Presidente Di Gregorio e mettendolo come punto all’ordine del giorno del prossimo Consiglio sezionale) di devolvere il gettone di presenza dei Consiglieri in favore dei ciechi e degli ipovedenti ucraini; il secondo, la decisione di partecipare alla raccolta di indumenti organizzata dalla Croce Rossa di Enna.

Ancora una volta la Sezione UICI di Enna, con le donne della Sezione (ma anche gli uomini sono stati coinvolti), ha voluto essere parte attiva, dare testimonianza di partecipazione consapevole alla vita di tutti, intervenire per quello che è possibile, anche con un piccolo gesto, non rimanere passiva spettatrice di un fenomeno come la guerra in Ucraina, che ci riguarda e ci chiede di non rimanere indifferenti nella sicurezza delle nostre case. 

Anna Buccheri

Pubblicato il 14/03/2022.

Calabria – 8 marzo … Dall’UICI calabrese un messaggio di speranza

Autore: Pierfrancesco Greco

Le varie sedi territoriali promuoveranno diverse iniziative volte a “celebrare questa giornata così significativa per tutti noi e che, in modo particolare in questo periodo, sarà motivo di riflessione rispetto alla sofferenza che stanno vivendo le donne ucraine a causa del conflitto nella loro terra”.

8 marzo … Dall’UICI calabrese un messaggio di speranza, all’insegna della divulgazione, della sensibilizazione e della prevenzione.

Forza e grazia sono peculiarità spiccanti nell’universo femminile, in quell’altra metà del cielo che ogni giorno dona forma e fulgore ai momenti in cui l’umana socialità trascorre l’esistenza; fulgore, ovvero luce, che splende nella plumbea condizione della nostra caducità, risultata particolarmente marcata durante la pandemia ed evidenziata ulteriormente, in questi giorni, dalla tempesta bellica che sta sferzando l’Ucraina. Anche in questi momenti, la forza non disgiunta dalla grazia, di cui s’è scritto poco fa, è aria salubre, sollievo accogliente, ancora ferma tra i marosi, luce, appunto, foriera di serenità. Una luce, quella che la dimensione femminile riesce a promanare, che è veramente immagine della luce che porta negli occhi la bellezza del mondo; quella luce che l’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, da oltre cento anni, cerca di portare, in altre forme, egualmente straordinarie, nella quotidianità di chi si relaziona con il resto del mondo attraverso i sensi, attraverso gli strumenti, attraverso i canali alternativi a quelli che hanno la vista come riferimento. Una missione, quella dell’UICI, votata all’inclusione, all’integrazione, alle pari opportunità, insomma a quelle tematiche, a quei diritti i quali hanno dato linfa alle lotte che negli anni hanno permesso alla donna di principiare nella conquista del giusto spazio, dell’opportuna centralità, della naturale imprescindibilità nella vicenda umana, in un cammino d’emancipazione che non s’è ancora concluso ma che, anzi, è tuttora punteggiato da ostacoli, da resistenze da pregiudizi inaccettabili, soprattutto in alcune aree del mondo; ostacoli, resistenze e pregiudizi che sono, in effetti, parte di quell’irrazionale condotta morale sfociante nei guasti che angustiano i nostri giorni; ostacoli, resistenze e pregiudizi che anche i disabili della vista hanno incontrato sulla loro strada, e che incontrano ancora; ostacoli, resistenze e pregiudizi contro cui continuare a impegnarsi strenuamente, in ogni ambito, senza quartiere, alla ricerca di una nuova realtà, più bella, più umana, gioiosamente pacificata. Una realtà che è l’orizzonte di tutto il mondo, di ogni donna, di ogni uomo, soprattutto di ogni bambina e di ogni bambino; una realtà che è anche l’orizzonte dell’UICI, la quale, proprio per questo, ogni anno dà grande risalto alle celebrazioni dell’8 marzo, Festa della Donna; una giornata che le sezioni territoriali Calabresi dell’Unione vivranno intensamente, con momenti d’incontro, di studio, di sensibilizzazione, secondo i canoni connotanti la loro capillare ed efficace attività. Ma vediamo, nel dettaglio, i programmi elaborati nelle varie sedi:

  • La sede territoriale di Catanzaro oggi, 7 marzo, dalle ore 15.00 alle 18.00 promuoverà iniziative divulgative presso i centri commerciali “Le vele” c/o Montepaone, “Le Fontane” c/o Catanzaro e “I due Mari” c/o Maida (Lamezia Terme); iniziative che si terranno in questi giorni anche nelle zone centrali di Catanzaro, Soverato e Lamezia Terme. Inoltre, nei giorni 8 – 9 – 10 marzo dalle ore 15.00 alle 18.00 si effettueranno screening oculistici presso il gabinetto oculistico in via Gattoleo n 2 sede polivalente UICI Catanzaro; nello specifico, domani, 8 marzo, gli screening saranno dedicati alle donne ucraine e immigrate. A corollario di tutto questo, sono stati realizzati videoclip per la giornata, da trasmettere eventualmente nel Format “Non ci vedo … ma ci credo”, ideato da Luciana Loprete; 
  • La sede territoriale di Crotone, da lunedì 7 a giovedì 10, promuoverà momenti divulgativi a mezzo stampa e tv, con distribuzione del materiale illustrativo e informativo sul territorio provinciale mentre in data 10, a partire dalle ore 9, si effettueranno screening presso l’ambulatorio sezionale;
  • La sede territoriale di Reggio Calabria organizza un incontro che si svolgerà domani, 8 marzo, su piattaforma zoom alle ore 16:00 con lo scopo di vivere un momento di confronto, dove ciascuno si potrà raccontare per condividere la propria esperienza con tutti i partecipanti. All’evento saranno presenti il Presidente sezionale UICI di Reggio Calabria, Francesca Marino, la Consigliera nazionale UICI, Annamaria Palummo, il Presidente regionale UICI Calabria Pietro Testa. Nel corso dei lavori, moderati dalla Consigliera delegata e responsabile del settore Pari Opportunità dell’UICI reggina, Francesca Barranca, interverrà la Vice Presidente della Regione Calabria Giuseppina Princi. “Ampio spazio, ovviamente, sarà dedicato a tutti coloro che vorranno intervenire. Vi aspettiamo numerosi per celebrare questa giornata così significativa per tutti noi e che, in modo particolare in questo periodo, sarà motivo di profonda riflessione rispetto alla sofferenza che stanno vivendo le donne ucraine a causa del conflitto che si sta consumando nella loro terra”, affermano i dirigenti UICI reggini. Di seguito le credenziali di accesso alla piattaforma Zoom: dal seguente link: https://zoom.us/j/98199251212 . Per accedere da telefono fisso o mobile, va composto uno a scelta tra i seguenti numeri: 02 12 41 28 823 – 06 94 80 64 88 e, quando richiesto, digitare il codice della riunione ID: 981 992 512 12 seguito dal tasto cancelletto e successivamente digitare nuovamente il tasto cancelletto;
  • La sede territoriale di Vibo Valentia, “poiché quella dell’8 Marzo è una data inclusa nel periodo celebrativo della Settimana Mondiale del Glaucoma”, ha organizzato il seguente programma che prenderà avvio domani, 8 Marzo, “Giornata Internazionale della Donna”, con uno Screening Oculistico Gratuito (in sede, dalle ore 9 alle 12) – curato dall’Oculista ASP Dr. Gabriele Fera. In contemporanea si svolgerà la distribuzione, per le principali vie di Vibo (a cura dei giovani del Servizio Civile) degli opuscoli IAPB sulla Prevenzione del Glaucoma. Durante lo screening, saranno consegnati rametti di mimosa a tutte le donne visitate. La mimosa verrà confezionata in cellofan di colore blu (per realizzare i colori della bandiera Ucraina) ed avrà la scritta (in nero e braille) “Pace”. Verrà consegnata da una mamma Ucraina, il cui figlio assolve alla missione sacerdotale proprio nei luoghi della guerra. Durante la mattinata, si svolgerà lo Speciale Mediatico (curato dal giornalista Maurizio Bonanno – Telespazio TV e Calabria TV), con intervista al Dr. Fera e ad un Delegato ASP. Mercoledì 9 Marzo si effettuerà lo Screening Oculistico Gratuito (in sede, dalle ore 9 alle 12), curato dall’Oculista Dr. Fausto Ferrari (Società Italiana Glaucoma).  Le due giornate godranno della collaborazione di Lions e Leo Club di Vibo Valentia. Parteciperanno alle due giornate i ragazzi della classe 5^ F Settore Ottico dell’Istituto di Istruzione Superiore “De Filippis – Prestia” di Vibo, i quali proseguiranno il Percorso di Competenze Trasversali e di Orientamento intrapreso con l’U.I.C.I., grazie ad una convenzione specifica tra l’associazione e l’istituto medesimo.

Un programma copioso di appuntamenti e iniziative, che, oltre a recare grande giovamento, sotto ogni aspetto, a coloro i quali aderiranno, veicolerà, nel difficile frangente attuale, un messaggio di speranza, di pace, di amore: quell’amore che solo l’altra metà del cielo riesce a elargire, anche nelle situazioni più critiche, con grazia e forza.

Ascoli Piceno -La forza delle donne, oltre ogni malattia e disabilità

8 marzo insieme per Iom Uici

“Celebriamo insieme la Giornata Internazionale della Donna per onorare degnamente una ricorrenza che coinvolge in modo attivo tutto l’universo femminile”.

Con queste parole le responsabili dello Iom (l’associazione che cura l’assistenza domiciliare gratuita per i malati oncologici) e dell’Uici (l’unione italiana ciechi e ipovedenti) di Ascoli Piceno e Fermo presentano l’evento promosso per domani, in occasione dell’8 marzo.

In programma una tavola rotonda che si svolgerà dalle 9.30 alle 12.30 nella sede Uici, all’Officina dei Sensi, in via Copernico, 8 ad Ascoli Piceno.

“L’incontro – spiega la presidente Uici, Gigliola Chiappini – tratterà, con interventi e testimonianze, il tema della forza delle donne e dell’importanza del riconoscersi come uniche nonostante la malattia, la disabilità, le difficoltà legate alla conciliazione vita-lavoro, con il fil rouge della prevenzione e dell’amore di sé”.

Interverranno il medico radiologo dell’U.O.C. di Radiologia dell’ospedale Mazzoni di Ascoli Piceno e la ginecologa Rita Travaglini. Seguiranno diverse testimonianze. Al termine della mattinata sarà piantata una mimosa in giardino.

Chi non potrà partecipare in presenza, avrà la possibilità di seguire l’evento in rete attraverso la piattaforma zoom. Ecco il link d’accesso:

Entra nella riunione in Zoom

https://zoom.us/j/3481433786?pwd=cEFsRDBXVUovOUlkclp2Q2paN2RGdz09

ID riunione: 348 143 3786

Passcode: 895279

In base alla recente normativa Covid-19 potranno accedere all’evento i possessori di green pass.

Mantova – Giornata Internazionale della Donna

Giornata Internazionale della donna e pari opportunità
martedì 8 marzo 2022 ore 17.30

“Gli stereotipi sulle donne, un muro da abbattere”

PROGRAMMA:
– Apertura e saluti della Presidente Mirella Gavioli, sezione territoriale U.I.C.I. di Mantova;
– Saluti della Coordinatrice regionale pari opportunità Letizia Lecchi e degli ospiti presenti;
– Introduzione della referente territoriale Pari opportunità e persone anziane Helene Simon;
– Relazione a cura dell’esperta Patrizia Aldrovandi dal titolo: gli stereotipi sulle donne, un muro da abbattere.
– Relazione della referente pari opportunità Helene Simon: gli stereotipi sulle donne non vedenti
– Dibattito
– Interviste a donne e uomini vedenti: quale era il pensiero sulle persone non vedenti e ipovedenti, prima di conoscerle e frequentarle? com’è cambiato il pensiero e l’approccio alla disabilità visiva e alla disabilità in generale, frequentando queste persone?
– Interviste a donne non vedenti e ipovedenti: Com’è cambiata la mia vita con l’arrivo della cecità, e come sono riuscita a conquistare e gestire la mia autonomia?
– Conclusioni e lettura di una poesia a tema sulle donne, a cura di Annamaria Razzini.

Vi aspettiamo numerosi!

Pubblicato il 04/03/2022.

Museo Omero – Giornata Internazionale della donna

Giornata Internazionale della donna
Ingresso gratuito per le donne.
8 Marzo 2022.
Museo Tattile Statale Omero, Ancona

Il Museo Tattile Statale Omero aderisce all’iniziativa del Ministero della Cultura per la Giornata Internazionale della donna offrendo loro l’ingresso gratuito alla collezione Design, martedì 8 marzo (apertura dalle ore 16:00 alle 19:00). Per l’occasione l’attenzione sarà puntata su Cini Boeri, architetta e designer italiana di fama internazionale, vincitrice del Compasso d’Oro ADI 1979.

Cini Boeri è stata una professionista con uno stile personale ben definito, che non ha mai avuto paura della sperimentazione, sempre aperta al dinamismo e alle novità.

Informazioni e curiosità sulla carriera della designer, sui suoi lavori e sulla sua esperienza professionale arricchiranno la visita.

L’invito è quello di recarvi alla collezione Design del Museo, vedere con i vostri occhi, e soprattutto toccare con mano una delle opere più iconiche della designer, ovvero Ghost, oggetto entrato a far parte della storia del nostro paese.

Esposta anche al MoMa di New York e prodotta nel 1987 dall’azienda pesarese FIAM, la Ghost è la poltrona in vetro curvato, fatto di pochi gesti.

Info
8marzo 2022 ore 16:00 – 19:00Museo Tattile Statale Omero – Mole Vanvitelliana
Banchina Giovanni da Chio 28, Ancona
Ingresso: 5 euro, gratuito per le donne.
Obbligatori: Super Green pass e mascherina chirurgica.

Pubblicato il 04/03/2022.

Brescia – Donne e glaucoma, la prevenzione nelle fasi della vita: 8 Marzo

In occasione della settimana mondiale del glaucoma e della giornata internazionale della donna, l’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti sezione di Brescia organizza per martedì 8 Marzo dalle 16 alle 18 circa un convegno dal titolo “Donne e glaucoma – la prevenzione nelle fasi della vita”.

Il convegno, aperto ai soci e alla cittadinanza, si svolgerà nel salone Ponti della Sezione dell’U.I.C.I. in via Divisione Tridentina 54 a Brescia, in modalità mista (in presenza e on line) e vedrà la partecipazione della dott.ssa Enrica Zinzini, responsabile del centro ipovisione presso ASST degli Spedali Civili di Brescia.

Programma:

ore 16 apertura dei lavori e saluto della Presidente sezionale Sandra Inverardi;

ore 16.10 “Glaucoma: l’importanza della prevenzione” a cura della Dott.ssa Enrica Zinzini;

ore 16.30 dibattito e domande;

ore 16.50 “Occhio alle donne: la salute visiva al femminile” a cura della Dott.ssa Enrica Zinzini;

ore 17.10 dibattito e domande.

Per partecipare si potrà telefonare alla segreteria sezionale chiamando il numero 030/2209416, dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18 ad esclusione del mercoledì mattina e del venerdì pomeriggio, oppure scrivere a segreteria@uicibrescia.it entro il 7 marzo alle ore 13, specificando la modalità di adesione (in presenza o da remoto comunicando il proprio indirizzo mail). Si riceverà successivamente, all’indirizzo mail fornito, il link per partecipare. Si ricorda infine che, vista la normativa in materia di covid 19, per presenziare fisicamente al convegno sarà necessario esibire il green pass rafforzato.

Pubblicato il 02/03/2022.

Perugia – Anche le violenze che non si vedono esistono

Azioni in rete di prevenzione e contrasto alla violenza di genere sulle donne con disabilità.

La frase riportata nel titolo comparirà in evidenza sulla panchina rossa multisensoriale che verrà inaugurata il giorno 15 dicembre, alle ore 11 ai giardini Carducci.

L’istallazione si propone, attraverso la compresenza di più linguaggi: tattile, visivo, simbolico, di sensibilizzare la cittadinanza di Perugia e chi (nuovamente) si troverà a visitare il capoluogo umbro sul fenomeno della violenza di genere rivolto contro donne con disabilità.

Perché lo sguardo non venga mai abbassato e l’attenzione rimanga alta – ha detto Maurizio Sbianchi Presidente della Sezione Territoriale di Perugia dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli ipovedenti ONLUS APS – è stata scelta una panchina in posizione centrale, nell’area dei giardini Carducci, dal lato dell’ampia terrazza che sovrasta gran parte del tessuto urbano perugino. L’iniziativa nasce dall’esigenza di informare, prevenire e contrastare le violenze di genere esercitate sulle donne cieche e ipovedenti, favorendo l’uscita da un isolamento che intensifica le violenze stesse, non consentendo possibilità di rintracciare vie d’uscita.

Il lavoro è stata concepito e portato avanti, con il consenso del Comune di Perugia e della Sovraintendenza ai Beni culturali, grazie all’impegno personale dell’assessora alle politiche sociali, Edi Cicchi, e al lavoro di rete promosso e sostenuto dalla sede Territoriale di Perugia dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti ONLUS – APS (UICI) insieme con l’associazione La Rete delle donne Anti Violenza ONLUS, attiva nella provincia di Perugia, dove gestisce le due sedi del punto d’Ascolto antiviolenza della zona sociale 3.

L’installazione della panchina “multisensoriale” rossa ha la funzione di ricordarci che la violenza di genere (multipla) verso le donne con disabilità – anche se non evidente, visibile, esiste e permea tutti gli aspetti della nostra esistenza. “Noi stesse incontriamo difficoltà a riconoscerne le diverse forme perché, in virtù della disabilità, siamo educate a non contare, a non essere protagoniste, a essere defilate, occultate, fino all’invisibilità” – riferisce Paola Palazzoli componente della sede Territoriale di Perugia dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti ONLUS – APS  e Presidente della Rete delle donne antiviolenza ONLUS.

Le diverse componenti che hanno dato vita al progetto, si sono mosse dalla necessità di attribuire maggiore esposizione alle donne con disabilità, che subiscono, o sono a rischio di subire violenze di genere, nelle relazioni personali, in quelle intime, sessuali, contro il condizionamento psicologico, in ambito sociale ed economico, nell’ accesso al mondo del lavoro e professionale. 

Il passaggio successivo al riconoscimento della gravità del fenomeno, è stato quello di avviare un’intensa attività di sensibilizzazione e contemporaneamente di predisporre strumenti per affiancare le donne, con disabilità, che ne rimangono coinvolte, grazie all’intensificazione delle relazioni tra le due associazioni.

Pubblicato il 14/12/2021.

Giornata della donna e delle pari opportunità

GIORNATA DELLA DONNA E DELLE PARI OPPORTUNITA’

DOMENICA 7 MARZO ORE 17.00

promossa dalle sezioni UICI DI MANTOVA, COMO, CREMONA

E CON LA PARTECIPAZIONE DELLA SEZIONE TERRITORIALE DI TRIESTE

Titolo dell’evento: “LE DONNE CHE HANNO COSTRUITO LA REPUBBLICA: LE MADRI COSTITUENTI”

PROGRAMMA:

collegamento sulla piattaforma Zoom Meeting

ORE 17.10: Apertura musicale.

Saluti delle presidenti: per UICI Mantova Mirella Gavioli, per UICI Cremona Flavia Tozzi, per UICI Como il Presidente Claudio la Corte, per UICI Trieste il presidente  Pierpaolo Lenaz.

ORE 17.30

introduzione all’incontro, a cura di Helene Simon, referente macroarea pari opportunità, ipovedenti e persone della terza età per la sezione territoriale di Mantova.

A seguire, intervento della dott.sa Patrizia Aldrovandi, che ci parlerà dell’origine della giornata mondiale della donna e perchè la si associa al fiore di Mimosa e delle donne che, nell’immediato dopo guerra, hanno contribuito a costruire la Repubblica, le cosiddette “Madri Costituenti”.

Dopo un gradito intermezzo musicale offerto dagli amici Michela Barrasso e Domenico Cataldo dalla sezione territoriale di Como, ascolteremo alcune letture di storie di queste donne straordinarie, dalle voci di Laura luglio, Annamaria Razzini, e di Flavia Tozzi, Presidente della sezione di Cremona

A conclusione, il cantautore Josef Lo Presti sempre della sezione UICI di Como, ci dedicherà un brano musicale.

ORE 18.30: La parola alla Dott.ssa Erica Monteneri, che ci presenterà il libro “Cammei”, di cui è l’autrice, a cui seguirà la lettura di alcuni estratti.

Dopo un ulteriore brano musicale live, spazio agli interventi da parte dei presenti.

Ore 19.15 circa, ringraziamenti e saluti con chiusura musicale.

Per collegarsi alla piattaforma Zoom, utilizzare il seguente link: https://zoom.us/j/97407563907?pwd=WnloSzVGQW1WSDlsKytnMDIzV2Jrdz09

ID riunione: 974 0756 3907

Passcode: 901741

Un tocco su dispositivo mobile

+390200667245,,97407563907#,,,,*901741# Italia

+3902124128823,,97407563907#,,,,*901741# Italia

Componi in base alla tua posizione

+39 020 066 7245 Italia

+39 021 241 28 823 Italia

+39 069 480 6488 Italia

ID riunione: 974 0756 3907

Passcode: 901741

VI ASPETTIAMO NUMEROSI!