Napoli – Comunicare con le mani, per superare ogni barriera

Corso per l’apprendimento del metodo Malossi
Maggio-giugno 2019

La Sezione Territoriale dell’U.I.C.I. di Napoli, con la Sezione Territoriale dell’Istituto di Ricerca, Formazione e Riabilitazione (I.Ri.Fo.R.) di Napoli organizza un corso per l’apprendimento del “metodo Malossi” – il linguaggio per comunicare con le persone sordo-cieche.

Il corso inizierà il giorno 25 maggio, si comporrà di 28 ore di lezioni frontali e si concluderà con un esame finale il giorno 29 Giugno 2019.
Il corso avrà luogo ogni sabato, presso la Sede Territoriale dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, in Via San Giuseppe dei Nudi, n.80 – Napoli – e le lezioni avranno una durata di 4 ore, dalle ore 9.00 alle ore 13:00.
Il contributo di partecipazione al corso sarà di 150,00 euro (per i soci UICI con tessera associativa aggiornata, la quota di iscrizione è pari a 100,00 euro).
Il corso è rivolto a docenti – i quali potranno attivare la “carta del prof – e agli educatori, ai genitori, ai volontari e a tutti coloro che sono interessati. Questi ultimi dovranno effettuare il pagamento tramite bonifico bancario, intestato a: Istituto per la Ricerca, la Formazione e la Riabilitazione di Napoli – IBAN: IT 70 M 02008 03443 000104815866

Programma del corso:
Illustrazione ed esercitazione sul metodo Malossi; la tiflologia a sostegno dell’inclusione dei disabili pluriminorati; esercitazione con il Malossi; l’autonomia dei disabili sordo/ciechi.

Docenti del corso
– dott. Carlo Barbato – neuropsichiatra infantile,
– dott. Giovanni Bosco Vitiello –istruttore di orientamento mobilità e autonomia personale dei disabili visivi;
– dott. Massimiliano Imparato – esperto nell’insegnamento del “metodo Malossi”;
– dott. Antonio Russo – esperto in pluridisabilità e sordo cecità.

Per ulteriori informazioni, per l’attivazione della carta del docente e per le iscrizioni al corso è possibile rivolgersi all’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti– referente Paola Capriglia, tel.0815498834, napoli@irifor.eu, uicna@uiciechi.it.

Le iscrizioni al corso dovranno essere effettuate entro il giorno 22 maggio 2019;
il corso verrà attivato con un minimo di 10 partecipanti.

Napoli – Newsletter del 19 aprile 2019

AUGURI PASQUALI
Il Presidente, il Consiglio, i dipendenti e tutti i volontari e collaboratori della Sezione di Napoli dell’Unione Italiana dei ciechi e degli Ipovedenti inviano a voi e alle vostre famiglie gli auguri perché possiate trascorrere una lieta e serena Pasqua.

COMPILAZIONE MODELLI 730 E ISEE:
Nell’ottica di potenziare i servizi per i nostri soci e per le loro famiglie, informiamo che tutti i mercoledì presso la nostra sede di Via San Giuseppe dei Nudi n.80, dalle 15.00 alle 18.00, è attivo uno sportello fiscale dove le nostre referenti assisteranno nella compilazione e invio del modello 730/2019 e modelli ISEE.
Per info è possibile contattare Carla Borrelli : tel. 3420608889 – e-mail cborrelli_2@libero.it.

COMUNICARE CON LE MANI, PER SUPERARE OGNI BARRIERA
Corso per l’apprendimento del metodo Malossi
Maggio-giugno 2019
La Sezione Territoriale dell’U.I.C.I. di Napoli, con la Sezione Territoriale dell’Istituto di Ricerca, Formazione e Riabilitazione (I.Ri.Fo.R.) di Napoli organizza un corso per l’apprendimento del “metodo Malossi” – il linguaggio per comunicare con le persone sordo-cieche.
Il corso inizierà il giorno 25 maggio, si comporrà di 28 ore di lezioni frontali e si concluderà con un esame finale il giorno 29 Giugno 2019.
Il corso avrà luogo ogni sabato, presso la Sede Territoriale dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, in Via San Giuseppe dei Nudi, n.80 – Napoli – e le lezioni avranno una durata di 4 ore, dalle ore 9.00 alle ore 13:00.
Il contributo di partecipazione al corso sarà di 150,00 euro (per i soci UICI con tessera associativa aggiornata, la quota di iscrizione è pari a €100,00).
Il corso è rivolto a docenti – i quali potranno attivare la “carta del prof – e agli educatori, ai genitori, ai volontari e a tutti coloro che sono interessati. Questi ultimi dovranno effettuare il pagamento tramite bonifico bancario, intestato a: Istituto per la Ricerca, la Formazione e la Riabilitazione di Napoli – IBAN: IT 70 M 02008 03443 000104815866

Programma del corso:
Illustrazione ed esercitazione sul metodo Malossi; la tiflologia a sostegno dell’inclusione dei disabili pluriminorati; esercitazione con il Malossi; l’autonomia dei disabili sordo/ciechi.

Docenti del corso
– dott. Carlo Barbato – neuropsichiatra infantile,
– dott. Giovanni Bosco Vitiello –istruttore di orientamento mobilità e autonomia personale dei disabili visivi;
– dott. Massimiliano Imparato – esperto nell’insegnamento del “metodo Malossi”;
– dott. Antonio Russo – esperto in pluridisabilità e sordo cecità.

Per ulteriori informazioni, per l’attivazione della carta del docente e per le iscrizioni al corso è possibile rivolgersi all’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti– referente Paola Capriglia, tel.0815498834, napoli@irifor.eu, uicna@uiciechi.it.

Le iscrizioni al corso dovranno essere effettuate entro il giorno 22 maggio 2019;
il corso verrà attivato con un minimo di 10 partecipanti.

CHIUSURA UFFICI SEZIONALI 26 APRILE 2019
Si comunica che gli uffici sezionali resteranno chiusi venerdì 26 aprile 2019.

Grosseto – Apertura punto di ascolto Follonica

Continua l’attività dell’Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti di Grosseto con l’apertura di un nuovo punto di ascolto a Follonica, in Via Zara, 4.

A tale scopo i volontari dell’associazione saranno presenti presso questo ufficio ogni quarto martedì di ogni mese dalle ore 9:30 alle 11:00 e saranno a disposizione dei propri soci e di tutte le persone con gravi minorazioni visive per fornire loro un supporto tecnico, dare informazioni sulle iniziative e i servizi offerti da U.I.C.I. compreso quello relativo al patronato per l’invio di domande di riconoscimento di invalidità.

I lavori prenderanno il via, quindi, a partire da martedì 23 aprile. Il distaccamento a Follonica si aggiunge così a quelli già attivi presso gli ospedali di Orbetello, (primo martedì di ogni mese) e Castel del Piano (secondo martedì di ogni mese). L’iniziativa nasce dall’esigenza di U.I.C.I. di avere una presenza più capillare sul territorio ed essere più vicini e funzionali per tutti coloro che ne hanno bisogno, vista l’estensione della Provincia di Grosseto.

Sant’Anastasia (Na) – “Fare rete”

Pensiamo che, “fare rete” tra le Associazioni del territorio, sia un atteggiamento di importante crescita dove l’intero tessuto sociale beneficia di uno scambio vicendevole di mutuo aiuto e reciproca partecipazione.
Vogliamo farci portavoce di questo alto concetto di umanità e, a dimostrare ciò, è stato l’incontro con le Associazioni Leo Club Pomigliano e RotarAct Nola-Pomigliano avvenuto il 16 aprile, nel pomeriggio, presso il Presidio Uici di Sant’Anastasia.
Ricorderete l’Aperitivo al Buio del 27 Febbraio c.a., tenutosi presso il Teatro Summarte di Somma Vesuviana, che l’Uici ha realizzato con le suddette Associazioni ed il cui ricavato era destinato all’acquisto di ausili per disabili visivi… oggi, ci è giunto questo grande regalo…
Come si evince dalle foto allegate in fondo, è stato spacchettato il pacco contenente circa 40 ausili tiflotecnici utili per l’autonomia dei minorati della vista e che utilizzeremo nei corsi di “autonomia domestica e personale” rivolti a ciechi ed ipovedenti.
Ringraziamo Victor e Rosa, presidenti delle sopra citate Associazioni, per la vicinanza che ci hanno mostrato con l’attiva partecipazione all’evento al buio affinché potessimo recuperare fondi per l’acquisto di tale materiale che, ricordiamo, ci fu rubato.
Grazie, ancora una volta, a tutti i partecipanti dell’Aperitivo al buio, perché oggi, grazie al vostro sostegno, possiamo di nuovo assicurare corsi di formazione di autonomia ai Soci Uici.
Infine, per rafforzare il concetto dello “scambio vicendevole” come sinonimo di solidarietà, questo Presidio Uici, nelle persone del Referente Giuseppe Fornaro, Collaboratori e Volontari, ha donato ai bambini e ragazzi dell’Associazione MIR, delle uova pasquali.

Foto scattata durante lo spacchettamento del pacco contenente 40 ausili tiflotecnici

Foto scattata durante lo spacchettamento del pacco contenente 40 ausili tiflotecnici

Foto di gruppo dopo lo spacchettamento dei 40 ausili tiflotecnici

Foto di gruppo dopo lo spacchettamento dei 40 ausili tiflotecnici

Torino – Notiziario audio 011NEWS, n. 14-2019

Al seguente link è possibile ascoltare la nuova edizione del notiziario audio 011NEWS, n. 14/2019 di venerdì 12/4/2019:

In primo piano:
– Mobilità: nuovo incontro sul servizio comunale di trasporto per disabili, messo in crisi da ritardi e inefficienze. Critiche le associazioni: “Serve un nuovo regolamento”. UICI Torino nel gruppo di lavoro chiamato a trovare soluzioni concrete
– Oltre 2.400 euro raccolti durante il concerto “Aspettando Oltre la Vista Oltre la SLA”. Saranno devoluti alla ricerca. E ora si attende la manifestazione podistica, quest’anno in programma il 1 maggio
– Progettano da anni dispositivi per aiutare chi non vede. Tra le loro idee, una stampante braille a basso costo. A un gruppo di giovanissimi studenti piemontesi il premio Scuola Digitale del Ministero dell’Istruzione

Grazie, buon ascolto!

Cosenza – L’etichetta accessibile, una strada per superare le barriere invisibili, di Pierfrancesco Greco

Annamaria Palummo (Consigliere Nazionale UICI): “Occorre andare oltre i paradigmi che vincolano la libertà dei non vedenti”.
Presso la Sede della Provincia di Cosenza, un Convegno su pari opportunità e accessibilità alle informazioni alimentari

Cultura delle pari opportunità e scienza dell’accessibilità hanno riempito di contenuti il simposio “L’etichetta accessibile per superare barriere invisibili”, svoltosi nei giorni scorsi nella cornice della Sala degli Specchi, presso la Sede della Provincia di Cosenza. Un’interessante discussione, promossa dalla Sezione UICI di Cosenza, a cui hanno preso parte i vertici provinciali e nazionali dell’UICI, nonché diversi rappresentanti delle istituzioni regionali ed europee e del mondo imprenditoriale; un convegno in cui s’è parlato della necessità di rendere democratica la comunicazione sulla corretta alimentazione, o meglio, sui prodotti, da rendere accessibili a tutti, abbattendo un’altra barriera, una barriere immateriale, una delle tante erette dalla superficialità della società, di un consesso civico spesso distratto rispetto alle specificità di chi ha necessità diverse dall’ ordinario. Specificità che devono obbligatoriamente fare rima con Libertà: quella libertà che dona luce all’esistenza di ogni essere umano. E Libertà vuol dire anche avere la possibilità, per chi non vede, di leggere in braille le informazioni riportate sulle etichette degli alimenti; una possibilità che oggi è offerta in Calabria dall’azienda agricola “Paolo Tucci” di Marcellinara (CZ), produttrice di olio d’oliva, assoluta eccellenza gastronomica calabrese, che ha fatto da nobile sfondo all’incontro, moderato dall’avvocato Nunzio Denisi, consulente legale dell’UICI Calabria; una possibilità che deve svilupparsi in ogni ambito dell’offerta alimentare, trovando sponda nel progresso tecnologico e, soprattutto, in una nuova sensibilità condivisa verso i temi dell’integrazione. “Un’iniziativa sociale importante – ha affermato il Presidente Provinciale dell’UICI cosentina Franco Motta – per superare vincoli materiali e immateriali, per riaffermare la dignità e il diritto alla conoscenza e all’accessibilità come prassi consolidata”. Un tema, quello dell’accessibilità, che “inerisce alla rottura dei paradigmi – ha proseguito il Consigliere Nazionale dell’UICI Annamaria Palummo -; paradigmi in cui trovano fondamenta le barriere; barriere che noi abbiamo la possibilità di valicare col braille, attraverso il tatto, e affinando gli altri sensi, quelli che permettono l’esplorazione aptica, l’intelligibilità della realtà. In questo senso, la necessità di informarsi autonomamente rispetto alle caratteristiche dei prodotti alimentari, si inserisce in quell’insieme di obiettivi che l’Unione intende mettere sempre più a fuoco, verso l’affrancamento dei ciechi dagli steccati che ancora vengono quotidianamente eretti sui percorsi della vita”. Ecco, l’etichetta accessibile, che completa il percorso di tracciabilità degli alimenti, e che ha preso respiro da una sinergia virtuosa tra soggetti operanti in ambiti diversi, rappresenta uno sprone e un esempio su come la condivisione dei progetti tra associazioni e istituzioni produce sempre grandi risultati; risultati che contrastano la deleteria invisibilità dell’indifferenza; risultati che si palesano, che si rendono visibili anche a chi non vede; quei risultati che fugano le ombre, rendendo il futuro più roseo.

Foto scattata durante l'inizio dei lavori del Convegno che ritrae i vari relatori al tavolo

Foto scattata durante l’inizio dei lavori del Convegno che ritrae i vari relatori al tavolo

Napoli – Tante attività a Napoli, di Mario Mirabile

“Si chiede all’assemblea di approvare questa relazione che dimostra l’enorme lavoro svolto nell’anno 2018 dalla Sezione UICI di Napoli, nella consapevolezza che per mantenere i diritti conquistati in tanti anni di dure battaglie, è necessario non abbassare la guardia e cooperare tutti quanti insieme sotto l’unica bandiera dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti.” Così si è conclusa la relazione morale relativa all’anno 2018 approvata lo scorso venerdì dai soci della Sezione di Napoli; una relazione lunga e articolata in cui sono state descritte tutte le attività, i progetti e le iniziative portate avanti lo scorso anno da dirigenti, responsabili dei presidi, dipendenti e volontari che hanno cercato di dare il massimo per fornire servizi di qualità ai disabili visivi residenti nell’area metropolitana di Napoli. Ma la lettura e l’approvazione dei documenti sono stati soltanto uno dei momenti dell’assemblea, infatti essa è stata aperta dall’intervento del socio onorario UICI e amico On. Paolo Russo e dal Presidente Nazionale Mario Barbuto che è intervenuto telefonicamente, manifestando ancora una volta l’affetto verso i soci della sezione partenopea. Come di consueto, l’assemblea è stata anche il momento per conferire dei riconoscimenti a coloro che si sono prodigati nei vari ambiti in favore dei non vedenti e dell’Unione e, questa volta, il Consiglio ha deciso di conferire una pergamena al prof. Stefano Perna – docente dell’Università degli Studi di Napoli Federico II e tra i responsabili della IOS Developer Academy; al dott. Corrado Pietrantuono – direttore della commissione medico-legale dell’INPS, il quale da tantissimi anni cerca di colmare le varie falle presenti nella burocrazia dell’Istituto di Previdenza e alla prof.ssa Bianca Gasparrini, la quale con la sua associazione realizza progetti finalizzati all’inclusione dei disabili visivi dell’Africa Centrale e l’Ultimo progetto, a cui sta partecipando anche la sezione UICI di Napoli, riguarda la costruzione di una ludoteca per ragazzi ciechi del Benin. Il conferimento di una pergamena ricordo ha simboleggiato soltanto il prosieguio della collaborazione con persone che hanno sposato a pieno la causa dell’Unione Ciechi e hanno compreso le esigenze dei disabili visivi. Il pomeriggio assembleare è stato al centro di una settimana ricca di attività ed iniziative tra le quali:
– la presentazione del percorso tattilo-plantare LOGESVET nella biblioteca comunale di Sant’Anastasia. Percorso fortemente voluto dai responsabili del locale presidio e dall’amministrazione comunale che, ancora una volta, dimostra di essere vicina alle istanze dell’Unione.
L’incontro seminariale “bisogni specifici degli allievi con disabilità visiva nella scuola di tutti e per tutti”, incontro organizzato dalla commissione istruzione per raccogliere le buone prassi in materia di inclusione scolastica e metterle in rete.
– Il laboratorio finalizzato a creare oggetti sul tema della Pasqua organizzato dalla commissione pari opportunità nei locali sezionali il giorno 13 aprile.
– Il seminario “Occhio al bagnante” organizzato in partnership con il comitato Spiagge superabili, nella sala consiliare del Comune di Meta. Il seminario è stato organizzato con l’intento di formare gli operatori balneari per far sì che i disabili sensoriali possano fruire a pieno delle spiagge e del mare nella prossima stagione estiva.

Catanzaro – L’Assemblea dei soci, pietra angolare dell’attività UICI, di Pierfrancesco Greco

Venerdì scorso, a Lamezia Terme, s’è svolta l’Assemblea dei Soci della Sezione Territoriale UICI di Catanzaro. La Presidente provinciale Luciana Loprete: “Un momento di altissimo valore democratico ed associativo, per la salvaguardia dei nostri diritti”

In un’Associazione di rappresentanza e tutela degli interessi morali e materiali di una categoria, qual è l’UICI, la sede territoriale costituisce l’elemento fondamentale o, se vogliamo usare un’immagine più evocativa e, certamente, maggiormente consona alla piramidale importanza che essa riveste contestualmente all’attività di un organismo articolato come quello in questione, la testata d’angolo che rende solida, forte, armonica l’intera struttura organizzativa: del resto, è la sede territoriale l’anello di congiunzione tra la base associativa e i quadri dirigenziali; è presso la sede territoriale che giungono le istanze, le problematiche, le criticità che lambiscono la quotidianità dei ciechi e degli ipovedenti; è nella sede territoriale che i soci dell’UICI incontrano le vite, gli umori, le riflessioni dei loro compagni di viaggio; in definitiva, è la sede territoriale il fulcro, il centro, il faro attorno a cui trova precipuo riferimento la parte più viva e, perciò, più vera dell’UICI. Risulta, perciò, chiara la valenza che, in seno all’attività di una sede territoriale, costituisce l’assemblea annuale dei soci: non solo un consuntivo inerente alle attività dell’anno trascorso, ma soprattutto una mappa, un percorso, uno sguardo prospettico verso il domani, verso le sfide che ancora attendono l’UICI e i suoi associati, verso le nuove conquiste lungo l’itinerario dell’autonomia e di un’integrazione sempre più concreta. Un appuntamento, questo, che la sede territoriale di Catanzaro, presieduta da Luciana Loprete, ha vissuto venerdì scorso a Lamezia Terme, nella cornice della Sala del Santuario di San Francesco di Paola: “un momento di altissimo valore democratico ed associativo – si legge nella relazione morale che la Presidente Loprete esporrà ai soci – per tutti noi . Non vi nascondo che sono emozionata di trovarmi quest’oggi con voi tutti in questa rinomata location e soprattutto nel territorio di Lamezia Terme. Ritengo e credo infatti che sia la prima volta che un’assemblea dei soci viene celebrata nel territorio Lametino, e che questo dimostri ancora una volta come il nostro ente è una famiglia unita che cerca di soddisfare sempre e comunque le esigenze di tutti. Certo il campanilismo non manca, le critiche neanche, ma siamo convinti, come consiglio e come sezione, di aver fatto nell’anno appena passato ciò che era nelle nostre possibilità per quanto attiene la copertura dell’intero territorio provinciale, adoperandoci nel mettere in campo tutte le professionalità possibili in favore di tutti i ciechi, ipovedenti e pluriminorati del territorio. Un ventaglio ed un’offerta di servizi talmente ampia e variegata che spesso, altri enti a noi vicini hanno preso ad esempio nell’intento di poter offrire a loro volta un servizio preciso e puntuale come quello che a seguito di un rodaggio ben fatto, ora rappresenta un modello da seguire tant’è che spesso e volentieri la nostra sezione ha presenziato sulla stampa locale ed associativa nonché sulla web radio della nostra Presidenza Nazionale, oggi più vicina al territorio ed all’utenza con l’uso dei social network e dell’assistente vocale Alexa. Una relazione dettagliata, focalizzata su tutte le attività che “il 2018 ha visto sorgere: utilizziamo tale termine perché l’Unione come sempre professiamo, è quella famiglia che dal 1920 ci ha permesso di vedere la luce del sole perché seppur molti lo dimentichino, oggi se tutti noi abbiamo delle pensioni e delle indennità considerevoli, se abbiamo il mondo del lavoro a noi aperto e se è stato possibile acculturarci, lo dobbiamo alla nostra Unione ed a chi prima di noi ha lottato in ogni sede ed in ogni modo affinché i diritti essenziali dell’uomo vedessero la loro applicazione anche per la nostra categoria. Le attività come di consueto hanno riguardato tutte le fasce di età in considerazione della nostra forte convinzione che il rapporto intergenerazionale sia uno strumento fondamentale per la crescita dei più giovani rappresentando di contro un forte stimolo per i più anziani. Ovviamente il tutto anche suddiviso per ambito e categoria come nel caso dell’integrazione scolastica che è per noi uno dei più importanti interventi che ogni anno ci vede attivi presso le scuole di ogni ordine e grado sia in fase preliminare che durante il percorso scolastico. Il 2018 ad esempio è stato connotato da una importante azione di formazione rivolta a circa 70 docenti e che, voluta dall’Ufficio Scolastico Regionale, ha visto la nostra sede di Via Spizzirri diventare per due settimane il centro di formazione di una buona parte degli insegnanti di sostegno del territorio regionale. Un vanto per la nostra sezione in quanto l’intento dell’USR è stato proprio quello di affidare ad un ente rappresentativo e preparato come il nostro, la formazione degli insegnanti che nell’A.S. 2018-2019 avrebbero seguito alunni ciechi, ipovedenti e pluriminorati. Inoltre la nostra presenza è stata constante all’interno delle scuole di ogni ordine e grado tant’è che il nostro personale in più occasioni ha partecipato agli incontri dei gruppi scolastici dei nostri alunni disabili visivi. L’integrazione scolastica è individuata come un intervento strategico perché una buona e completa integrazione rappresenta la rampa di lancio per un altro inserimento fondamentale, quello dell’avviamento al lavoro. Finito il ciclo di studi infatti è quanto mai fondamentale avviare ogni azione e strategia affinché il mondo del lavoro possa trovare collocazione per i nostri ragazzi, da questa volontà infatti con estrema soddisfazione possiamo asserire che il 2018 come il 2017 ha visto ancora una volta un buon numero di assunzioni. Abbiamo infatti operato per snellire le graduatorie di cui alle L. 113/85 nonché le graduatorie di cui alla L. 68/99 che rispettando i parametri delle nuove figure equipollenti ci ha dato modo di avviare nuovi addetti alle mansioni amministrative, docenti, operatori di call center, URP ed operai in enti pubblici e privati. Ovviamente il nostro lavoro non può e non deve ritenersi concluso perché seppur tante siano le persone avviate, tante altre sono quelle ancora da avviare ed è per questo motivo che la nostra associazione ha messo in campo ogni forza affinché si mantenesse la propria rappresentanza all’interno dei comitati tecnici per l’avviamento al lavoro dei soggetti disabili perché, come sancisce la convenzione ONU sui diritti dei disabili, niente su di noi, senza di noi. Ogni azione, ogni intervento ed ogni intenzione è finalizzata a dare una continuità nel percorso di crescita del soggetto, da qui ne deriva la necessità di perseguire la strada della formazione e della riabilitazione attraverso costanti azioni tendenti all’emancipazione del soggetto cieco, ipovedente e pluriminorato. Azioni che anche nel 2018 sono nate da una costante collaborazione con l’IRIFOR e che hanno visto l’avvio di progetti sul “supporto alla genitorialità”, di “intervento precoce” per bambini di età compresa tra 0 e 6 anni, progetti di Orientamento, Mobilità ed Autonomia Personale per adulti e studenti, il Campo Estivo abilitativo e riabilitativo per giovani sino ai 35 anni, Campo Estivo per adulti, un corso di tifloinformatica per ragazzi disoccupati che ha visto la partecipazione di 10 utenti per un totale di 120 h di lezione in aula ed infine l’immancabile laboratorio teatro-corale che ci ha visti costantemente impegnati nelle prove settimanali e nelle tantissime esibizioni dove siamo stati protagonisti in ambientazioni di notevole rilievo anche nazionale. L’attività corale nello specifico, è divenuta negli anni anche uno strumento di solidarietà nei confronti di altri enti e soggetti tant’è che ci ha permesso di portare il nostro messaggio di speranza all’interno dell’istituto penitenziario “U. Caridi” di Catanzaro; attività che ci ha, inoltre, condotto a stipulare con il tribunale minorile e ordinario un protocollo d’intesa per la messa in prova dei detenuti. Solidarietà ovviamente che non si è esaurita esclusivamente con tali momenti, giacché tante altre sono state le occasione ove la nostra sezione è stata protagonista di iniziative solidaristiche, come il Banco Alimentare, e di azioni di supporto alla collettività, attraverso i servizi legali, assicurati dal Consulente Legale Regionale, e fiscali, garantiti dal consulente del lavoro e fiscale sezionale, oltre che attraverso l’attività strategica di CAF e Patronato. Quest’attività ci ha consentito quindi di allargare l’azione della nostra associazione anche all’esterno tant’è che nell’ottica di una sempre più ampia diffusione della nostra organizzazione, del mondo che ci circonda e della prerogativa d’integrazione nel contesto sociale territoriale abbiamo proseguito nella collaborazione con enti come il Banco Alimentare, l’Associazione Italiana Arbitri, il CSV di Catanzaro e molte della associazioni ad esso iscritte. Abbiamo inoltre stipulato convenzioni con associazioni di rilievo come l’AVIS che ci ha visto impegnati nel comune intento di prevenire la cecità con campagne itineranti e donazione del sangue anche nelle varie sedi comunali di AVIS e che a Dicembre presso la nostra sede ha permesso l’organizzazione di una giornata interamente dedicata alla donazione. La Prevenzione della Cecità infatti è da considerarsi come una delle principali azioni della nostra sezione, molte sono infatti le occasioni anche grazie al Lions Club di Soverato e nelle quali abbiamo dato la possibilità alla cittadinanza di sottoporsi a screening gratuito ed al quale a circa il 40% abbiamo suggerito un approfondimento specialistico. La prevenzione della cecità, per noi come anzidetto di notevole importanza ci ha visti protagonisti durante tutto l’anno, con il supporto di tanti specialisti, ai quali va il mio ringraziamento. Essere incisivi e saper esporre quanto necessario per portare il giusto messaggio nelle occasioni richiede una continua formazione ed un costante aggiornamento, in tale ottica quest’anno la nostra sezione ha partecipato ad alcuni corsi di formazione indetti dal CSV di Catanzaro, dal Forum del Terzo Settore, dalle nostre Presidenze Nazionali dell’UICI e dell’IRIFOR. A nostra volta abbiamo organizzato sul territorio azioni di formazione ad esempio con l’associazione soccorso senza barriere per la formazione del personale di soccorso sulle modalità di intervento con un soggetto cieco, e successivamente abbiamo esteso la formazione agli utenti con un seminario formativo nel quale sono state esposte le principali nozioni per il salvataggio e come comportarsi in caso di terremoti o disastri climatici. Siamo inoltre stati presenti all’interno dell’Accademia delle Belle Arti dove, dopo aver partecipato alla formazione sull’arte accessibile abbiamo incontrato i giovani allievi dell’ente accademico per avviare di concerto un percorso di arte sul territorio. Ciò dalla necessità emersa da un territorio che ha bisogno di una costante sollecitazione sul tema della disabilità e che ci ha visti promotori anche di numerosi eventi e manifestazioni, tutti legati dal comun denominatore dell’integrazione, ma che con temi diversi hanno abbracciato aspetti differenti, tra cui, per citarne alcune, la celebrazione della Giornata Nazionale del Braille, con la rappresentazione dell’opera PATRES e supportata dall’ADER Calabria, l’organizzazione di Presentazioni di Libri di autori locali, l’organizzazione dell’annuale cena al buio, che quest’anno abbiamo realizzato con i medici del nosocomio cittadino, la partecipazione della Festa del Volontariato sia nell’edizione organizzata a Catanzaro che in quella organizzata a Lamezia Terme, nonché la promozione della cultura del Cane Guida attraverso una giornata interamente dedicata al tema e che ci ha visti all’interno dell’istituto De Nobili di Catanzaro con un seminario andato in onda su Padre Pio TV e che ha attratto anche la nota trasmissione televisiva “La vita in diretta”. Non solo lavoro ma anche momenti di riconoscimenti e ludico ricreativi: il 2018 ha rappresentato per la sezione un anno che ha sancito il riconoscimento per il certosino lavoro svolto dal 2005 ad oggi tanto che la sottoscritta ha ricevuto da parte del Club Unesco di Marina di Gioiosa Jonica il premio Unesco 2018. Per l’occasione ad esempio non ci siamo fatti sfuggire l’occasione di organizzare una delegazione per poter trascorrere una giornata di svago insieme infatti a conclusione della cerimonia abbiamo vissuto un momento di convivialità. Seguendo le indicazioni della nostra Presidenza Nazionale abbiamo dato la possibilità ad alcuni soci giovani e dirigenti, come nel 2017 di poter prendere parte alla trasferta in Roma in occasione dell’annuale kermesse del Premio Braille. Questi sono solo esempi delle gite e delle manifestazioni ludiche organizzate, tante altre sono state quelle realizzate come la Gita a Mongiana, la partecipazione alla Giornata Nazionale del Braille all’Università della Calabria di Cosenza e alla giornata Nazionale dello Sport paralimpico a Reggio Calabria, le trasferte per la partecipazione al progetto della Caritas Diocesana di Catanzaro “Costruire Speranza” che tra l’altro ha visto la nostra partecipazione in tre momenti differenti, attraverso il nostro coro, la nostra squadra di calcetto e con la partecipazione dell’intero gruppo al Flash Mob in Catanzaro. Particolarmente emozionante, poi, s’è rivelato lo spettacolo che abbiamo organizzato in occasione del 13 dicembre, per sensibilizzare le coscienze sulla disabilità e, in particolare, sulle abilità che un cieco è comunque in grado di esprimere, se messo nelle condizione adeguate di fare ciò. Molte delle attività sin d’ora descritte sono state realizzate anche grazie al supporto dei volontari del Servizio Civile Nazionale ai quali continuamente diciamo grazie, non un grazie di facciata, ma un sentito ringraziamento, perché seppur è vero che oggi il Servizio Civile rappresenta una delle poche opportunità “lavorative” per i giovani, d’altro canto spesso durante il percorso di crescita del progetto notiamo un cambiamento in positivo dei ragazzi che iniziano a sentirsi parte integrante dell’ente. Certamente dietro la presenza dei volontari del servizio civile vi è un lavoro a monte di progettazione, redazione di atti, sottoscrizione di convenzioni e tanti altri adempimenti per nulla semplici e che richiedono giornate intere di lavoro. La cosa però che più ci rende più appagati è riuscire attraverso questo servizio a garantire una concreta assistenza ai ciechi ipovedenti e pluriminorati: la nostra sezione, infatti, ogni giorno provvede a garantire i servizi di accompagnamento a piedi o in auto, assistenza domiciliare, scolastica e post scolastica, disbrigo pratiche e di tutto ciò che necessita all’assistito. Nell’avviarci verso le conclusioni però permetteteci di dedicare il giusto spazio ad evento che ha rappresentato un’enorme conquista per la nostra sezione, anzi possiamo forse dire che le conquiste in realtà siano plurime. Come vi anticipammo esattamente un anno fa in occasione della nostra assemblea, giorno 18 Luglio abbiamo finalmente inaugurato la nostra Sede Operativa Polivalente in Via Gattoleo 2 in Piterà. Inaugurazione che ci è costata tanto lavoro viste le condizioni in cui versava ma che ci ha reso fieri di noi stessi per il risultato ottenuto, infatti finalmente dopo anni e anni di liti e diffide dal vicinato, finalmente abbiamo una sede polivalente dove poter realizzare i nostri numerosi laboratori senza dare alcun fastidio a nessuno. Abbiamo dato il titolo di polivalente proprio per le finalità intrinseche della sede, perché gli spazi interni ed esterni, ci consentono dal mese di Luglio 2018 di realizzare contemporaneamente più attività. Al suo interno infatti abbiamo inaugurato anche il Gabinetto Oculistico che abbiamo voluto intitolare a Mario Barbuto, che ci ha sostenuto e supportato nella sua realizzazione, una sala interamente dedicata alle attività ludico ricreative, una sala grande abbastanza da poter ospitare riunioni, incontri e seminari e dove abbiamo già realizzato l’assemblea di novembre e molteplici incontri, una sala dedicata alle riunioni private dove abbiamo già ospitato un coordinamento regionale e numerose riunioni di settore, una stanza, che stiamo adibendo a Cucina, ed infine ciò che ci rende più fieri, una sala dove finalmente i nostri professionisti potranno realizzare in piena autonomia e libertà incontri dedicati ai nostri bambini e dove si terrà il progetto di intervento precoce per bambini pluriminorati. Per quanto riguarda l’esterno invece, considerati gli spazi ampi e la presenza di un folto giardino in occasione della notte di San Lorenzo abbiamo organizzato una cena dove tutti insieme abbiamo potuto gioire e festeggiare la nuova sede, mentre sono in programmazione una serie di attività che vedranno una fruizione totale dello spazio verde e dei meravigliosi pini che contornano il perimetro. Concludendo questa lunga ma necessaria esposizione di un anno colmo di attività, riteniamo giusto e necessario ribadire ancora una volta quanto sia necessario ed opportuno che ognuno di noi senta l’appartenenza a questo sodalizio perché non esiste CAF, Patronato o altro Ente che lotterà costantemente come il nostro per il mantenimento di quei diritti oggi in nostro possesso ma che ogni anno rischiamo di veder svanire”. Una deriva, questa, che troverà nell’UICI un baluardo, traente forza dall’impegno, dal lavoro, dalla creatività delle sedi territoriali sparse sul territorio nazionale, nel cui ambito quella di Catanzaro costituisce una delle realtà più belle.

Bolzano – Non vedenti, l’impegno dell’Unione

L’assemblea annuale. In Alto Adige sono 1330 i minorati della vista, 230 ciechi assoluti

Si è svolta ieri l’assemblea annuale dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti Sezione Territoriale Alto Adige, in occasione della quale il direttivo ha sottoposto ai soci per l’approvazione la relazione morale 2018 e i documenti contabili. L’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti Alto Adige ha censito e assiste circa 1.330 minorati della vista, dei quali circa 230 sono ciechi assoluti, 515 sono ciechi parziali e 585 sono ipovedenti; di questi 720 sono soci effettivi. Circa 60 persone vedenti, che supportano l’Unione tramite la loro attività volontaria o con un contributo economico, sono iscritte come soci sostenitori. Obiettivo principale del lavoro dell’Unione è stato di fungere da punto di riferimento per le persone con disabilità visiva di ogni età, residenti sull’intero territorio dell’Alto Adige nonché di agevolare e migliorare la loro vita quotidiana. Sono stati promossi i rapporti interpersonali e uno scambio reciproco. Grande valore si attribuisce al contatto personale tra dirigenti e collaboratori con gli utenti per rafforzare l’appartenenza dei minorati della vista all’Unione. Tra le particolarità del 2018, il direttivo altoatesino ricorda l’avvio del servizio di accompagnamento nelle varie zone dell’Alto Adige tramite volontari del servizio sociale. Sono stati inoltrati alla Provincia specifici progetti e, a maggio, è stato istituito nelle zone di Merano, Bressanone e Brunico un servizio prova della durata di 8 mesi. Un ulteriore progetto straordinario è stata la rielaborazione e la stampa dell’opuscolo informativo “Informazioni utili per i ciechi e gli ipovedenti dell’Alto Adige” nonché di un dépliant riassuntivo sull’Unione. A febbraio è stato ufficialmente presentato da parte della Presidenza Nazionale il nuovo logo UICI e, dato che l’associazione cura istituzionalmente gli interessi dei disabili della vista di tutta la Provincia e per rafforzare lo spirito unitario, è stata approvata la modifica della denominazione da “Sezione Provinciale di Bolzano” a “Sezione Territoriale Alto Adige”. Grande l’impegno dell’Unione per la rappresentanza e tutela degli interessi dei minorati della vista, anche con il sostegno per le domande di riconoscimento della cecità o invalidità civile, di pensioni e assegni, per la fornitura di ausili nonché per l’espletamento di altri adempimenti burocratici.

Fonte: “Quotidiano Alto Adige” del 07-04-2019.