Aosta – Progetto “Promenade”

Con l’avvio della stagione estiva è tornato pienamente operativo il progetto Promenade, un servizio gratuito di accompagnamento in natura di ipo e non vedenti organizzato dalla sezione valdostana dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, in collaborazione con l’Associazione Sport per Tutti e la cooperativa C’era l’Acca.

Il servizio può essere richiesto, con congruo anticipo, telefonando al 347 1639197.

Si ricorda che, in relazione alle condizioni di sicurezza connesse alla pandemia, gli interessati dovranno compilare una autodichiarazione di negatività o di acquisita immunità.

Per ulteriori informazioni chiamare la sezione UICI di Aosta al n. 0165 44440.

Pubblicato il 13/07/2021.

Valle d’Aosta – Passeggiata ed escursione a Chamois

La sezione di Aosta dell’Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti, in collaborazione con L’associazione INSIEME A CHAMOIS organizza per il prossimo 20 agosto una passeggiata in montagna secondo il programma che segue.

Gli interessati dovranno manifestare la propria disponibilità entro e non oltre il 31 maggio prossimo.

Programma:

L’associazione INSIEME A CHAMOIS, nell’ambito della programmazione estiva ha inserito la proiezione del film ANCHE AGLI DEI PIACE GIALLO realizzato da NoisyVision Onlus nel 2016 durante il cammino lungo la via degli dei. In quell’occasione un gruppo integrato di ciechi, ipovedenti e vedenti ha percorso i sentieri che collegano Bologna a Firenze.

Con l’occasione NoisyVision propone una camminata nei pressi di Chamois, per il giorno 20 agosto 2021.

In tal modo si traduce in concreto il messaggio che verrà trasmesso durante la proiezione.

L’escursione cerca di coinvolgere i disabili visivi nell’ottica di veicolare un messaggio di inclusione e di partecipazione.

DETTAGLI

Di seguito i dettagli del percorso escursionistico.

Dal casello di Chatillon (per chi arriva dall’autostrada) o dalla statale 26 seguire le indicazioni per Cervinia Valtournenche.

Giunti al Comune di Antey-Saint-André, proseguire per 5 km verso Cervinia; dopo il paramassi si trova l’abitato di Buisson al cui termine troverete la funivia per Chamois dove è fissato l’appuntamento.

Da Chamois (1812) servendosi delle tre seggiovie, raggiungeremo il Point Sublime (2500).

Da qui, con percorso che si mantiene in quota, senza dislivelli importanti, raggiungeremo la biforcazione che conduce al Col di Nana (2700).

A seguire percorreremo in discesa lo splendido Vallone di Chamois rientrando in paese. (

Il costo della risalita sulle 3 seggiovie è di euro 8,50 (prezzo intero. Riduzione del 50% per disabili e accompagnatore)

Il gruppo potrà essere al massimo di 20 persone.

Alle ore 18 dello stesso giorno presso la sala comunale di Chamois verrà proiettato il filmato con successiva discussione e condivisione.

Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti  ONLUS-APS

Consiglio Regionale “Valle d’Aosta”

Via Silvano Lucat 2/a

11100 Aosta

Tel/fax 0165 44440 – cell. 3467920087

Sito: www.uici.it

Mail: uicao@uiciechi.it

Facebook:www.facebook.com/uici.valledaosta/

Pubblicato il 20/05/2021.

Valle d’Aosta – Il documentario Dreaming Folk sbarca in Russia

Il documentario Dreaming Folk sbarca in Russia, all’International Inclusive Festival Breaking Down Barriers.

Dreaming Folk documentario prodotto dal gruppo folkloristico La Clicca di Aosta in collaborazione con l’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti della Valle d’Aosta e con il sostegno del Consiglio regionale della Valle d’Aosta, Fondazione Comunitaria della Valle d’Aosta, I.Ri.Fo.R. – sezione della Valle d’Aosta, Association culturelle Comité des Traditions Valdôtaines e il contributo di 140 sostenitori privati, è stato selezionato nel Concorso Internazionale dell’International Inclusive Festival Breaking Down Barriers, in programma dal 26 al 30 novembre a Mosca.

Il film del regista Alessandro Stevanon, il cui protagonista è il poliedrico Luca Casella, è stato realizzato nel 2018 all’interno del progetto “CLICHÉ. Il folklore in un altro senso” ideato da Marco Vigna in occasione delle iniziative per i 60 anni di attività del gruppo folkloristico La Clicca di Aosta. Il progetto si configura come un unicum nel contesto regionale, nazionale e internazionale e ha avviato con successo una sperimentazione in grado di unire folklore e disabilità visiva per generare un dialogo paritario e inclusivo.

Il documentario, per il suo contenuto e nel pieno rispetto delle finalità del progetto “CLICHÉ. Il folklore in un altro senso”, è inoltre il primo film valdostano realizzato con audiodescrizione.

L’audiodescrizione è una tecnica relativamente recente che consente di rendere accessibili alle persone cieche o ipovedenti prodotti audiovisivi e consiste nella creazione di una traccia audio aggiuntiva che esplicita tutti gli elementi visivi a cui la persona ipovedente o non vedente non può avere accesso, quali costumi, setting, colori, espressioni facciali, caratteristiche fisiche ed azioni.

Il X International Inclusive Festival Breaking Down Barriers è un festival unico nel suo genere che racconta la vita delle persone con disabilità, le loro vittorie e sconfitte, le preoccupazioni quotidiane e le storie incredibili. Questo è un festival sulle persone, ognuna delle quali vive una vita straordinaria.

Distribuito dalla valdostana Long Neck Doc, il film è stato selezionato in 24 festival in 11 paesi del mondo conquistando 5 tra premi e riconoscimenti.

Inoltre il documentario è stato inserito nel programma nazionale “Corti a Scuola 2019” promosso dal Centro Nazionale del Cortometraggio e realizzato nell’ambito del Piano Nazionale Cinema per la Scuola promosso dal MIUR e MIBAC che riunisce diversi cortometraggi italiani contemporanei per consegnare strumenti essenziali, attraverso proiezioni nelle scuole secondarie di I e II grado di tutta Italia, affinché i ragazzi possano avere un punto di partenza da cui costruire quello che, con il tempo e la formazione, diverrà il loro sguardo unico e personale sulle immagini e sul mondo.

Link

Fotografie https://bit.ly/2UFlhnS

Trailer: https://www.youtube.com/watch?v=EDz-eKdKDUo

Aosta – Autonomia personale e democrazia digitale, di Valentina Praz

Autore: Valentina Praz

Di questo si è parlato al congresso che ha celebrato il centenario dell’Unione Ciechi

Fonte: giornale regionale “La Valée notizie” del 14 novembre 2020

Domenica scorsa, 8 novembre, si è concluso il 24esimo congresso nazionale dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti.

«A causa dell’attuale pandemia e delle conseguenti restrizioni alla mobilità, il congresso si è dovuto svolgere in videoconferenza, il che ci ha impedito di celebrare, con tutte le iniziative in presenza e su tutto il territorio nazionale che erano state programmate, il centenario dalla fondazione dell’Unione» spiega il presidente regionale Luigi Giunta. «Il 24esimo congresso ha concluso i primi 100 anni dalla nostra associazione, ma ha aperto, con tutte le difficoltà che la fase attuale presenta, un nuovo centenario in cui dovremmo proseguire l’impegno, sin qui assicurato da tutti i nostri dirigenti locali e nazionali, per confermare ed ampliare i diritti delle persone ipo e on vedenti di tutto il nostro Paese. L’importanza del ruolo della nostra Unione è stata confermata dalla partecipazione ai lavori congressuali del presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte, di ministri e sottosegretari di governo, di un gran numero di parlamentari di ogni schieramento e di amministratori di tutte le regioni d’Italia, dei presidenti e dei rappresentanti delle associazioni nazionali e internazionali del mondo della disabilità e dei rappresentanti delle maggiori organizzazioni sindacali nazionali che hanno voluto portare non solo il solito saluto rituale, ma un fattivo contributo e, soprattutto, il loro impegno per proseguire sulla strada dell’affermazione dei nostri diritti».

Tra i principali temi del dibattito figuravano la prevenzione della cecità, la cura e la riabilitazione di ipo e non vedenti, il diritto all’istruzione e all’inclusione scolastica a tutti i livelli di bambini, ragazzi e giovani, la formazione professionale e il diritto al lavoro in ogni declinazione possibile anche grazie alle nuove tecnologie inclusive, l’organizzazione di attività per il tempo libero di bambini, ragazzi, adulti e anziani, gli ausili e le tecnologie che consentono l’accessibilità degli spazi urbani, dei mezzi di trasporto, dell’informazione, della cultura e degli strumenti di uso quotidiano: in due parole, l’autonomia personale e la democrazia digitale.

Grazie a tutte le sue oltre cento sedi territoriali, l’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, garantisce, a tutti, non solo ai propri iscritti, servizi di tutela e rappresentanza sociale della categoria, fornendo al contempo opportunità di crescita culturale e momenti ludico ricreativi.

Il congresso si è concluso con il rinnovo dei gruppi dirigenti: alla Presidenza nazionale è stato riconfermato il presidente uscente Mario Barbuto e sono stati eletti i 24 consiglieri nazionali che, insieme ai presidenti regionali. membri di diritto, formeranno il consiglio nazionale dell’Unione che provvederà, nelle prossime settimane, a nominare la nuova direzione nazionale e gli altri organi statutariamente previsiti.

«Nella nostra regione sono censiti poco più di 200 ipo e non vedenti, una sessantina dei quali sono iscritti alla nostra sezione» conclude il presidente regionale Luigi Giunti. «Vorrei rivolgere un invito a tutti coloro che non aderiscono ad avvicinarsi a noi anche solo per avere le informazioni su tutto ciò che offriamo e proponiamo. E a decidere, se soddisfatti delle nostre proposte, di iscriversi».

Aosta – Nuova assistenza agli ipovedenti e non vedenti

L’assessorato regionale del Turismo, Sport, Commercio e Trasporti informa che da venerdì 1° settembre entrano in vigore nuove modalità di espletamento del servizio per l’assistenza agli ipovedenti o ai non vedenti presso la Stazione ferroviaria e l’Autostazione di Aosta, in modo da garantire l’interscambio tra i treni in arrivo e in partenza da Aosta e gli autobus di linea attestati presso l’autostazione di Aosta.
I viaggiatori ipovedenti o non vedenti saranno accompagnati dal personale delle ferrovie dalla stazione ferroviaria all’autostazione, e viceversa, e saranno assistiti dal personale dell’autostazione per l’individuazione del corretto stallo di sosta.
Gli utenti che intendono avvalersi di tale servizio possono chiamare le Sale Blu di RFI al numero verde gratuito 800 90 60 60 se da telefono fisso, oppure allo 02/323232 se da cellulare, con un preavviso minimo di 12 ore.

Aosta: Fiera di Sant’Orso, di Pier Giorgio Ponsetti

Autore: Pier Giorgio Ponsetti

Vi inviamo in sintesi alcuni dati sulla fiera millenaria di “Sant’Orso” che si svolgerà ad Aosta, come ogni anno, il 30 ed il 31 gennaio p.v.
 
La fiera di Sant’Orso è un museo a cielo aperto delle opere di n. 1.059 artigiani dei seguenti materiali: legno, ferro battuto, pietra ollare, stoffe, ceramica, rame, vetro.
 
Si rende nota la richiesta avanzata dall’Unione Italiana dei Ciechi e degli  Ipovedenti onlus della Valle d’Aosta all’Assessorato Attività produttive e commercio, per sensibilizzare gli espositori  a favorire la visita della Fiera da parte delle persone non vedenti consentendo loro di poter apprezzare anche con il tatto le produzioni esposte.
 
Questo comunicato verrà anche trasmesso durante la fiera stessa tramite gli altoparlanti di servizio.
 
Le informazioni complete potete trovarle sul link:
https://www.regione.vda.it/artigianato/santorso2014/default_i.aspx
 
Con l’occasione ci auguriamo che possiate visitare questa fiera meravigliosa.
 
Il Presidente
Pier Giorgio Ponsetti

Valle D’Aosta: progetti realizzati nel 2012

Autore: Pier Giorgio Ponsetti

E' con grande soddisfazione che Ti comunico la realizzazione di alcuni obiettivi raggiunti dalla nostra sezione.
 
Oltre alla nuova sede assegnataci dall'amministrazione comunale di Aosta nel mese di Aprile 2012, sono stati realizzati i seguenti progetti a cui abbiamo collaborato:
 
1.      Il percorso tattile di Morgex (ai piedi del nome Bianco) che si snoda per 400 metri: è la prima pista di barefooting in Valle D'Aosta e credo sia uno dei  percorsi  più interessanti d'Italia, un'esperienza di libertà e contatto con la natura .
Può essere integrato con una discesa in gommone sulla Dora Baltea.
I soci di Torino e di Asti ed il consigliere nazionale Angelo D'Albano sono stati ospitati dalla nostra sezione per l'inaugurazione del percorso avvenuta il giorno 16.06.2012 e ne  sono rimasti veramente entusiasti, tanto ché i  soci di Torino ci hanno comunicato che ripeteranno presto tale esperienza.
 
2.      Il giorno venerdì 29 giugno, abbiamo inaugurato con le autorità Comunali, i rappresentanti del Lyons Club Mont Blanc e il consigliere Nazionale Angelo D'Albano, il plastico in bronzo "Aosta Romana".
Il plastico è stato sistemato in piazza Arco di Augusto, all'ingresso est della città  stessa.
Mi auguro di avere ospiti tutti i ciechi d'Italia!!!
 
3.      In questi giorni sono stati sostituiti  i vecchi semafori vocali a chiamata negli incroci principali della città di Aosta, per cui si è aggiunto un altro  aiuto per la mobilità dei ciechi nella nostra città.
 
4.      Campagna denominata "Tour della Valle D'Aosta per la  Prevenzione del Glaucoma" realizzata dai tre Lyons clubs della valle d'Aosta (Cervino, Mont Blanc e Aosta Host), con la partecipazione di n. 722 utenti, visite effettuate dagli oculisti dell'Ospedale Umberto Parini di Aosta.
 
5.      "Dolce Cantina della Solidarietà"  durante la millenaria fiera di Sant'Orso: dolci, torte, e vin brulè e fisarmoniche, per raccolta fondi.
 
Concludo ringraziando i nostri amministratori regionali e comunali (Aosta e Morgex) ed i Lyons della Valle D'Aosta per la loro sensibilità nei nostri confronti.
 
 
Il Presidente
Pier Giorgio Ponsetti