Uici Piemonte: 5 per mille contro l’ambliopia, di Adriano Capitolo

Autore: Adriano Capitolo

Uici Piemonte:  5 per mille contro l’ambliopia  (sindrome occhio pigro)
Iniziativa per i bambini in età prescolare (4-5 anni), gratuita ma serve l’aiuto di tutti

Destinare il 5 per mille alla prevenzione dell’ambliopia, meglio conosciuta come sindrome dell’occhio pigro.
È l’obiettivo della sezione regionale di UICI, l’Unione Italia Ciechi e Ipovedenti, da sempre impegnata nella tutela dei diritti dei non vedenti e in una serie di iniziative di prevenzione e di sensibilizzazione dell’opinione pubblica.
Il progetto di lotta all’ambliopia riguarda tutti e si rivolge, in particolar modo, ai bimbi in età prescolare. La sezione provinciale di Biella dell’Unione Italia Ciechi ha avviato da tempo un progetto pilota rivolto ai più piccoli ma per estendere la prevenzione su tutto il territorio regionale occorrono fondi.
Da qui l’idea della sezione regionale di dedicare la campagna del 5 per mille al progetto ambliopia.
“Lo screening visivo sui più piccoli è fondamentale per prevenire la malattia – spiega il presidente regionale Adriano Capitolo – vorremmo portare la nostra attività d prevenzione negli asili, perché la patologia è asintomatica e solo intervenendo tempestivamente è possibile curarla in modo adeguato”.
L’ambliopia è spesso conseguenza di uno strabismo o di un difetto di refrazione che non viene corretto in età pediatrica. Nel 400 d.C. Ippocrate, fondatore della medicina, parlò della patologia come del male silenzioso per cui “sia il dottore che il paziente non vedono niente”. Da qui l’importanza della prevenzione, perché un apparato visivo affetto danneggiato fin dall’infanzia compromette gravemente il flusso delle informazioni dirette al cervello.
“Lo screening di UICI, eseguito da ortottisti preparati, può prevenire i danni causati dalla patologia – sottolinea il presidente Capitolo – l’esempio della sezione biellese è importante, grazie allo screening è quello di intervenire in tempo utile”.
L’iniziativa di UICI, totalmente gratuita per i più piccoli e per le loro famiglie, necessità di fondi a copertura delle spese sostenute, a partire dal coinvolgimento di medici e specialisti.
Dare il proprio contributo non costa nulla, basta destinare il 5 per mille della propria dichiarazione dei redditi all’UICI regionale, indicando il codice fiscale dell’ente 97511610012 ai Caaf e ai commercialisti che compilano le dichiarazioni dei redditi. Beneficiaria è l’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti onlus, Consiglio Regionale del Piemonte, Corso Vittorio Emanuele II 63, 10128 Torino. I fondi raccolti andranno al progetto di prevenzione dell’ambliopia e saranno destinati allo screening sui bimbi in età prescolare.
Si tratta di un gesto assolutamente gratuito, che può garantire una vita sana ai nostri figli.