Spettacolo al Buio presso il Stadttheater Brunico

Grazie al sostegno del Comune di Brunico e alla grande disponibilità di Klaus Gasperi, direttore dello Stadttheater, nasce e si sviluppa un nuovo modo di comunicare e sensibilizzare la cittadinanza verso le problematiche dei non vedenti e ipovedenti.
Il progetto diventa subito operativo, dopo che il Comune di Brunico ha approvato il sostegno a questa iniziativa innovativa, dimostrandosi ancora una volta molto vicino ai suoi cittadini e le loro problematiche.
Dopo diversi incontri tra il dott. Valter Calò, presidente dell’Unione Ciechi e Ipovedenti dell’Alto Adige (www.unioneciechi.bz.it) e Klaus Gasperi, direttore dello Stadttheater Brunico (www.stadttheater.eu), ha preso forma questo progetto sperimentale: Verrà unita una rappresentazione teatrale con un concerto musicale, il tutto nel buio più assoluto.
Le parole e le note musicali, nel buio, si rincorreranno cercando di dare nuove sensazioni agli spettatori. Gli attori sono tutti conosciuti, il cabarettista Simon Kostner con Cornelia Brugger e Peter Niederegger, mentre la musica sarà interpretata da Annika Borsetto e la sua Band.
La sala del teatro sarà tutta buia e gli spettatori saranno accompagnati in assoluta sicurezza da giovani ciechi e ipovedenti della Val Pusteria. L’intento è quello di stimolare i sensi che normalmente non si usano, chi vede usufruisce di un senso, quello della vista, che da un lato gli fornisce le informazioni in modo più immediato rispetto all’udito, ma dall’altro, gli evita di porre attenzione all’universo di informazioni che arrivano dal canale uditivo. Concentrarsi sui suoni sarà il tema della serata per gli spettatori, apprezzando sfumature e sensazioni che spesso ci sfuggono, ma sono dentro di noi.
Lo spettacolo inizierà alle ore 20:00 di venerdì 24 marzo, allo Stadttheater di Brunico in via Dante 21, l’entrata è a offerta libera.
L’Unione Ciechi e Ipovedenti è a disposizione di tutte le persone con gravi disturbi visivi e dei loro familiari per consulenze e sostegno di vario genere. Riunisce i minorati della vista di tutti e tre i gruppi linguistici, rappresenta e tutela i loro interessi, fornisce aiuto per l’espletamento delle pratiche di pensione e simili, procura ausili tiflotecnici e aiuta nella presentazione delle relative domande di contributo, si occupa sia della formazione professionale che dell’inserimento nel mondo del lavoro e organizza soggiorni estivi nonché attività culturali.