Slash Radio Web: Palinsesto della settimana dal 1° al 5 aprile 2019

Le nostre trasmissioni inizieranno alle 8:25 con la rubrica “Un libro al giorno”, prodotta e curata dal Centro Nazionale del Libro Parlato “Francesco Fratta” (della durata di cinque minuti), in onda dal lunedì al venerdì nei seguenti orari: 8.25, 14.50, 19.50 e al termine della programmazione serale.
Dopo “Un libro al giorno”, di mattina, potrete ascoltare l’Oroscopo e Almanaccando, la rubrica sui fatti del giorno a ritroso nel tempo, a seguire il Meteo.
Dalle 9.00 alle 10:30 l’appuntamento è con Spotlight: notizie di attualità, politica, cultura e sport nonché approfondimenti a cura di ospiti del mondo del giornalismo.
In particolare lunedì 1° aprile sarà con noi la storica voce nerazzurra Gian Luca Rossi di Tele Lombardia per parlare di Inter-Lazio, big match della giornata di Serie A; mentre martedì 2 ci occuperemo dell’iniziativa “I libri per tutti” insieme al promotore Fabrizio Serra, direttore della Fondazione Paideia ,e al direttore dell’area digitale di Giunti Editore Alessandro Campi.
Lunedì 1° aprile alle 10:30 inoltre potrete ascoltare la nuova puntata di Slash Sport News, la nostra striscia settimanale, della durata di mezz’ora, che si occuperà di tutte le discipline sportive praticate da ciechi e ipovedenti con risultati, classifiche, approfondimenti e interviste ai protagonisti. Questa settimana fari puntati su Showdown, Scacchi, Baseball e Vela. Invitiamo le ascoltatrici e gli ascoltatori a partecipare segnalando eventi, storie e competizioni da trattare in trasmissione.

Confermato il doppio appuntamento con UiciCom, nei giorni di mercoledì 3 aprile, con inizio alle 10.30, per ciò che concerne le notizie, le attività e gli eventi del territorio e della Presidenza Nazionale, e di Venerdì 5 aprile, sempre alle 10.30, per il tour di presentazione di tutte le sezioni Provinciali, Intercomunali e dei Consigli Regionali dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti ONLUS-APS.

Vi segnaliamo che mercoledì 3 aprile dalle 15:00 alle 16:00 andrà in onda la seconda puntata della nuova rubrica “Musical…Mente”, a cura della Commissione Nazionale Studi Musicali, condotta dal Coordinatore Antonio Quatraro e con la partecipazione di musicisti, Maestri e componenti della Commissione. Segnalateci attraverso telefonate, email e messaggi gli argomenti a tema musicale (a livello di ascolto, avviamento alla pratica e didattica) che vorreste ascoltare e ponete le vostre domande ai nostri ospiti.

Slashbox vi terrà compagnia nei pomeriggi di martedì 2, mercoledì 3 e giovedì 4 aprile dalle 16.00 alle 18.30 con la seguente programmazione:

Martedì 2 aprile:
Inizieremo con la scrittrice Chiara Parenti che ci parlerà del suo ultimo romanzo, “Un intero attimo di beatitudine” (DeA Planeta).
Sinossi: Arianna Brandi non è certo una ragazza che passa inosservata: capelli rossi come il fuoco e occhi pieni di rabbia. La rabbia di chi ha già perso tutte le cose che contano davvero: la famiglia, l’innocenza, la voglia di credere nel futuro. Infatti, da quando il padre se n’è andato, sparito nel nulla senza lasciare traccia, la vita di Arianna non è stata più la stessa. Qualcosa si è spezzato, e lei ha cercato rifugio nelle compagnie sbagliate, tra alcol, feste e notti infinite. Le cose cambiano il giorno in cui Arianna viene bocciata e la madre la costringe a lavorare nel bar di un piccolo paese alle porte di Siena. Per Arianna quello è l’inferno, l’estate peggiore che possa immaginare. Almeno fino al momento in cui incontra Daniel. Lui è tutto ciò che Arianna non è: timido, riservato, serio. Se ne sta seduto in un angolo del bar con una vecchia macchina fotografica tra le mani, sempre solo. Tra i due l’amore scoppia come una scintilla inaspettata, sorprendente. Lui la trascina nel suo universo misterioso, lei trova il modo di ricucire i pezzi della propria vita. Daniel sembra essersi materializzato dal nulla per salvarla, per portarla via sul suo cavallo bianco come un cavaliere dall’armatura scintillante. Eppure Arianna non sa che il ragazzo che le ha rubato il cuore nasconde un segreto. E che, forse, sarà lei a salvare lui. Dalla penna di un’autrice straordinaria, una storia romantica e indimenticabile sull’amore e sulle seconde possibilità. Quelle che la vita ci regala, sempre e comunque.
Chiara Parenti (1980) è nata a Lucca dove vive con il marito, il figlio, due gatti, due pesci rossi e una tartaruga. Laureata in Filosofia, è giornalista pubblicista e lavora nell’ambito della comunicazione. Nel tempo libero le piace disegnare, leggere e viaggiare.È autrice di tre romanzi ebook per la collana Youfeel di Rizzoli: “Tutta colpa del mare (e anche un po’ di un mojito)”, “Con un poco di zucchero” e “L’importanza di chiamarsi Cristian Grei”. A gennaio 2017 ha esordito in libreria con il romanzo “La voce nascosta delle Pietre” (Garzanti), tradotto in Spagna e America Latina per Ediciones B. A maggio 2017 è uscita la nuova edizione cartacea firmata BUR Rizzoli di “Tutta colpa del mare (e anche un po’ di un mojito)”, il suo primo ebook campione di download su Amazon. A giugno 2018 è tornata in libreria con “Per lanciarsi dalle stelle” (Garzanti) che è andato in ristampa a soli due mesi dall’uscita e che sarà tradotto in Polonia, Spagna e America Latina.
Infine torneremo a collegarci con lo sportivissimo Davide Valacchi per avere tutti gli aggiornamenti sul suo progetto-avventura “I to Eye”, il viaggio in bicicletta Roma-Pechino partito lo scorso 8 marzo.

Mercoledì 3 aprile:
Sarà una puntata particolarmente gradita agli amanti della letteratura: la aprirà Marco Missiroli attualmente in libreria con il suo “Fedeltà” (Einaudi).
Sinossi: Ambientato in due tempi diversi, Fedeltà è il proseguimento ideale del romanzo precedente di questo autore, “Atti osceni in luogo privato” (Feltrinelli). Se lì si raccontava la crescita del protagonista e la sua scoperta dell’amore, qui si parte da due sposi alle prese con la voglia di tradire e, anni dopo, con i postumi dei rispettivi tradimenti. Margherita è un’architetta che ha aperto un’agenzia immobiliare, Carlo un letterato alla ricerca della propria strada: l’oggetto del desiderio di lei è un fisioterapista, quello di lui una studentessa di un suo corso di scrittura creativa. Il più irrisolto dei due è Carlo, ed è Carlo a baloccarsi più a lungo con il pensiero e la pratica dell’infedeltà, mentre Margherita dopo il sesso con Andrea archivia la cosa (lui le ha confessato di essere gay, restano amici e il libro segue anche la sua perversione di farsi pestare in combattimenti clandestini). Sulla coppia vigila amorosamente Anna, la madre di Margherita, che ha grande confidenza con entrambi e nella seconda parte del romanzo compare anche il piccolo Lorenzo, il figlio dei due. Tra pranzi in famiglia, messaggi sul cellullare, mezze fughe, bugie e omissioni, l’unione tra Carlo e Margherita si rafforza. Nel libro si racconta anche l’acquisto di una casa: Margherita, innamoratasi di un appartamento, non si fa remore a truffare la proprietaria, fingendo di non aver trovato un compratore al prezzo richiesto e acquistandola per sé con lo sconto voluto. Le scale di quella casa saranno teatro di un brutto incidente: Missiroli suggerisce forse che non sono le menzogne amorose quelle da cui dobbiamo guardarci? Ambientato tra Milano e Rimini e costruito ad incastri, il romanzo passa fluidamente da un personaggio all’altro a comporre un affresco sul tema delle fedeltà e infedeltà su cui costruiamo ciò che siamo e ciò che vorremmo essere.
Marco Missiroli è nato a Rimini il 2 febbraio 1981. Il suo romanzo d’esordio, Senza coda (Fanucci, 2005), ha ricevuto nel 2006 il Premio Campiello Opera prima. Seguono Il buio addosso (Guanda); Bianco (Guanda); Il senso dell’elefante (Guanda), Atti osceni in luogo privato (Feltrinelli ). Vive a Milano. Scrive per la cultura del Corriere della Sera.
A seguire presenteremo insieme all’autrice Simona Baldelli il libro “Vicolo dell’immaginario” (editore Sellerio).
Sinossi: Clelia è una ragazza di poco più di vent’anni, vive in un paesino della Bassa, in provincia di Reggio Emilia e lavora in una fabbrica di giostre. In questo modo sostiene la famiglia, una madre vedova, incattivita col mondo, che non perde occasione per incolparla di tutto, e la sorella Marisa, affetta da poliomielite. La giovane ha però una vita laterale, un punto di osservazione tutto suo dal quale si immerge nei sentimenti, nelle opportunità, nei grandi cambiamenti che avvengono alla fine degli anni ’50, e poi le prime rivendicazioni sociali degli anni ’60 col presagio di un periodo più buio e conflittuale. Un amore perduto la porterà ad abbandonare l’Italia, a voltare pagina e a inventarsi una nuova vita, diventando Amalia. Amalia giunge a Lisbona all’inizio degli anni ’70 cercando di capire il perché di una piccola e nitida ombra nera che l’accompagna da qualche tempo. Per sopravvivere si prende cura di una signora anziana, Francisca Josefa, ammalata d’amore, che attende l’arrivo della nebbia che sale dal fiume Tago accompagnando il ritorno di Sebastiano I, il re condottiero scomparso in battaglia alla fine del XVI secolo. Nei ritagli di tempo Amalia cuce abiti e alla sera lavora nella trattoria di Tia Marga, nel Beco do Imaginário, il vicolo dell’immaginario, che l’accoglie nella sua particolare comunità. Lì incontra Antonio, un ragazzo che porta sempre un garofano all’occhiello, e i suoi amici, studenti universitari appassionati di letteratura e di politica. Nella trattoria si consuma un’attesa legata alla leggenda delle anime del fiume che si mischiano ai viventi nelle notti in cui la bruma scende a coprire strade e case. Tornano per cenare e discutere, per affrontare rimorsi e rimpianti.Baldelli reinventa con naturalezza e scrittura formidabili le atmosfere del realismo magico, racconta lo scontro tra la paura e la passione, tra i desideri e lo smarrimento della fine di un’epoca, e sancisce il primato della fantasia e della letteratura come materia e fondamento di ogni gesto quotidiano. Insieme, con sorprendente realismo, dipinge una città, la sua storia, la sua atmosfera, e la trasforma nella casa solida e concreta di un sogno collettivo.
Simona Baldelli è nata a Pesaro e vive a Roma. Il suo primo romanzo, Evelina e le fate (2013), è stato finalista al Premio Italo Calvino e vincitore del Premio Letterario John Fante 2013. Il tempo bambino (2014) è stato finalista al Premio Letterario Città di Gubbio. Nel 2016 ha pubblicato La vita a rovescio (Premio Caffè Corretto-Città di Cave 2017), ispirato alla storia vera di Caterina Vizzani (1735) – una donna che per otto anni vestì abiti da uomo – e nel 2018 L’ultimo spartito di Rossini.
L’ultimo ospite di giornata sarà un giovane dai mille interessi: Niccolò Pagliettini infatti è Presidente della sezione territoriale di Chiavari dell’Unione Italiana dei ciechi e degli Ipovedenti Onlus-APS, responsabile dell’area social della Virtus Entella (di cui è tifosissimo), anche radiocronista sportivo e anche cantante. Gli argomenti di conversazione con lui non mancheranno di certo.

Giovedì 4 aprile:
Anche questo appuntamento vi proporrà nuove e interessanti letture, in questo caso incentrate sulle tematiche femminili. Alle 16:10 sarà ai nostri microfoni la professoressa Michela Marzano, autrice di “Idda”.
Sinossi: Alessandra è una biologa che insegna a Parigi, dove abita con Pierre. Da anni non va nel Salento, il luogo in cui è nata e che ha lasciato dopo un evento drammatico, perché non riesce a fare i conti con le ombre della sua famiglia. Quando Annie, l’anziana madre di Pierre, è ricoverata in una clinica perché sta progressivamente perdendo la memoria, Alessandra è costretta a rimettere tutto in discussione. Chi siamo quando pezzi interi della nostra vita scivolano via? Che cosa resta di noi? Svuotando la casa della suocera, che deve essere messa in vendita, Alessandra entra nell’universo di questa stenodattilografa degli anni Quaranta, e pian piano ne riscostruisce la quotidianità, come fosse l’unico modo per sapere chi era, adesso che smarrendosi Annie sembra essere diventata un’altra. Nel rapporto con lei, ogni giorno piú intimo, Alessandra si sente dopo tanto tempo di nuovo figlia, e d’improvviso riaffiorano le parole dell’infanzia e i ricordi che aveva soffocato. È grazie a idda, ad Annie, che ora può affrontarli, tornando là dove tutto è cominciato. Bisogna attraversare le macerie, recuperare la propria storia, per scoprire che l’amore sopravvive all’oblio. «La dottoressa ha detto che l’unica frase che non scompare mai è “ti amo”; è quella che scelgono i suoi pazienti quando chiede loro di scrivere su un foglio la frase che preferiscono, anche se della propria esistenza non ricordano piú nulla. È come se solo l’amore potesse ancora tenerli in vita».
Michela Marzano (Roma, 1970) è professore ordinario di filosofia morale all’Università Paris Descartes, editorialista de «la Repubblica» e autrice di numerosi libri tradotti in molte lingue. In Italia ha pubblicato, tra gli altri, Volevo essere una farfalla (2011), L’amore è tutto: è tutto ciò che so dell’amore (Premio Bancarella 2014), Papà, mamma e gender (2015). Per Einaudi ha pubblicato L’amore che mi resta (2017 e 2018) e Idda (2019).
Alle 17:00 grazie all’avvocato e scrittrice Sara Carnovali toccheremo attraverso il suo ultimo libro, “Il corpo delle donne con disabilità” (editore Aracne), un tema che ci sta particolarmente a cuore.
Sinossi: Le donne con disabilità sono spesso vittime di discriminazioni multiple, a causa dell’intersezione tra fattore “disabilità” e fattore “genere”. Seguendo una prospettiva di tipo intersezionale, il volume parte dall’analisi dei diritti umani delle persone con disabilità, per poi intrecciarsi con le tematiche di genere e i Feminist Disability Studies. L’opera pone in luce i profili di maggiore rilievo costituzionale nella garanzia dei diritti fondamentali delle donne con disabilità che afferiscono alla dimensione del corpo, indagando i temi della violenza, della sessualità e dei diritti riproduttivi. Tali ambiti appaiono infatti quelli in cui le discriminazioni vissute dalle donne con disabilità risultano particolarmente pervasive, nonché quelli meno esplorati dalla dottrina, che possono pertanto offrire nuovi o diversi campi di indagine per il contrasto alle discriminazioni multiple.
Sara Carnovali è Dottoressa di Ricerca in Diritto costituzionale, titolo conseguito all’Università degli Studi di Milano, e si è abilitata all’esercizio della professione forense presso l’Ordine degli Avvocati di Milano. È autrice di diverse pubblicazioni scientifiche in tema di diritti delle persone con disabilità, discriminazioni multiple, diritti sociali, migranti e giustizia costituzionale.
Le trasmissioni saranno condotte da Luisa Bartolucci, Chiara Maria Gargioli e Renzo Giannantonio.

Gli ascoltatori, che invitiamo a partecipare con quesiti e contributi, potranno, come di consueto, scegliere diverse modalità di intervento:
– Tramite telefono contattando durante la diretta il numero: 06-92092566 – Inviando e-mail, anche nei giorni precedenti le trasmissioni, all’indirizzo: diretta@uiciechi.it
– Compilando l’apposito form di Slash Radio Web , o scrivendo sulla nostra pagina facebook Slash Radio Web. Per ascoltare Slashradio sarà sufficiente digitare la seguente stringa: http://www.uiciechi.it/radio/radio.asp
Oppure accendere la nostra app Slash Radio Web di Erasmo di Donato, che vi invitiamo a scaricare, onde averci sempre con voi! Il contenuto delle trasmissioni verrà pubblicato: Sul sito dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti ONLUS-APS all’indirizzo http://www.uiciechi.it/ArchivioMultimediale
– sulla pagina Facebook Slash Radio Web sulla quale andremo anche in diretta, in radiovisione ed alla quale vi invitiamo a mettere il vostro like onde divenire nostri followers, grazie.

Vi ricordiamo infine, come annunciato nelle scorse settimane, che adesso è ancora più facile ascoltarci: per i possessori dell’assistente vocale Alexa di Amazon è disponibile la skill di Slash Radio Web.
I comandi sono:
– Alexa, AVVIA Slash Radio Web
oppure
– Alexa APRI Slash Radio Web
di seguito il link di riferimento per Alexa Skill su Amazon Prime:
https://www.amazon.it/dp/B07NS18BTQ/ref=sr_1_1_nodl…