Mec Pestum, si è svolta il 22 aprile l’assemblea dei quadri Uici Campania alla presenza del Presidente Nazionale Mario Barbuto

Venerdì scorso si è riunita la prima assemblea dei quadri UICI Campania del 2016.
Il tema scelto puntava a comprendere in che modo l’Unione stesse cambiando e in che modo volesse realizzare la sua auto riforma che tanto era invocata durante il congresso nazionale del novembre scorso. Un’assemblea molto partecipata e che il consiglio regionale ha deciso di allargare ai responsabili dei comitati provinciali dei comitati tecnici e dei gruppi di lavoro e chiedere la partecipazione di tutti i dipendenti sezionali. Oltre a tutta la dirigenza campana, guidati dal presidente Vincenzo Massa, erano presenti i consiglieri nazionali del territorio Nunziante Esposito , referente per la Presidenza Nazionale della Campania, prof. Pietro Piscitelli e con grande sorpresa il presidente nazionale onorario prof. Tommaso Daniele, il direttore Salvatore Romano, i componenti dell’ufficio di presidenza nazionale Eugenio Saltarel, il vice presidente Stefano Tortini che hanno accompagnato il presidente nazionale Mario Barbuto. I lavori sono iniziati con i saluti dei consiglieri nazionali Esposito e Piscitelli e del direttore Salvatore Romano, la parola è passata ai presidenti provinciali i primi a presentare la loro squadra e le iniziative territoriali sono stati Francesco Cafaro, presidente Uici Salerno, con grande calore veniva accolto l’intervento del presidente onorario prof. Tommaso Daniele che pur emozionato con le sue parole ha comunicato la felicità di poter partecipare a questa splendida occasione. I lavori sono quindi ripresi con l’intervento del presidente Mario Mirabile per Napoli, Giulia Cannavale per Caserta, Raffaella Masotta per Benevento. A termine di questo intervento un giovane artista beneventano, Antonio, ha regalato una sua preziosa opera al presidente mario Barbuto. Gli interventi dei sono stati conclusi dal presidente di Avellino Maria Teresa Fattoruso. L’illustrazione di un ordine del giorno ha dato il là all’intervento di Eugenio Saltarel che nel ringraziare ha confermato impegno e sostegno della presidenza nazionale nel rafforzare tutte le attività del nostro sodalizio. La mozione sul lavoro presentata da Peppe Ambrosino ha richiamato l’attenzione su una ferita aperta e sanguinante in Campania, la mancata applicazione delle leggi speciali in favore della nostra categoria sul versante della formazione e inserimento nel mondo del lavoro. Alle tante domande su questo tema ha risposto il vice presidente nazionale Stefano Tortini che ha anticipato l’avvio di una grande iniziativa di consultazione della base su una nuova formulazione della proposta di modifica alla legge 113/85. L’intervento del presidente regionale Vincenzo Massa che ai ringraziamenti ha aggiunto alcune considerazioni sui problemi sollevati dagli interventi e sulla nuova organizzazione che l’associazione intende darsi per i prossimi anni hanno fornito al presidente nazionale Mario Barbuto alcune attenzioni su cui si è soffermato nel suo intervento conclusivo dei lavori. Un discorso che ha dato ampio spazio a risposte circa gli interventi e le attese che sono pervenute dal territorio, oltre a sottolineare gli sforzi e le molteplici iniziative messe in campo a livello nazionale per sostenere e potenziare le attività su tutti i territori periferici poiché è indispensabile non perdere nessuna sezione o punto di contatto che riesca ad essere utile ai soci. Con le parole finali d’incoraggiamento a fare e coinvolgere di più tutti in questa sfida, il presidente nazionale Mario Barbuto ha concluso una splendida giornata di lavoro, festa ed emozioni per tutti i dirigenti UICI della Campania.