Docusound nominato “Best Online Project” al Prix Europa 2012, di Gloria Misul

Autore: Gloria Misul

Docusound, il primo audiomagazine da ascoltare online, è stato selezionato per la categoria "Best Online Project" al Prix Europa 2012.
Prix Europa, giunto quest'anno alla sua XXV edizione, è un concorso internazionale che premia le migliori produzioni televisive, radiofoniche e web europee con l'obiettivo di farle conoscere in tutta Europa sostenendone la distribuzione e l'uso. L'evento si svolgerà a Berlino dal 20 al 27 ottobre. Dal 24 al 26 si svolgerà la presentazione dei 22 progetti online selezionati e successivamente sarà nominato il vincitore.

Docusound è un progetto di Doc In Progress (www.docinprogress.com) e del Consiglio Regionale Piemontese dell'UICI (www.uicpiemonte.it), adottato in seguito da altre sedi regionali dell'UICI, che raccoglie radio-storie della realtà: storie vere, grandi e piccole, racconti originali, personali, creativi da ascoltare sul computer, sull'ipod, alla radio, sul telefonino o in macchina. Storie che arrivano al cuore senza passare dagli occhi e che ogni mese arricchiscono il sito www.docusound.it. Storie che si raccontano con le parole e con i silenzi, con i rumori, la musica, i suoni e che non hanno bisogno di immagini.

Non c'è limite agli argomenti trattati né allo stile del racconto. Molti sono gli approcci narrativi perché lo scopo di Docusound non è l'obiettività ma esporre il punto di vista per condividere una visione coraggiosa e responsabile e ascoltare le idee delle persone.

Molte sono le ragioni per raccontare storie facendo a meno delle immagini. Le fondamentali:
– quasi un milione di ciechi e ipovedenti in Italia (160 milioni nel mondo) è sistematicamente escluso da una comunicazione esclusivamente visiva
– un microfono è meno invasivo di una videocamera e dà accesso a storie e personaggi che non apparirebbero davanti a un video
– la radio solletica la fantasia perché sta a metà strada tra il cinema e la letteratura
– la radio raggiunge un numero molto più alto di utenti nel mondo rispetto alla tv o al web
– la radio si può ascoltare mentre si è occupati in altro, cosa che non accade per un racconto fatto di immagini
– la produzione audio ha costi inferiori rispetto a quella video sia in fase di realizzazione sia di postproduzione
– la radio è tecnologicamente più semplice e permette a Docusound di coinvolgere anche un pubblico di non addetti ai lavori nel ruolo di produttori di contenuto

Docusound è un aggregatore in espansione continua. Lo ascolti, lo commenti, lo fai. A occhi chiusi e con l'immaginazione ben aperta!
Gloria Misul