Dal Consiglio Regionale Lombardo dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti Servizi di supporto all’integrazione scolastica: richiesta incontro urgente, di Nicola Stilla

Autore: Nicola Stilla

Milano, 30 settembre 2015
Al Presidente della Regione Lombardia, On. Roberto Maroni
Al Sottosegretario alle Riforme istituzionali, Enti locali, Sedi territoriali e Programmazione negoziata della Regione Lombardia, Daniele Nava
Al Presidente dell’Unione Province Lombarde, Daniele Bosone
e, per conoscenza, ai componenti la Giunta di Regione Lombardia:
– Mario Mantovani
– Massimo Garavaglia
– Gianni Fava
– Claudia Maria Terzi
– Mario Melazzini
– Fabrizio Sala
– Alessandro Sorte
– Mauro Parolini
– Cristina Cappellini
– Valentina Aprea
– Simona Bordonali
– Antonio Rossi
– Viviana Beccalossi
Oggetto: richiesta incontro urgente.
Il Consiglio Regionale dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti (ONLUS), riunitosi in data 26 settembre u.s., in seduta ordinaria, con la partecipazione dei delegati lombardi al XXIII Congresso Nazionale U.I.C.I. e dei coordinatori delle Commissioni Istruzione e Pluriminorati, ha preso atto con profonda preoccupazione delle segnalazioni provenienti dalle famiglie e dalle strutture territoriali associative sullo stato dei servizi di integrazione scolastica degli allievi disabili visivi, dalle quali emerge la grave disomogeneità qualitativa e quantitativa (se non addirittura il rischio di una non erogazione), dei servizi offerti dall’area metropolitana, dagli enti di secondo livello di area vasta e dalle residue province, che pregiudica la fruizione di pari diritti e la possibilità di intraprendere un’efficace ed efficiente percorso scolastico dei nostri studenti ciechi ed ipovedenti.
La frammentazione del servizio sugli enti locali territoriali di livello medio, il rischio di un uso improprio ed incontrollato delle figure professionali che costituiscono l’insieme indivisibile di questo servizio, la non garanzia di una adeguata fornitura di materiali e testi accessibili, la “vaucerizzazione” spesso improvvisata che non garantisce qualità e interezza al servizio nonché, in taluni casi, un incivile ed incostituzionale assoggettamento del medesimo all’ISEE, sono divenuti per noi elementi ormai non più tollerabili.
Rilevata altresì una interpretazione arbitraria da parte del presidente UPL e di taluni amministratori locali della normativa vigente e della Delibera Regionale n. X/3431 del 17/04/2015, recante “PRESA D’ATTO DELLA COMUNICAZIONE DEL PRESIDENTE MARONI DI CONCERTO CON L’ASSESSORE GARAVAGLIA E I SOTTOSEGRETARI GALLERA E NAVA AVENTE OGGETTO: “INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA E UNIONE PROVINCE LOMBARDE (UPL) SUL FINANZIAMENTO DELLE FUNZIONI PROVINCIALI E CONSEGUENTI AGGIORNAMENTI SUL PERCORSO DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE N. 56/2014”, al fine di giungere ad una soluzione corretta del problema, che sia rispettosa delle normative vigenti e dei diritti costituzionali inalienabili dovuti ai cittadini in materia di istruzione e formazione, chiede con urgenza, non oltre la metà di ottobre, un incontro congiunto con il Presidente UPL, Daniele Bosone e il Sottosegretario alle Riforme istituzionali, Enti locali, Sedi territoriali e Programmazione negoziata della Regione Lombardia, Daniele Nava e la nostra Associazione.
Nel contempo, il Consiglio Regionale UICI unitamente alla FAND (Federazione tra le Associazioni Nazionale delle persone Disabili) e alle famiglie dei nostri studenti dichiara lo stato di mobilitazione permanente e, qualora l’incontro non dovesse essere accordato nei tempi richiesti e/o non dovesse produrre i risultati sperati, si riserva di porre in atto tutte le azioni di lotta che riterrà necessarie ivi comprese le eventuali azioni legali ai fini di garantire il diritto allo studio delle persone con disabilità visiva.
In attesa di un cortese riscontro, è gradita l’occasione per porgere distinti saluti.

Il Presidente
Nicola Stilla