Conquista del Campionato Italiano di Torball dopo quarant’anni di attività

Autore: Walter Faes

Il Gruppo sportivo dilettantistico non vedenti Trento Onlus, non poteva festeggiare meglio il quarantesimo anno di attività, 1972- 2012.

La squadra maschile di torball si è laureata Campione d'Italia al termine del massimo campionato di serie A. Erano 12 le formazioni al nastro di partenza che si scontravano mediante la tradizionale formula del calendario all'Italiana, ovvero una compagine ad affrontare le altre 11 sia in partita di andata, sia in quella di ritorno per un totale di 22 incontri. Lo scudetto tricolore è arrivato dopo un serrato testa a testa con la squadra del Colosimo Napoli che ha contrastato la compagine Tridentina fino alla fine. Anche contro le altre partecipanti, comunque, i giallo-blu sono stati chiamati a prestazioni di notevole spessore. Marco Altamonte, Giovanni Ciprì, Paolo Lizziero, Gianluigi Toigo, Dario Trentini, con gli allenatori Fabio Frigo e Daniele Stenico sono stati, per la cronaca, gli artefici del successo. Trento ha chiuso con 53 punti sui 66 disponibili, i Campani ne hanno totalizzati 51; Teramo, Perugia e Piacenza sono retrocesse in serie B.

Per un fortunato gioco del destino, per l'impegno dei dirigenti e dei tesserati, ai Trentini è riuscito quest'anno, in coincidenza con il Tricolore, ciò che non era riuscito prima. Mentre la squadra gareggiava sui campi di torball, 3 soci si preparavano all'abilitazione di tecnici di base per la pratica dello show down, altri 7 mettevano a punto l'esame per divenire cintura gialla nello judo.

Se c'è da essere felici per questa stagione, che è sicuramente da incorniciare, rimane un velo di amarezza per la difficoltà che si registra ormai a tutte le latitudini. La difficoltà sempre maggiore di portare nuova linfa, coinvolgere persone giovani ad interessarsi di sport sia per l'aspetto ludo-agonistico che per quello organizzativo.

Non resta che sperare in tempi migliori, con i dirigenti dei vari sodalizi sempre pronti a dare il meglio del loro impegno e del loro entusiasmo.