Centro di Educazione e Riabilitazione Visiva “Enrico Giannelli”, di Massimo Vita

Autore: Massimo Vita

Giorno 9 luglio u.s. presso il Policlinico universitario Santa Maria alle Scotte, è stato inaugurato il Centro di Educazione e Riabilitazione Visiva intitolato al nostro amico dirigente “Enrico Giannelli”. Si tratta di una conquista di non poco conto per varie ragioni.

Il centro è pubblico e vivrà grazie alla collaborazione tra I.Ri.Fo.R. e pubblica amministrazione. Il terzo polo per la riabilitazione visiva dopo quello di Firenze e di Pisa. Una risposta pubblica a un bisogno sempre più impellente.

All’inaugurazione erano presenti: il direttore generale dell’ospedale, quello della ASL e il Presidente Nazionale dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti oltre al Vice Presidente regionale dell’Unione Massimo Diodati, al Presidente regionale della IAPB Italia Giorgio Ricci e tanti dirigenti territoriali con molti soci e cittadini.

Con il taglio del nastro si raggiunge un obiettivo voluto fortemente dalla sezione di Siena e dal Consiglio regionale dell’Unione ma è soprattutto l’inizio di un cammino che dovrà migliorare i servizi a favore dei disabili visivi.

Nel centro sono coinvolti numerosi professionisti e tutti saranno guidati dal professore Gianmarco Tosi e tutti insieme opereranno in sinergia con il territorio perché il centro ha due link importanti sul territorio di Arezzo e Grosseto. Un risultato frutto di un lavoro di squadra vincente e gratificante.

L’Istituto per la Ricerca, la Formazione e la Riabilitazione è coinvolto con i suoi tecnici e mira a strutturare una sinergia con tutti i centri oculistici presenti in Toscana sia sul  piano della cura sia sul piano della prevenzione e senza trascurare la ricerca.

Un grazie sincero all’assessore Saccardi e ai dirigenti e collaboratori dell’ospedale e della ASL che hanno permesso questa nuova realtà.

Abbiamo voluto che il centro fosse intitolato a un nostro amico e dirigente della sezione di Siena dell’UICI, Enrico Giannelli perché lui si era speso insieme a noi per questa conquista.

Enrico ha dato tutta la sua intelligenza, la sua coerenza e il suo affetto alla categoria da socio, da dirigente e da uomo di grande cultura e professionalità.

Massimo Vita