Rubrica di SlashRadio “Dialogo con la Direzione” mercoledì 12 giugno 2019 ore 16,30, di Mario Barbuto

Care amiche e cari amici,

sono lieto di invitarvi al prossimo appuntamento con la rubrica mensile “Dialogo con la Direzione”, fissato per mercoledì 12 giugno p.v. dalle 16,30 alle 17,30. Durante la trasmissione avrete la possibilità di dialogare con due componenti della Direzione Nazionale, ai quali potrete rivolgere in diretta domande su tutti gli aspetti della vita della nostra Associazione.

Questa rubrica costituisce un’altra importante occasione di dialogo diretto con la dirigenza nazionale, nell’auspicio di ridurre sempre più la distanza tra i ciechi e gli ipovedenti – soci e non soci – e il gruppo di persone che ha l’onore e l’onere di gestire l’attività della principale associazione di tutela e rappresentanza dei ciechi e degli ipovedenti italiani.

Come di consueto, le domande saranno libere, dirette e senza filtri e potranno toccare tutti gli aspetti della nostra attività associativa e tutti i temi inerenti la vita dei ciechi e degli ipovedenti.

In questo prossimo appuntamento, gli ascoltatori potranno rivolgere le proprie domande a Katia Caravello e Adoriano Corradetti.

Le modalità di contatto per indirizzare le domande o intervenire in trasmissione, sono:

– email, all’indirizzo dialogoconladirezione@uiciechi.it

– modulo web, all’indirizzo http://www.uiciechi.it/radio/radio.asp

– telefono, durante la diretta, al numero 06 92092566.

Per ascoltare Slashradio sarà sufficiente digitare la seguente stringa: http://www.uiciechi.it/radio/radio.asp

Per chi utilizza il Mac, la stringa sarà: http://94.23.67.20:8004/listen.m3u

Oppure accedere alla nostra app Slash Radio Web di Erasmo di Donato.

Per i possessori dell’assistente vocale Alexa di Amazon è disponibile la skill di Slash Radio Web.

I comandi sono:

– Alexa, AVVIA Slash Radio Web

Oppure

– Alexa APRI Slash Radio Web

di seguito il link di riferimento per Alexa Skill su Amazon Prime:

https://www.amazon.it/dp/B07NS18BTQ/ref=sr_1_1_nodl…

Vi aspettiamo numerosi!

NET.IN Campus – Conferenza stampa: 28 maggio 2019

Fase finale di NET.IN Campus, l’innovativo progetto per la realizzazione di interventi abilitativi nei campi estivi dedicati alle persone con disabilità visiva

ROMA, 24 maggio. Martedì 28 maggio 2019, alla conferenza stampa per la presentazione del manuale – Campi abilitativi e riabilitativi. Analisi delle esperienze verso un modello condiviso -. L’incontro si terrà alle ore 10,30, presso la sede della Presidenza Nazionale UICI, sita in via Borgognona 38 in Roma, nella sala “Enzo Tioli”. Durante i lavori saranno presentati i risultati del progetto “NET.IN Campus”. Alla conferenza stampa parteciperanno il Sottosegretario on. Salvatore Giuliano per il Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca ed il Sottosegretario on. Vincenzo Zoccano per il Ministero per la Famiglia e le Disabilità.

L’iniziativa, finanziata dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, attuata in 18 Regioni italiane, ha consentito l’elaborazione di una metodologia operativa, condivisa e standardizzata, per lo sviluppo di interventi abilitativi dedicati alle persone cieche e ipovedenti dai 4 ai 25 anni.

Il progetto, di rilevanza nazionale, di cui l’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti è stato l’ente coordinatore, è stato realizzato con la partecipazione di diversi partner tra cui I.Ri.Fo.R (Istituto Ricerca, Formazione e Riabilitazione), ANIOMAP (Associazione Nazionale Istruttori Orientamento, Mobilità, Autonomia personale), CNOP (Consiglio Nazionale Ordine Psicologi), FISPIC (Federazione Italiana Sport Paralimpici per ipovedenti e ciechi), AReS (Associazione per il Riformismo e la Solidarietà), Federazione Nazionale delle Istituzioni Pro-Ciechi e Università di Siena.

Il progetto si è realizzato da metà giugno a fine settembre 2018, sono state sperimentate le linee guida realizzate da un comitato scientifico, costituito dai professionisti degli enti partecipanti al progetto, affiancati da un gruppo di 11 supervisori che hanno applicato la metodologia nei 25 campi estivi realizzati da I.Ri.Fo.R in 18 Regioni italiane. La progettualità di NET.IN Campus ha coinvolto oltre 400 soggetti di cui 158 non vedenti, 134 ipovedenti e 180 pluridisabili, per un totale di circa 113.000 ore di attività. Il progetto “NET.IN Campus” non ha invaso le dinamiche dei singoli campi ma, al contrario, ha permesso di raccogliere dati ed esperienze, approfondire conoscenze ed aspetti del percorso di abilitazione delle persone con disabilità visiva e pluridisabilità. I risultati di tale indagine sono stati raccolti nel manuale in oggetto.

“NET.IN Campus nasce dall’esigenza di creare una solida rete sul territorio sperimentando e condividendo le buone prassi che da quasi 30 anni U.I.C.I. utilizza nei campi estivi territoriali organizzati insieme a I.Ri.Fo.R”, spiega Linda Legname, Responsabile dell’unità operativa di raccolta fondi e di progettazione e Componente della Direzione Nazionale UICI. “Dopo tanto tempo e un’attenta osservazione, si è profilata l’esigenza di una riflessione metodologica che fosse in grado di rispondere ai bisogni attuali, di una società profondamente cambiata. Per questo partendo dal presupposto che ogni intervento deve essere ‘cucito su misura’ della persona disabile, abbiamo deciso di validare e condividere un’unica metodologia per l’applicazione di un approccio che passa dal concetto di riabilitazione a quello di abilitazione. Ogni utente disabile sperimenterà tecniche e attività basate sulle proprie abilità, tenendo conto delle personali compromissioni fisiche e cognitive, utilizzando tecniche varie: dal supporto psicologico all’orientamento e alla mobilità, dalla tiflologia allo sport e riabilitazione sportiva. Così il disabile visivo, inserito in modo funzionale in un gruppo di pari, potrà sviluppare, promuovere e diventare consapevole delle proprie capacità e della propria autonomia, per una maggiore affermazione del suo ruolo nella società”.

“Questa iniziativa è importantissima poiché riunisce diversi aspetti sia organizzativi che scientifici, dandogli una prospettiva futura” – dichiara Mario Barbuto, Presidente Nazionale Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti. “Permetterà la costruzione di una rete omogenea e forte, che non si avvarrà più della sola formazione interna ma di scambi e contaminazioni con le associazioni che sul territorio nazionale promuovono le specialità necessarie alle persone con disabilità visiva. La metodologia potrà essere applicata in Sicilia così come in Lombardia, mettendo a fattor comune le buone pratiche sperimentate. Il progetto risponde peraltro a quella che è la mission di U.I.C.I. di consolidare e incentivare le collaborazioni con altri enti e associazioni creando un circolo virtuoso e offrendo alle persone cieche e ipovedenti risposte adeguate e tempestive”.

Rubrica di SlashRadio “Chiedi al presidente”, di Mario Barbuto

Care amiche, cari amici,

Il prossimo appuntamento con questa nostra rubrica di dialogo diretto è fissato per Mercoledì 29 maggio 2019 dalle 16.30 alle 17.30, su SlashRadio.

Durante la trasmissione, nel mio ruolo di Presidente Nazionale, risponderò in diretta a tutte le domande che gli ascoltatori vorranno rivolgermi, su tutti gli argomenti che riguardano la vita associativa.

Le domande, come al solito, saranno libere, dirette e senza filtri e potranno toccare tutti gli aspetti della nostra attività associativa e tutti i temi concernenti la vita dei ciechi e degli ipovedenti italiani.

Le modalità di contatto per indirizzare le domande o intervenire in trasmissione, sono:

– email, all’indirizzo chiedialpresidente@uiciechi.it

– modulo web, all’indirizzo http://www.uiciechi.it/radio/radio.asp

– telefono, durante la diretta, al numero 06.920.925.66

Vi attendo numerosi per continuare il nostro meraviglioso dialogo mensile.

Per ascoltare SlashRadio sarà sufficiente digitare la stringa: http://www.uiciechi.it/radio/radio.asp

Per sistemi Apple e IOS, la stringa sarà: http://94.23.67.20:8004/listen.m3u

FID – Rinnovo cariche e Barbuto confermato presidente

Il 16 maggio si è tenuta a Roma l’assemblea del Forum Italiano sulla Disabilità che ha riconfermato Mario Barbuto nella carica di presidente e Antonio Cotura in quella di vice presidente.

Il Forum ha inoltre rinnovato il Consiglio direttivo e ha approvato la riforma dello Statuto che fa del FID un organismo più agile ed efficiente.

Il presidente Barbuto annuncia una sua lettera personale a ciascuno dei candidati al Parlamento europeo per chiedere un loro impegno preciso sui temi della disabilità, a partire dal libero esercizio del diritto di voto e di elezione da garantire a tutti in modo indipendente.

Le federazioni italiane delle persone con disabilità FAND e FISH, che costituiscono l’ossatura fondamentale del FID, hanno ribadito il loro fermo proposito di sviluppare modalità di dialogo e di concertazione per raggiungere posizioni comuni e condivise sui temi principali che riguardano milioni di persone con disabilità in tutta Italia.

Il nostro impegno per il lavoro, di Mario Barbuto

Da vent’anni è in vigore la Legge 68/99, forse più comunemente conosciuta come legge Salvi, varata per favorire la creazione di nuove opportunità di lavoro per ciechi e ipovedenti.

Le aspettative suscitate da questa legge si sono rivelate, purtroppo, di gran lunga maggiori delle reali opportunità offerte ai ciechi e agli ipovedenti che l’avevano attesa con speranza e dell’Unione che l’aveva promossa con fervore.

Certo, qualcosa si è mosso e qualche risultato è stato raggiunto! Alcuni enti pubblici hanno dato spazio e fiducia a lavoratori non vedenti, al di là del titolo di centralinista. Alcune aziende e imprese private hanno offerto opportunità di praticare nuove professionalità, anche attraverso un percorso di aggiornamento qualificato e credibile.

La Legge 68, al di là dei risultati non sempre soddisfacenti che ci si sarebbe aspettato, ha comunque segnato una volontà nuova del legislatore che ha raccolto l’istanza dell’Unione volta a proporre sbocchi lavorativi maggiori e più differenziati.

Dal 2014 il tema del lavoro è stato una priorità costante per me e per tutta la dirigenza nazionale e territoriale dell’Unione. Quattro anni fa, a Napoli, nel cuore di un Mezzogiorno martoriato dalla disoccupazione, dove le persone con disabilità pagano più d’ogni altro i prezzi di una economia stagnante, abbiamo voluto svolgere un grande meeting nazionale sul lavoro per mantenere al centro dell’attenzione una problematica così importante e scottante.

Nel 2016 abbiamo risistemato la contribuzione ai fini pensionistici, ripristinando quei criteri di equità e di giustizia che i provvedimenti di Mario Monti avevano alterato.

Nel 2017 abbiamo voluto dedicare la nostra lotteria Louis Braille al tema del lavoro e siamo riusciti a mettere a disposizione, grazie anche all’intervento dell’Irifor, una somma di 200 mila Euro che abbiamo voluto destinare alla promozione di nuove attività lavorative fondate sullo spirito imprenditoriale dei nostri giovani.

I risultati del concorso che ci ha impegnato per tutto il 2018, a mio avviso, sono stati purtroppo inferiori a quanto ci si sarebbe potuto aspettare. E tuttavia quattro progetti di piccola imprenditoria innovativa sono stati selezionati e verranno finanziati con un contributo a fondo perduto di 20 mila Euro ciascuno.

Una sfida che i nostri giovani proponenti dovranno saper sostenere e vincere e che noi tenteremo di vincere insieme a loro.

Abbiamo inoltre incardinato il testo di riforma della 113/85, appena presentato alla Camera dei deputati e stiamo per ottenere il decreto ministeriale di riconoscimento del titolo anche per i massaggiatori che lo abbiano conseguito dal 1999 in avanti.

Sono state inoltre attivate e sostenute varie iniziative di formazione e di impiego mediante “progetti giovani” o altre modalità promozionali in atto in varie realtà territoriali italiane, pur senza aver mai dimenticato di rivendicare il rispetto della Legge 113 attualmente in vigore che consente ancora l’occupazione e l’aggiornamento professionale di numerosi nostri lavoratori che possono continuare a trovare uno sbocco lavorativo solido e dignitoso oggi e domani grazie al centralino telefonico.

Abbiamo istituito una folta e popolosa commissione nazionale per le “nuove attività lavorative” che ha approfondito alcune opportunità e ha tentato di raccomandare alcune iniziative importanti quali il corso per periti fonici forensi svolto dall’istituto Sant’Alessio di Roma.

Nonostante l’impegno, purtroppo non sempre sono giunte risposte improntate alla voglia di fare, di tentare, di rischiare… Forse perché la proposta non è apparsa del tutto convincente, forse perché le opportunità tradizionali costituiscono ancora attrattiva credibile nonostante tutto; forse perché si dovrebbe ricercare un approccio più realistico, basato sull’impiego di competenze già acquisite negli anni del percorso scolastico e formativo.

Probabilmente, infatti, l’agricoltura, per quanto moderna e proposta in forma particolarmente evoluta, rappresenta un terreno troppo inesplorato, indefinito e incerto. A me pare che l’approccio alle nuove attività lavorative debba innanzitutto proporsi con l’umiltà dello sperimentatore che cerca di conciliare quanto la persona è potenzialmente capace di fare, con quel che il mercato del lavoro attuale è in grado di offrire. Qualcosa che non appaia troppo lontano dalla realtà che vivono quotidianamente le persone da coinvolgere e che sappia motivarle e attrarle perché fa appello a risorse e competenze che queste persone già posseggono in qualche modo o che suppongono di poter acquisire senza dover affrontare percorsi troppo tortuosi e tanto lontani dal loro modo di vivere di tutti i giorni.

Vi sono abilità e competenze tra i nostri giovani ancora poco esplorate e pochissimo valorizzate nel settore linguistico, informatico, artistico, letterario e musicale che forse attendono di sbocciare quando opportunamente collegate a un’attività lavorativa che debba trarne vantaggio. Parimenti, l’area della comunicazione offre stimoli notevoli se riusciremo a coglierne le potenzialità e a mettere i ragazzi nelle condizioni di spendere competenze e qualità acquisite.

Anche le posizioni direttive e organizzative garantiscono spazi innumerevoli che paiono attendere soltanto di essere occupati, senza dimenticare le aree dell’insegnamento che oggi potrebbero presentarsi in forme del tutto nuove e diverse.

Mi sono sempre domandato perché solo pochissimi tra i nostri ragazzi occupano posti di responsabilità nelle istituzioni della disabilità visiva dove si dovrebbe invece osare di più e dare più fiducia, senza cadere nella deprecabile tentazione di stendere tappeti rossi alle persone vedenti e mostrare invece scetticismo verso chi, come noi, è portatore di cecità.

Dobbiamo, però, soprattutto saper trovare le vie per valorizzare il residuo visivo delle persone ipovedenti che sono sempre più numerose tra i nostri soci e rappresentati e che in molti casi posseggono abilità e capacità dovute alla loro peculiare condizione sensoriale che dovremmo saper sfruttare di più e meglio. Tante mansioni e funzioni lavorative, infatti, potrebbero essere svolte bene da una persona ipovedente e potrebbero diventare gli elementi per una proposta da un lato di tutela legislativa, dall’altro di valorizzazione pratica nell’ambito di una agenzia del lavoro dove domanda e offerta riescano a incontrarsi e a conciliarsi.

Insomma, un modo nuovo e pratico di affrontare i temi occupazionali della nostra categoria, tenendo conto delle capacità residue di ciascuno di noi e delle reali esigenze espresse da un mercato del lavoro in vorticoso e continuo mutamento.

Questo il nostro impegno di oggi e di domani! Consolidare le posizioni acquisite e proporre nuove attività basate sulla esperienza e sul senso pratico; tutelate dalla Legge, veicolate da organismi di mediazione efficienti.

Con l’unità di tutti e la determinazione di sempre, ce la faremo!

Sintesi dei lavori della Direzione Nazionale, a cura di Eugenio Saltarel

Questa volta ci siamo incontrati a Palermo presso l’Istituto dei Ciechi Florio e Salamone per la consueta riunione della Direzione Nazionale. Katia Caravello era impegnata nei preparativi del Salone del Libro a Torino per cui non ha preso parte alla riunione, mentre Stefano Tortini e Adoriano Corradetti hanno partecipato via telefono; tutti gli altri erano presenti.

Abbiamo iniziato con il saluto del Presidente regionale prof. Minincleri, contento della decisione di riunirci a Palermo, forse per la prima volta. Quindi il verbale della riunione precedente è stato approvato all’unanimità e non avevamo documenti di cui prendere atto, dato che la riunione precedente è avvenuta a poca distanza da questa.

Il Centenario della nostra Associazione e lo svolgimento del XXIV Congresso Nazionale hanno attratto a questo punto la nostra attenzione. Il Presidente ha tracciato un breve excursus sulle attività in cantiere per celebrare degnamente questo centenario: sarà inviata una lettera alle sezioni per quantificare le richieste della medaglia celebrativa che è stato deciso di realizzare nel corso della scorsa riunione; sono in corso contatti per donare a Papa Francesco la Campana Aurelia, attualmente in fase di realizzazione presso le fonderie vaticane. Il 21 febbraio 2020 partirà da Catania la mostra itinerante che attraverserà tutte le regioni italiane che si dichiareranno disponibili ad ospitarla e arricchirla con manifestazioni musicali, sportive, dimostrative delle attività e abilità dei non vedenti, sia singolarmente che in gruppi. In luglio si terrà la serata conclusiva a Roma con la presentazione della scultura della Saggezza, una cena al buio con le autorità nazionali, in collegamento anche con Slash Radio Web con tutte le altre regioni dove saranno organizzate manifestazioni analoghe. Dovunque sia possibile, saranno presenti unità mobili per la prevenzione della cecità, visite gratuite e proiezioni di video sulla storia dell’Unione. Successivamente abbiamo preso atto dell’evoluzione dell’organizzazione del XXIV Congresso Nazionale che si terrà a Genova tra il 22 e il 24 ottobre 2020, fornendo indicazioni, nel corso della discussione, sulle scelte da operarsi per rendere la manifestazione consona alla celebrazione del Centenario, senza raggiungere un costo eccessivo e risultando però in grado di fornire il risultato che da un Congresso del genere tutti dobbiamo aspettarci; in questo senso si è dovuto rinunciare all’idea di svolgere un Congresso su una nave da crociera, che avrebbe dovuto toccare le principali città italiane.

Ci siamo quindi occupati della situazione del Centro Regionale Helen Keller di Messina, riconosciuto polo di interesse nazionale per i non vedenti. Si è già riunito il nuovo Consiglio di Amministrazione del Centro, dopo la decisione degli Ordini di giustizia amministrativa della Regione Sicilia di confermare la validità dello statuto con le rappresentanze precedenti; è già stata avviata la revisione dello statuto, è stato eletto il nuovo presidente nella persona di Linda Legname. Per consentire al Centro di far fronte alle imminenti scadenze debitorie e regolarizzare la propria posizione in modo da poter incassare i contributi arretrati stanziati nel bilancio della Regione Sicilia, è stato deliberato un prestito di 250.000 euro, che sarà rimborsato entro l’ottobre 2020.

Pierangela Meduri è stata quindi nominata componente del Consiglio di Amministrazione nazionale dell’Irifor in sostituzione del prof. Minincleri dimissionario, nomina che consentirà a questo organo di completare il proprio mandato fino alla prossima scadenza congressuale.

Quindi è stata presa in esame la situazione della comunicazione, decidendo di utilizzare meglio le risorse interne ai nostri uffici in collaborazione con la FB&associati (con la quale si prevede la stipula di un accordo), proponendoci in giugno, durante la prossima riunione, di esaminare il capitolato per la ristrutturazione del sito internet dell’Unione, il tutto in collaborazione con l’ufficio Fundraising, la Commissione trasparenza, visibilità e immagine, oltre agli esperti di informatica e connessione internet.

A questo punto ha portato il suo saluto il padrone di casa prof. Tommaso Di Gesaro, presidente dell’Istituto Florio e Salamone che ci ospitava.

Per il settimo punto all’ordine del giorno, la Sezione territoriale di Catania è stata autorizzata a intraprendere la strada che riterrà più conveniente nel promuovere un giudizio civile in una causa riguardante una vertenza nei confronti di un proprio dipendente.

Per quanto riguarda il patrimonio non sono state prese decisioni, mentre nella sezione contributi sono state esaminate le richieste di: Bari, Crotone, Prato, Consiglio regionale Marche e Mantova.

Abbiamo poi esaminato due situazioni relative al personale dipendente della sede nazionale ed approvato la deliberazione d’urgenza assunta dal Presidente nazionale riguardante un intervento presso la sezione di Viterbo.

Nelle comunicazioni:

Angela Pimpinella ha riferito sulla riunione della Consulta delle associazioni per disabili del Lazio, per il loro passaggio al Terzo Settore, oltre ai corsi di formazione per gli ausili utilizzabili da persone sordocieche e sulla formazione per l’utilizzo delle tecnologie apposite.

Condidorio ha riferito sull’assemblea della FAND che ha approvato il nuovo statuto della Federazione, decidendo di attribuire maggiore forza alle rappresentanze regionali, con anche l’istituzione di sedi locali e di rappresentanze unitarie.

Girardi invece ha riferito sulla riunione svoltasi il giorno precedente con il personale delle sedi regionali per fare il punto sull’attivazione della nuova modalità di contabilità, inoltre ha lamentato un incremento degli errori da parte dell’INPS nella definizione delle pratiche di pensionamento per i ciechi civili, raccomandando di far conoscere alle strutture periferiche INPS il documento redatto concordemente a livello nazionale, in grado di evitare gli errori suddetti.

Tortini ha riferito sull’esito positivo della manifestazione del 7 maggio scorso presso l’università Luiss Guido Carli, 3.000 studenti hanno potuto partecipare, presentando le loro capacità in colloqui al buio con le 20 aziende presenti, che sono poi anche state contattate dall’Unione per sviluppi futuri nel campo lavorativo; ha anche informato che in alcune regioni le manifestazioni sullo sport potranno tenersi anche da settembre a novembre in modo da poter coinvolgere le scuole.

Barbuto ha informato sull’iter del decreto per il riconoscimento dei fisioterapisti grazie ai titoli da loro ottenuti dopo il 1999 e sull’avvio della riforma della Legge 113-85 presso la camera dei Deputati; inoltre ha riportato che il 30 aprile scorso è stato eletto il nuovo Presidente dello Ierfop nella persona del dott. Roberto Pini.

Alle 18,30 i lavori della Direzione, iniziati alle 14,30, si sono conclusi.

L’UICI e le istituzioni collegate, al Salone Internazionale del Libro di Torino 2019

L’Unione Italiana Ciechi e degli Ipovedenti, insieme alla Biblioteca Regina Margherita, alla Federazione Pro Ciechi e alla Stamperia di Catania, in collaborazione con Fondazione LIA, saranno presenti con un proprio stand al Salone Internazionale del Libro di Torino dal 9 al 13 maggio.

Il sistema di istituzioni presenti a Torino rappresenta parte della rete di collaborazioni sinergiche che l’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti intrattiene con le organizzazioni a essa collegate, al fine di garantire la piena inclusione scolastica, sociale e lavorativa delle persone con disabilità visiva… insieme per trasformare i limiti in punti di forza!

All’edizione del Salone del Libro di Torino che si apre il 9 maggio, alcune delle realtà del sistema parteciperanno per mostrare concretamente il fondamentale lavoro che svolgono per garantire alle persone con disabilità visiva il diritto di accedere alla lettura e alla cultura in generale.

Presso il nostro stand, S82, Padiglione 3, oltre a trovare tanto materiale informativo, grazie al personale presente, potrete soddisfare ogni vostra curiosità in merito alla cecità e all’ipovisione, conoscere le modalità e gli strumenti che consentono a chi ha problemi di vista di leggere e scrivere e partecipare ad attività coinvolgenti e stimolanti…, adatte per adulti e per piccini!

Per l’intera durata della manifestazione, inoltre, sarà attivo il laboratorio “Mi presti la tua voce?”. Insieme registreremo piccoli passi di grandi racconti del passato e daremo vita a un vero e proprio audiolibro che tutti i nostri utenti del Libro Parlato potranno ascoltare.

Mostreremo le tecniche di lettura ad alta voce, l’uso dei programmi audio e scopriremo insieme il piacere di leggere per gli altri.

Sono lieto di invitarti domenica 12 maggio, Sala Indaco 11.30-12.30, “Reading al buio”. Sarà un’esperienza emozionante che avvicinerà al mondo dell’accessibilità e farà conoscere le diverse modalità di lettura delle persone con disabilità visiva. Ospiti Francesca Pieri (DeA Planeta), Alice Basso (Garzanti) e Maria Clara Ori (Fondazione LIA).

Lunedì 13 maggio, invece, ti aspetto presso la Sala Magenta 12.00-13.00, per l’incontro “Perché produrre e-book accessibili?”. Raggiungere un bacino di lettori più ampio, migliorare qualitativamente i propri e-book ed essere conformi all’evoluzione della legislazione in materia: sono alcuni dei molti vantaggi per un editore di rendere il proprio catalogo accessibile a tutti. Partecipano Mario Barbuto (Presidente Fondazione LIA e UICI) Cristina Mussinelli (Segretario generale Fondazione LIA) e Denise Nobili (Fondazione LIA).

Slash Radio Web: Palinsesto della settimana dal 6 al 10 maggio 2019

Le nostre trasmissioni inizieranno alle 8:25 con la rubrica “Un libro al giorno”, prodotta e curata dal Centro Nazionale del Libro Parlato “Francesco Fratta” (della durata di cinque minuti), in onda dal lunedì al venerdì nei seguenti orari: 8:25, 14:50, 19:50 e al termine della programmazione serale. Dopo “Un libro al giorno”, di mattina, potrete ascoltare l’Oroscopo e Almanaccando, la rubrica sui fatti del giorno a ritroso nel tempo, a seguire il Meteo. Dalle 9:00 alle 10:30 l’appuntamento è con Spotlight: notizie di attualità, politica, cultura e sport nonché approfondimenti a cura di ospiti del mondo del giornalismo. In particolare lunedì 6 maggio ospiteremo l’inviato de “la Stampa” Guglielmo Buccheri, per parlare del derby torinese disputato a poche ore dal 70esimo anniversario della tragedia del Grande Torino a Superga; martedì 7 maggio ci occuperemo del “Maggio dei libri”, iniziativa che dal 2011 porta la lettura in giro per l’Italia in contesti diversi da quelli tradizionali con il presidente del “Centro per il libro e la lettura” Romano Montroni.

Lunedì 6 maggio alle 10:30 inoltre potrete ascoltare la nuova puntata di Slash Sport News, la nostra striscia settimanale, della durata di mezz’ora, che si occupa di tutte le discipline sportive praticate da ciechi e ipovedenti con risultati, classifiche, approfondimenti e interviste ai protagonisti. Questa settimana fari puntati su Atletica Leggera, Showdown, Baseball e Immersioni. Invitiamo le ascoltatrici e gli ascoltatori a partecipare segnalando eventi, storie e competizioni da trattare in trasmissione. Confermato il doppio appuntamento con UiciCom, nei giorni di mercoledì 8 maggio, con inizio alle 10:30, per ciò che concerne le notizie, le attività e gli eventi del territorio e della Presidenza Nazionale, e di Venerdì 10 maggio, sempre alle 10:30, per il tour di presentazione di tutte le sezioni Provinciali, Intercomunali e dei Consigli Regionali dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti ONLUS-APS.

Slashbox vi terrà compagnia nei pomeriggi di martedì 7 e giovedì 9 maggio dalle 16:00 alle 18:30 mentre mercoledì 8 maggio saremo in onda dalle 15:00 alle 18:30 con la seguente programmazione:

Martedì 7 maggio:

Puntata dedicata principalmente alla letteratura: in apertura tornerà ai nostri microfoni Diego Galdino che ci presenterà il suo ultimo romanzo “Bosco bianco”. Sinossi: Nel suo testamento, la signora Chiara Pizzi lascia in eredità Bosco Bianco, una bellissima e storica tenuta affacciata sulla costiera amalfitana, a suo nipote Samuele Milleri, figlio di sua sorella e alla signorina Maia Antonini, figlia della sua più cara amica d’infanzia. Si racconta che a Bosco Bianco sia nascosto il diario segreto del leggendario scrittore americano Albert Grant. Proprio per questo motivo Andrea Razzi, ricco uomo d’affari, con velleità politiche, vuole entrarne in possesso a qualsiasi costo, tanto da acquistare da Samuele Milleri la sua metà di Bosco Bianco appena ereditata, approfittando dei suoi gravi problemi finanziari, per poi obbligare Giorgio Betti, il suo migliore e fascinoso agente immobiliare, a fingersi il nipote della vecchia proprietaria per cercare di convincere Maia Antonini a vendergli la sua parte della tenuta, anche a costo di farla innamorare di lui. Ma vivere a Bosco Bianco, seppur per pochissimo tempo, può cambiare il destino delle persone. Lo sapeva bene lo scrittore americano Albert Grant, che aveva fatto dell’amore la sua ragione di vita perché come scritto alla fine del suo libro più famoso… “Per perdersi non serve un posto, basta una persona”. Diego Galdino, classe 1971, vive a Roma e ogni mattina si alza alle cinque per aprire il suo bar in centro, dove tutti i giorni saluta i clienti con i caffè più fantasiosi della città come ha raccontato ne “Il primo caffè del mattino” e “L’ultimo caffè della sera”.

Alle 17:00 sarà con noi Valentina Schifilliti, autrice dl libro “L’ora del te” (Giunti editore).

Sinossi: Alice è figlia unica, abituata a darsi da fare “per due”. Non ha mai voluto deludere i genitori e ha un rapporto speciale con nonna Bice, un tempo sarta in un atelier di abiti da sposa, che facevano sognare Alice fin da piccina con il loro tulle e ricami. Così, dopo la laurea, ha trovato Il Posto Fisso che la famiglia si aspettava da lei. Ma quando alla vigilia di Natale anche quella certezza sembra sfumare, Alice capisce che è venuto il momento di seguire davvero la voce del cuore. Sostenuta dal fidanzato Andrea e dalle sue strambe, adorabili amiche, apre così un profilo social attraverso il quale presentare le creazioni sartoriali uniche che realizza in casa, mentre il gatto Marlon fa le fusa. Le cose non decollano, sono in pochi a seguirla, fino a che, improvvisamente, il destino spariglia le carte. Alice si trova catapultata nel mondo degli influencer, che dominano l’universo del web, suscitatori di like che tintinnano come monete sonanti, maghi capaci di utilizzare i potenti filtri della rete per far sognare i loro follower. Per Alice è davvero l’ingresso in un mondo di “meraviglie”, tanto affascinanti quanto pericolose. Perché il filtro dei social media può essere una droga sottile, che scaccia ogni solitudine ma chiede in cambio di consegnare ogni momento privato alla sua luce accecante… Valentina Schifilliti, per tutti noi @larotten, esordisce nella narrativa con un romanzo romantico e brillante. E ci pone, insieme ai suoi personaggi, domande grandi: qual è il rapporto tra la realtà e la sua narrazione in rete? Siamo consapevoli del potere simbolico ed economico che tutto questo esercita su di noi? E soprattutto: saremo capaci di passare attraverso il grande “specchio” social senza perdere l’autenticità che rende la vita degna di essere vissuta?

Valentina Schifilliti (Seregno, 1986) è laureata in Criminologia. Dopo anni di lavoro come educatrice nelle carceri e in comunità, nel 2013 apre il profilo Instagram The Rotten Salad. In poco tempo il suo humour e la sua intelligenza conquistano la rete, tanto che oggi sono più di 100.000 i follower che dialogano con lei e seguono con passione le stories di @larotten.

Per concludere parleremo con Monica Nolli e il dirigente Uisp (Unione Italiana Sport per Tutti) Maurizio Giorgi di un corso di vela inclusiva a livello nazionale, reso possibile dalla sinergia tra l’Unione Italiana Sport per tutti e l’Unione Italiana dei ciechi e degli Ipovedenti Onlus-APS.

Mercoledì 8 maggio:

Inizieremo alle 15:00 parlando della collaborazione tra l’ I.Ri.Fo.R.  e la casa editrice Erickson insieme a Massimo Vita, vicepresidente dell’ Istituto per la Ricerca la Formazione e la Riabilitazione e Giorgio Dossi,Presidente Centro Studi Edizioni Erickson. Alle 15:30 torna la rubrica dell’INVAT “Orizzonti multimediali”, curata da Marino Attini che, come ogni secondo  mercoledì del mese, ci illustrerà le ultime novità dal mondo della tecnologia con collegamenti e contributi audiovideo. Alle 16:30 sarà il momento di “Dialogo con la Direzione”, nel corso della quale i nostri ascoltatori potranno interagire con il Vicepresidente Nazionale dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti Onlus-APS Stefano Tortini e la componente della Direzione Nazionale Linda Legname. Vi invitiamo a partecipare numerosi.  Per ulteriori dettagli rimandiamo al Comunicato n.57. In chiusura di puntata con il Responsabile dell’Area Comunicazione dell’Unione italiana dei ciechi e degli Ipovedenti Onlus-APS Vincenzo Massa  e Cristina Mussinelli, segretario generale della Fondazione LIA (Libri Italiani Accessibili), parleremo delle iniziative in vista del Salone del Libro di Torino. A seguire sarà con noi  Katia Caravello, coordinatrice della Commissione Nazionale Servizi Librari, anche lei presente al Salone del Libro di Torino.

Giovedì 9 maggio:

Apertura dedicata alla poliedrica Alessia Refolo, campionessa di arrampicata e sci nautico, e ora anche scrittrice, con il libro autobiografico “Se vuoi puoi. Una vita al di là del buio” (edito da Hever).

Sinossi: Alessia, sportiva ventiquattrenne, bancaria elegante e aggraziata, ha la caparbietà necessaria per trasformare in successo tutto ciò che desidera. Col tempo sembra aver trovato un buon compromesso tra testa e cuore, che le consente di essere felice nonostante la presenza di un limite enorme: pur illuminando tutto intorno a sé, Alessia non vede nulla, distingue solamente il giorno dalla notte. E la storia di una ragazza che scala montagne fatte di roccia, ma soprattutto, grazie alla sua forza di volontà, ha imparato ad arrampicarsi sulle montagne della vita quotidiana. Sfide grandi e piccole cedono il passo a due ambizioni con la A maiuscola: l’indomita determinazione di vincere un Campionato Mondiale Paralimpico di arrampicata sportiva, e la successiva tenacia nel raggiungere la cima di una parete alta 300 metri. Se è vero che, trovate le giuste dosi di paura e coraggio, si crea una miscela emotiva che permette di andare oltre qualsiasi ostacolo, la protagonista dimostra che, tra gioie e difficoltà, gli obiettivi prefissati possono essere raggiunti, a patto che lo si voglia davvero.

Alessia Refolo è nata l’11 luglio 1990 a Ivrea, dove vive da sola nel suo appartamento riuscendo a essere indipendente principalmente grazie all’ordine. Lavora come bancaria nella filiale di Ivrea del Monte Paschi di Siena. Quando aveva 18 mesi d’età il neuroblastoma – tumore infantile che causa la morte di un bambino su 5 – le ha fatto perdere la vista. Sportiva fin dalla più tenera età, nel 2014 ha iniziato a gareggiare nell’arrampicata con il nome d’arte di Barbie Climber e l’anno dopo è diventata Campione Mondiale. In seguito si è appassionata allo sci nautico, e sotto la guida della leggenda della specialità Daniele Cassioli  ha conquistato il titolo europeo nel 2018. “Se vuoi puoi”, suo mantra personale e titolo del suo primo libro, è anche il nome del progetto che dal 2017 porta a bambini e ragazzi il suo messaggio di positività.

Alle 17:00 Valeria Bottalico della Collezione Peggy Guggenheim di Venezia ci presenterà il suo progetto di inclusività museale “Doppio Senso”.  In collegamento anche Annalisa Trasatti del Museo Tattile statale Omero di Ancona.

A seguire la scienziata Monica Gori dell’ Istituto Italiano di Tecnologia (ITT) di Genova ci spiegherà come imparare geometria e matematica attraverso i sensi, al di là di ogni disabilità e senza barriere. Con noi anche Giuseppe Fornaro referente della Commissione Nazionale Ausili e Tecnologie dell’Uici.

Le trasmissioni saranno condotte da Luisa Bartolucci, Chiara Maria Gargioli e Renzo Giannantonio.

Gli ascoltatori, che invitiamo a partecipare con quesiti e contributi, potranno, come di consueto, scegliere diverse modalità di intervento:

– Tramite telefono contattando durante la diretta il numero: 06-92092566 – Inviando e-mail, anche nei giorni precedenti le trasmissioni, all’indirizzo: diretta@uiciechi.it

– Compilando l’apposito form di Slash Radio Web , o scrivendo sulla nostra pagina facebook Slash Radio Web. Per ascoltare Slashradio sarà sufficiente digitare la seguente stringa: http://www.uiciechi.it/radio/radio.asp Oppure accendere la nostra app Slash Radio Web di Erasmo di Donato, che vi invitiamo a scaricare, onde averci sempre con voi! Il contenuto delle trasmissioni verrà pubblicato: Sul sito dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti ONLUS-APS all’indirizzo http://www.uiciechi.it/ArchivioMultimediale

– sulla pagina Facebook Slash Radio Web sulla quale andremo anche in diretta, in radiovisione ed alla quale vi invitiamo a mettere il vostro like onde divenire nostri followers, grazie.

Vi ricordiamo infine, come annunciato nelle scorse settimane, che adesso è ancora più facile ascoltarci: per i possessori dell’assistente vocale Alexa di Amazon è disponibile la skill di Slash Radio Web.

I comandi sono:

  • Alexa, AVVIA Slash Radio Web

oppure

  • Alexa APRI Slash Radio Web

di seguito il link di riferimento per Alexa Skill su Amazon Prime:

https://www.amazon.it/dp/B07NS18BTQ/ref=sr_1_1_nodl…

Linda Legname nuovo Presidente del Centro Helen Keller

Il 30 aprile u.s., si è insediato, il nuovo Consiglio di Amministrazione del Centro Regionale Helen Keller, composto dai rappresentanti dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, come previsto dalla L.R. 4/2001, nelle persone di: Mario Barbuto, Santino Di Gregorio, Linda Legname e Gaetano Minincleri.
Nella stessa seduta è stata eletta all’unanimità Presidente del Centro Linda Legname.
Il nuovo Consiglio, di cui fanno parte il Presidente Nazionale ed il Presidente Regionale dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, nasce con i propositi di rilanciare le attività a favore dei ciechi e degli ipovedenti, nell’ambito dell’autonomia, formazione, addestramento e consegna dei cani guida per ciechi e per tutto ciò che si rende necessario per migliorare la qualità della vita delle persone con disabilità visiva.
Queste le prime parole del neo presidente Linda Legname: “Unitamente al Consiglio, i dipendenti ed i collaboratori, auspichiamo che il Centro ritrovi lo slancio per essere operativo non solo nel territorio regionale ma anche nello scenario nazionale, interagendo con tutte le istituzioni che operano in favore dei ciechi e degli ipovedenti per implementare la propria attività in coerenza con la nuova società, con i nuovi bisogni dei ciechi”.
Una sfida di questo nuovo CdA è quella di aprire le porte del Centro anche alle persone non vedenti con disabilità aggiuntive.

Mario Barbuto, Santino Di Gregorio, Linda Legname e Gaetano Minincleri

Mario Barbuto, Santino Di Gregorio, Linda Legname e Gaetano Minincleri

Nuovo Consiglio d’amministrazione della Federazione Nazionale delle Istituzioni pro Ciechi

L’assemblea della Federazione delle istituzioni pro Ciechi, ha eletto il nuovo consiglio d’amministrazione. Riconfermato alla presidenza Rodolfo Masto mentre alla vice presidenza sono stati chiamati Michele Borra e Hubert Perfler. Fanno parte del consiglio Mario Barbuto, l’avv. Cassinelli, Paolo La Corte e il dott. Dutto in rappresentanza del Miur.
A tutti loro l’augurio di buon lavoro.