Lombardia – Teatro di Brescia: Un omaggio a Rossini a sostegno del servizio intervento precoce

28 Febbraio 2019

Il Consiglio Regionale Lombardo dell’U.I.C.I. (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti), grazie alla gentile disponibilità dell’Associazione Amici del Loggione del Teatro alla Scala di Milano, propone per il prossimo 28 febbraio presso il Teatro Grande di Brescia un concerto benefico, il cui ricavato sarà interamente devoluto a favore delle attività del servizio INTERVENTO PRECOCE, che da diversi anni assicura percorsi terapeutici personalizzati a bambini in età prescolare con problemi visivi e alle loro famiglie.
Protagonista della serata sarà il celebre compositore Gioacchino Rossini, che a poco più di 150 anni dalla sua scomparsa mantiene viva la sua presenza artistica grazie alla grandiosità delle sue opere. Saranno eseguiti pezzi dall’imponente produzione rossiniana (Aureliano in Palmira, Elisabetta Regina d’Inghilterra, Mosè in Egitto, l’Assedio di Corinto ed altre opere), alternando arie celebri a brani di rara esecuzione, facendo sì che Il concerto possa incontrare sia l’interesse del pubblico di massa che quello dell’appassionato, data l’eterogeneità della proposta.
Oltre che un “omaggio”, sarà anche una simpatica occasione per celebrare il compleanno di quest’ultimo, nato a Pesaro il 29 febbraio del 1792.
“A nome di tutto il Consiglio Regionale e di tutti i nostri Soci – dichiara il Presidente Regionale UICI Nicola Stilla – rivolgo un sentito ringraziamento all’amministrazione locale e al Teatro Grande di Brescia che hanno consentito la fattibilità dell’iniziativa. Esprimo viva gratitudine, inoltre, all’Associazione Amici del Loggione del Teatro alla scala di Milano, che con la sua orchestra composta da 36 elementi affiancata da un coro di almeno 80 elementi e 6 solisti ci permetterà di dare vita ad un evento in grado di coniugare cultura e finalità benefiche”.

COS’È IL SERVIZIO INTERVENTO PRECOCE?
Attivo da diversi anni sul territorio bresciano il servizio, assicurato dall’UICI tramite l’IRIFOR (Istituto per la Ricerca, la Formazione e la Riabilitazione) della Lombardia e grazie alla collaborazione e al sostegno dell’Associazione Nati Per Vivere, attraverso interventi riabilitativi individuali che tengano conto del grado di sviluppo, delle caratteristiche personali e delle peculiarità ambientali in cui il bambino vive, si pone l’obiettivo di monitorare e catalizzare lo sviluppo relazionale, ludico, cognitivo, motorio ed eventualmente visivo dei piccoli, affiancando le famiglie in questa delicatissima fase della crescita.
Un mancato intervento nei primi anni può compromettere irreversibilmente lo sviluppo psicomotorio del piccolo e, proprio per questo, INTERVENTO PRECOCE è un servizio di vitale importanza per le quasi cento famiglie del nostro territorio che ne usufruiscono.

28 febbraio, ore 20.45 – Teatro Grande di Brescia, C.so Zanardelli n. 9
Costo del biglietto – 15,00 euro intero, 10,00 euro per gli over 65 e under 25. L’orario di inizio è 20:45.
I biglietti sono acquistabili presso la Sezione UICI di Brescia – Via Divisione Tridentina 54 – Tel. 030.2209412 – e-mail uicbs@uiciechi.it.
È possibile rivolgersi anche al Consiglio Regionale UICI della Lombardia – tel. 02.76011893 – e-mail uiclomb@uiciechi.it

PROGRAMMA
Dallo “Stabat Mater”:
• STABAT MATER DOLOROSA (coro e soli: Campanella, Menna, Bono, Park) 9:40
• CUIUS ANIMAM (tenore: Bono) 6:00
• PRO PECCATIS (basso: Park) 4:30
• INFLAMMATUS (coro e soprano: Campanella) 4:40
Dalla “Petite Messe solennelle”:
• KYRIE (coro) 3:00
• AGNUS DEI (coro e mezzosoprano: Menna) 7:00
Da “Aureliano in Palmira”:
• SPOSA DEL GRANDE OSIRIDE (coro) 4:40
Da “Elisabetta d’Inghilterra”
• QUANTO È GRATO ALL’ALMA MIA (coro e soprano: Campanella) 7:00
Dal “Mose’ In Egitto”:
• DAL TUO STELLATO SOGLIO (coro e soli: Campanella, Bono, Park) 5:00
Da “Semiramide”
• BEL RAGGIO LUSINGHIER (soprano: Mannino) 7:00
Da “La donna del lago”:
• Coro di Introduzione DEL DI’ LA MESSAGGERA (coro) 4:30
Da “Assedio di Corinto”
• GIUSTO CIEL IN TAL PERIGLIO (coro e soprano: Mannino) 3:40
Da “Guglielmo Tell”
• FINALE (coro e soli: Campanella, Mannino, Menna, Bono, Park) 3:20
BIS “Dal tuo stellato soglio” (coro e tutti i solisti) 5:00
CORO, ORCHESTRA e SOLISTI DELL’ASSOCIAZIONE “AMICI DEL LOGGIONE DEL TEATRO ALLA SCALA
Renata Campanella e Francesca Mannino soprani, Nunzia Menna mezzosoprano, Emanuele Bono tenore
Sandro Eria baritono, Kiok Park basso.
DIRETTORE: FILIPPO DADONE

Lombardia – Sintesi dei lavori del Consiglio regionale lombardo dell’Uici: seduta del 10 dicembre 2018, di Massimiliano Penna

Sabato 1° dicembre 2018, presso la propria Sede a Milano in via Mozart 16, si è svolta l’ultima seduta ordinaria del 2018 del Consiglio Regionale Lombardo dell’UICI (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti).
La riunione ha avuto inizio alle ore 9.40 col saluto ai presenti del Presidente Stilla; all’appello risultavano assenti i Consiglieri Aronica, Benzoni, Bonacina, Bondio, Borella, Inverardi, Iuzzolino, La Corte, Signorini e Tozzi. Erano altresì presenti In qualità di ospiti la Presidente del Consiglio Regionale UICI del Molise Marilena Chiacchiari e il Componente la Direzione Nazionale e Coordinatore della Commissione Nazionale Istruzione UICI prof. Marco Condidorio i quali, rivolgendo un saluto all’intero Consiglio, hanno espresso sinceri ringraziamenti per l’occasione di confronto offerta. partecipavano altresì ai lavori il Presidente Regionale Onorario UICI Rodolfo Cattani, la Componente la Direzione Nazionale Katia Caravello e il Componente il Collegio dei Sindaci Revisori dott. Enrico Favara; assisteva inoltre ai lavori il Segretario verbalizzante dott. Roberto Aroldi.
Prima di dare il via ai lavori la Presidenza Regionale ha riferito che, a seguito delle dimissioni rassegnate dal Presidente della Sezione di Varese Gaetano Marchetto nelle scorse settimane, dopo 2 riunioni per verificare se vi fossero le condizioni per una eventuale revoca delle stesse, il 30 novembre u.s. il Consiglio Sezionale ha eletto quale nuovo Presidente Piercarlo Cremona.
Dopo avere approvato a maggioranza il verbale relativo alla seduta ordinaria del 22 settembre u.s. e all’unanimità quello relativo alla seduta straordinaria svoltasi in audioconferenza il 5 novembre u.s., il Consiglio ha ratificato le delibere adottate dall’Ufficio di Presidenza nella riunione del 30 ottobre u.s..
In seguito la Presidenza Regionale ha riferito quanto segue:
1. il 30 novembre u.s., presso l’Istituto dei Ciechi di Milano, si è svolto il convegno dal titolo “Istruzione, formazione e lavoro: un approccio integrato per vincere la sfida dell’occupazione per le persone con disabilità visiva”. L’evento, che ha visto una buona partecipazione, è pienamente riuscito non solo grazie all’alto contenuto delle relazioni esposte, ma anche e soprattutto per l’estrema importanza del momento di confronto avuto con aziende che hanno saputo predisporre veri percorsi d’inserimento in grado di valorizzare la persona con disabilità visiva e le sue capacità;
2. negli scorsi mesi è proseguito il dialogo con l’Assessorato alle Politiche Sociali, Abitative e Disabilità di Regione Lombardia. Inoltre, con l’Assessorato Regionale alle Politiche per la Famiglia, Genitorialità e Pari Opportunità è stato avviato un confronto circa le problematiche connesse alle donne con disabilità vittime di violenza, al fine di giungere alla piena e reale fruibilità dei centri antiviolenza e delle case-rifugio anche da parte di queste ultime;
3. il 4 ottobre u.s. la Presidenza Regionale ha partecipato alla conferenza di presentazione degli abbonamenti teatrali offerti da Teatri per Milano in collaborazione con AGIS Associazione Generale Italiana per lo Spettacolo), che fra le varie formule prevedono agevolazioni uniformi su tutto il territorio regionale specificamente rivolte alle persone con disabilità;
4. acquisita la disponibilità dell’Assessorato alla Cultura in occasione di un incontro svoltosi il 12 ottobre u.s., nonché della Sovrintendenza del Teatro Grande di Brescia in occasione di un incontro svoltosi il 5 novembre u.s., il 28 febbraio 2019, con la collaborazione del coro e dell’orchestra dell’Associazione Amici del Loggione del Teatro alla Scala, si terrà un concerto benefico a sostegno delle attività svolte dal servizio “Intervento Precoce” dell’IRIFOR Lombardia;
5. all’interno dell’evento “G come Giocare” svoltosi presso FieraMilanocity dal 23 al 25 novembre uu.ss., nei giorni 24 e 25 l’UICI della Lombardia è stata presente con laboratori organizzati dagli operatori del servizio Intervento Precoce con lo scopo di fare scoprire ai piccoli partecipanti come stimolare i sensi attraverso il gioco. Si constata con piacere il buon riscontro avuto durante le 2 giornate;
6. a seguito di un confronto avviato col Comune di Milano e la Camera di Commercio di Milano e Lodi in occasione di un incontro svoltosi il 5 novembre u.s. inerente il progetto ”Milano per Tutti”, l’UICI della Lombardia è stata coinvolta in una serie di attività finalizzate all’elaborazione di suggerimenti inerenti gli accorgimenti da adottare per una concreta accessibilità delle strutture alberghiere anche da parte delle persone con disabilità visiva, nonché a predisporre apposite attività formative rivolte al personale preposto all’accoglienza delle stesse;
7. l’8 novembre u.s., a Monza, si è svolto il convegno previsto a conclusione del progetto a valenza Regionale “Azioni di Sistema”. Dai molteplici incontri svoltisi nelle scorse settimane è emersa la buona riuscita del progetto medesimo, finalizzato all’elaborazione di linee guida inerenti l’inserimento e il mantenimento lavorativo delle persone con disabilità visiva. La Presidenza Regionale rivolge un forte invito ai Dirigenti Provinciali affinché, già nelll’immediato futuro, avviino un dialogo serrato con gli uffici provinciali preposti così da rappresentare al meglio le problematiche inerenti l’inserimento lavorativo delle persone con disabilità visiva, nonché le possibili soluzioni;
8. il 16 novembre u.s. il Ministro per la Famiglia e le Disabilità Lorenzo Fontana ha visitato la Biblioteca per Ciechi Regina Margherita di Monza e l’Istituto dei Ciechi di Milano. Unitamente al Presidente Nazionale Mario Barbuto, al Commissario Straordinario dell’Istituto dei Ciechi di Milano Rodolfo Masto e al Presidente della Biblioteca Regina Margherita Pietro Piscitelli, la Presidenza Regionale ha illustrato al Ministro le varie attività svolte dai 2 enti. È stato un momento particolarmente significativo, reso ancora più importante dalla disponibilità all’ascolto e al confronto dimostrata dal Ministro Fontana;
9. il 24 novembre u.s.:
a) presso la Sala Stoppani dell’Istituto dei Ciechi di Milano si è tenuto il convegno dal titolo “Rompiamo il muro del silenzio: insieme alle donne con disabilità contro la violenza psicologica”, promosso dalla FAND (Federazione tra le Associazioni Nazionali di Persone con Disabilità) della Lombardia. L’evento ha riscosso notevole interesse e ha visto una nutrita partecipazione. La Presidenza Regionale rivolge un sentito ringraziamento alla dott.ssa Marilena La Fratta dell’Assessorato alle Politiche per la Famiglia, Genitorialità e Pari Opportunità di Regione Lombardia per il contributo offerto a nome dell’Istituzione da lei rappresentata, nonché per la vicinanza e la sensibilità dimostrate verso le problematiche affrontate;
b) presso la Sede del Consiglio Regionale UICI si è riunita la Commissione Regionale Istruzione;
c) presso il Salone Trani del Consiglio Regionale UICI, si è svolta una dimostrazione di ausili offerta dall’azienda Tiflosystem;
10. nel mese di settembre, presso le Sezioni Territoriali della Lombardia, si sono svolte le seconde Assemblee ordinarie dei Soci;
11. il 29 settembre u.s. il Segretario Regionale ha partecipato al convegno “Smart – Una città che accoglie” organizzato dal Comune di Vigevano, dove ha presentato la piattaforma “MilanoAccogliente”;
12. il 29 e 30 settembre u.s., a Tirrenia, ha avuto luogo l’Assemblea Nazionale dei Quadri Dirigenti dell’UICI;
13. il 2 ottobre u.s. ha avuto luogo un incontro con l’ANFFAS (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale) e la LEDHA (Lega per i Diritti delle persone con Disabilità), al fine di approfondire diversi aspetti relativi al progetto “Budget di Salute” finanziato dalla Fondazione CARIPLO;
14. il 9 ottobre u.s. si è riunita la Commissione Regionale Terza Età;
15. il 12 ottobre u.s. la Presidenza Regionale ha preso parte al simposio “Ipovisione e Cecità” tenutosi presso la Sala Alessi di Palazzo Marino a Milano;
16. il 14 ottobre u.s. la Presidenza Regionale ha partecipato alla visita guidata presso il Teatro Grande di Brescia, che ha permesso alle persone ipo e non vedenti di accedere al palcoscenico e toccare tutti gli elementi della scena dell’opera in programma in quelle date;
17. il 16 ottobre u.s. la Presidenza ed il Segretario Regionale, unitamente al Presidente di LEDHA Alessandro Manfredi, hanno incontrato l’Assessore Regionale alle Politiche Sociali, Abitative e Disabilità Stefano Bolognini per confrontarsi su vari aspetti inerenti il Fondo Unico Regionale sulla Disabilità;
18. il 18 ottobre u.s., presso la Sede del Consiglio Regionale UICI, si è riunito l’Ufficio di Presidenza della FAND Lombardia;
19. il 19 ottobre u.s. ha avuto luogo un incontro con il Direttore Generale dell’Assessorato Regionale alle Politiche Sociali, Abitative e Disabilità Giovanni Daverio e la referente di Regione Lombardia per il servizio “SpazioDisabilità” dott.ssa Cinzia Tripi, al fine di definire il piano formativo per gli operatori e l’avvio delle attività delle “Antenne Territoriali”;
20. il 20 ottobre u.s., alla presenza del Presidente Nazionale Mario Barbuto, ha avuto luogo l’Assemblea Regionale dei Quadri Dirigenti;
21. il 25 ottobre u.s. la dipendente del Consiglio Regionale UICI Simona Pioggia ha partecipato all’incontro fra i partner del progetto “Budget di Salute” svoltosi presso l’ANFFAS di Cinisello Balsamo;
22. il 25 ed il 31 ottobre uu.ss. il Segretario Regionale e la consulente Miriam Bassani hanno partecipato ad un incontro con la Referente di Regione Lombardia per il servizio SpazioDisabilità dott.ssa Cinzia Tripi per analizzare la rendicontazione del relativo progetto;
23. il 30 ottobre u.s. si è riunito l’Ufficio di Presidenza Regionale dell’UICI;
24. il 3 novembre u.s. si è riunita la Commissione Regionale Sport, Tempo Libero e Turismo Sociale;
25. il 6 novembre u.s., presso la Sede del Consiglio Regionale UICI, ha avuto luogo un incontro con gli operatori delle Antenne Territoriali del servizio SpazioDisabilità;
26. il 9 novembre u.s., presso l’ANS (Associazione Nazionale Subvedenti), ha avuto luogo un incontro con il dott. Marco Cormio di SEA Aeroporti per un confronto sull’accessibilità dei servizi aeroportuali di Linate. All’incontro ha rappresentato il Consiglio Regionale UICI della Lombardia il Consigliere Lisi;
27. nei mesi di settembre, ottobre e novembre a Brescia e a Milano si sono tenute le lezioni del corso di aggiornamento e formazione per i dipendenti delle cooperative La Rondine e Nuovo Impegno di Brescia;
28. il 13 novembre u.s., su sollecitazione del Presidente della Sezione Territoriale di Monza Brianza, ha avuto luogo un incontro con la locale Sezione UICI e l’Istituto dei Ciechi di Milano per approfondire vari aspetti inerenti i servizi di supporto all’inclusione scolastica rivolti agli studenti con disabilità visiva;
29. il 19 novembre u.s., il Segretario Regionale ha partecipato al Tavolo di lavoro del servizio SpazioDisabilità di Regione Lombardia unitamente alla Referente di Regione Lombardia dott.ssa Cinzia Tripi;
30. il 22 novembre u.s. la Presidenza Regionale ha partecipato al convegno “Disability and Diversity” Management” svoltosi presso l’Auditorium INAIL di Roma;
31. il 23 novembre u.s.:
a) a Roma, presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, si è riunito il Consiglio Nazionale dell’UICI. Alla riunione ha partecipato il Sottosegretario per la Famiglia e le Disabilità Vincenzo Zoccano;
b) il Vicepresidente Regionale UICI Flaccadori ha partecipato all’incontro riguardante il Fondo Nazionale Assistenza svoltosi presso Regione Lombardia;
32. il 26 novembre u.s. la consulente arch. Michela Vassena ha partecipato al Tavolo di Lavoro ristretto convocato presso la Camera di Commercio di Milano nell’ambito del progetto “Milano per Tutti”;
33. il 27 novembre u.s., presso il Consiglio Regionale UICI, ha avuto luogo una riunione con i responsabili sezionali per il Servizio Civile;
34. il 29 novembre u.s.:
a) si è riunito in audioconferenza il Consiglio di Amministrazione dell’IRIFOR della Lombardia che, oltre ad approvare la Relazione Programmatica ed il Bilancio Preventivo per l’anno 2019, ha nominato il nuovo Collegio dei Sindaci ed ha approvato le convenzioni con il Consiglio Regionale UICI della Lombardia, con l’associazione “Nati per Vivere” e la Sezione UICI di Brescia;
b) la Presidenza Regionale ha partecipato ad un incontro con il Direttore dell’Istituto dei Ciechi di Milano e la famiglia di una bimba con disabilità visiva, al fine di discutere circa le possibili soluzioni ad alcune criticità riscontrate nel servizio di consulenza tiflologica;
35. il 13 novembre u.s., in rappresentanza del Consiglio Regionale UICI, il Consigliere Lisi ha partecipato alla riunione del Comitato Regionale per la Gestione del Fondo previsto dalla Legge Regionale 13/2003;
36. nel pomeriggio del 1° dicembre, su sollecitazione di alcune di esse, avrà luogo un incontro con le famiglie degli alunni con disabilità visiva per un confronto sull’applicazione delle linee-guida in materia di servizi di supporto all’inclusione scolastica;
37. il 13 novembre u.s., così come previsto dal bando predisposto dal Comune di Milano, la Presidente della Commissione Comunale Affari Sociali ha formalizzato la candidatura del Presidente Stilla a rappresentante del Comune di Milano presso la costituenda Fondazione Istituto dei Ciechi di Milano. La comunicazione risponde all’invito di diversi Consiglieri Regionali rivolto al Presidente in occasione della riunione straordinaria del Consiglio Regionale UICI svoltasi il 5 novembre u.s..
Terminate le comunicazioni della Presidenza Regionale, ha preso la parola la Componente la Direzione Nazionale Katia Caravello la quale, aggiornando il Consiglio circa l’attività associativa svolta a livello centrale, tra l’altro ha riferito quanto segue:
1. anche l’UICI ha ufficialmente sottoscritto il “MANIFESTO CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE CON DISABILITÀ”;
2. il 23 novembre u.s., in occasione della riunione del Consiglio Nazionale, è stato intitolato alla memoria di Enzo Tioli il salone riunioni della Sede Centrale;
3. si terrà il 3 dicembre p.v. a Roma presso l’Auditorium della Conciliazione il Premio Braille, che quest’anno vedrà premiati lo scrittore Andrea Camilleri, la Banca d’Italia e una volontaria del Servizio Civile in rappresentanza di tutta la categoria;
4. l’11 dicembre p.v. la Direzione Nazionale sarà ricevuta dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella;
5. dal 10 ottobre u.s. è operativo il servizio telefonico “PRONTOSCUOLA”, predisposto per fornire risposte ai quesiti di famiglie ed operatori circa le varie problematiche connesse all’inclusione scolastica.
Terminate le comunicazioni, per l’anno 2019 il Consiglio ha deciso di riproporre le seguenti iniziative a sostegno delle attività riabilitative:
• Lotteria di Primavera;
• campagna per la devoluzione del 5 per mille sulle dichiarazioni dei redditi;
• raccolta di contributi collegata alla 8° Giornata Regionale per la Prevenzione della Cecità e la Riabilitazione Visiva;
• prosecuzione della convenzione in essere con l’Azienda Recuperi Lombarda per il posizionamento di contenitori per la raccolta di materiale di recupero;
Procedendo alla trattazione del punto 5 dell’ordine del giorno, la Presidenza ha fatto un punto della situazione circa l’imminente Giornata Regionale per la Prevenzione della Cecità e la Riabilitazione Visiva. Pur confermando la piena validità della suddetta iniziativa quale strumento di autofinanziamento, si rileva che a seguito di un certo calo relativo agli ordinativi degli astucci di cioccolato distribuiti, sarà necessaria una riflessione per valutare le modalità di un suo potenziamento.
Per quanto concerne il servizio “SpazioDisabilità”, invece, il Consiglio ha preso atto che è in fase di svolgimento l’iter formativo rivolto agli operatori e sono state altresì attivate le “Antenne Territoriali”.
In seguito, preso atto della disdetta della relativa convenzione da parte dell’attuale gestore del Centro Regionale Tiflotecnico con decorrenza 1° gennaio 2019, dopo un breve scambio di opinioni a maggioranza è stato dato mandato alla Presidenza Regionale affinchè predisponga un avviso pubblico rivolto alle aziende specializzate nella distribuzione di ausili per persone con disabilità visiva a manifestare un eventuale interesse per gestire il suddetto servizio, recependo così la proposta avanzata dall’Ufficio di Presidenza nella sua ultima riunione.
Giunti all’esame del punto 8 dell’ordine del giorno, il Consiglio ha approvato la proposta formulata dalla Commissione Regionale Sport, Tempo Libero e Turismo Sociale, finalizzata alla partecipazione dell’UICI della Lombardia con una propria delegazione alla Stramilano che si svolgerà il 24 marzo 2019.
Proseguendo i lavori è stato dato mandato alla Presidenza Regionale, allorquando Regione Lombardia liquiderà i relativi importi, a procedere all’adozione della delibera per corrispondere alle Sezioni territoriali il contributo previsto dalla Legge Regionale 1/2008, capo VII.
Uditi i riferimenti della Presidenza Regionale, il Consiglio si è poi espresso all’unanimità a favore della candidatura del Consigliere Masto alla carica di componente della Commissione Centrale di Beneficenza della Fondazione CARIPLO.
Sempre uditi i riferimenti della Presidenza e rilevate le ripercussioni che ciò comporterà sul budget per l’anno 2019, il Consiglio ha preso atto della revoca da parte del Consiglio Nazionale, nella sua ultima seduta del 23 novembre u.s., della delibera n. 5 adottata il 28 aprile u.s., che stabiliva l’aumento ad euro 72.00 della quota sociale.
Giunti all’esame del punto 13 dell’ordine del giorno, il Consiglio ha adottato le seguenti delibere di carattere amministrativo:
1. viene autorizzato il rinnovo di 13 caselle di posta elettronica certificata, per un costo pari ad euro 63.44;
2. viene autorizzato il rinnovo dell’host del sito web del Consiglio Regionale UICI, autorizzando la relativa spesa pari ad euro 153,72;
3. viene stanziato un budget pari ad euro 2000.00 a copertura delle spese relative a strenne natalizie e brindisi augurale;
4. viene accolta la richiesta della Sezione di Milano, circa la proroga fino al 28 febbraio 2019 del contratto in essere con l’addetta contabile a suo tempo individuata dal Consiglio Regionale al fine di supportare la Sezione.
Sono state altresì adottate le seguenti delibere di carattere organizzativo:
• viene fissato per il 17 dicembre p.v. l’annuale incontro formativo rivolto ai dipendenti delle Sezioni Territoriali, avente ad oggetto i seguenti argomenti: punto della situazione riguardante la gestione contabile; informativa riguardante le linee-guida relative ai servizi di supporto all’inclusione scolastica; punto della situazione sugli adempimenti a seguito della nuova normativa concernente la gestione dei dati personali.
Non essendovi altri argomenti da trattare, alle ore 12.25 il Presidente Stilla ha dichiarato chiusa la seduta.

FAND – Violenza psicologica: Le donne disabili non sono vittime di serie B, di Massimiliano Penna

Si è svolto sabato 24 novembre presso la Sala Stoppani dell’Istituto dei Ciechi di Milano il convegno dal titolo “Rompiamo il muro del silenzio: insieme alle donne con disabilità contro la violenza psicologica”. L’evento, organizzato dalla FAND (Federazione tra le Associazioni Nazionali di persone con Disabilità) della Lombardia, si inseriva nel panorama delle iniziative promosse in occasione della “Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne”, al fine di dare un contributo concreto alla riflessione generale sul tema, concentrando l’attenzione in maniera specifica sulla violenza psicologica subita dalle donne con disabilità.
Durante le 2 sessioni di lavoro, attraverso relazioni esposte da esperti qualificati e testimonianze dirette, ai partecipanti è stata offerta l’occasione di riflettere su un tema cruciale e delicato che, purtroppo, sovente non viene affrontato a causa di preconcetti e di una visione totalmente errata secondo la quale la donna con disabilità è priva di aspirazioni personali, capacità di decidere e di conseguenza va trattata solo come “oggetto” da assistere.
Troppo spesso, infatti, è la stessa vittima a non riconoscere come “violenza psicologica” tutti quei comportamenti spesso assunti proprio da chi dovrebbe assisterla. Le statistiche dicono che, pur non lasciando segni tangibili come quella fisica, la violenza psicologica è in grado di infliggere ferite altrettanto profonde, che arrivano ad annientare la personalità della vittima.
Dichiara il Presidente della FAND Lombardia Nicola Stilla: “Il titolo scelto per questo convegno, fortemente voluto e condiviso dalle 5 associazioni aderenti alla FAND, ha in sé un forte significato. Il muro che va abbattuto è infatti quello del silenzio che impedisce alla vittima di parlare e rivendicare i propri diritti, nonché il silenzio dell’ambiente famigliare e sociale in cui questa vive; accade troppo spesso che famigliari, amici, colleghi e vicini di casa, per quieto vivere, preferiscano tacere piuttosto che condividere e denunciare episodi reiterati di violenza, che costituiscono veri e propri reati perseguibili dalla legge”.
In apertura del convegno la Coordinatrice della Commissione Regionale Pari Opportunità dell’UICI (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti) della Lombardia dottoressa Erica Monteneri ha sottolineato come, diversamente da quanto spesso si è portati a pensare, nella maggior parte dei casi la violenza non è perpetrata da sconosciuti. È nell’ambito famigliare infatti che avvengono i casi più numerosi di violenza, sia di genitori nei confronti delle figlie, sia di figli adulti nei confronti di donne anziane, sia di partner nei confronti delle compagne, sia di caregivers professionisti.
Prendendo in esame il rapporto di coppia, si può affermare che l’evoluzione della prassi di violenza presenta atteggiamenti costanti: dapprima l’elemento dominante isola la compagna impedendole relazioni con l’esterno e controllando ogni sua mossa, quindi il predominio viene esercitato nei dialoghi quotidiani, così da impedirle di esprimere le sue ragioni e ingenerando in quest’ultima la convinzione di essere incapace, stupida e “sbagliata”, con il chiaro intento di suscitare in lei sensi di incertezza e di colpa. Dalle critiche si passa poi al disprezzo vero e proprio fatto di offese, minacce, ricatti e accuse infondate. Tutto questo è indice di un livello di violenza che, progressivamente, diventa drammaticamente elevato e porta al lento annullamento della vittima.
Come emerso dalla relazione esposta dal dottor Stefano Bissaro della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Milano, oltre che moralmente deprecabile, la violenza psicologica nei confronti della donna con disabilità costituisce una vera e propria discriminazione, che lede la sua dignità. Tale discriminazione si fonda sull’incrocio di 2 fattori di fragilità (il genere femminile e la disabilità), che rendono l’impatto del comportamento discriminatorio ancora più destabilizzante. La Costituzione italiana all’art. 38, come confermato dall’interpretazione della Corte Costituzionale, sancisce il diritto della persona con disabilità all’assistenza di cui ha bisogno per poter essere inclusa a pieno titolo nella società.
Al di là delle garanzie assicurate dal legislatore, tuttavia, si rende necessario un vero e proprio “scatto culturale”, che porti a considerare la donna con disabilità non per la patologia dalla quale è affetta, ma in primo luogo come persona. Gli stessi centri antiviolenza e le case-rifugio per donne maltrattate troppo raramente sono accessibili a donne con disabilità; basti pensare alla mancanza conclamata di interpreti della lingua dei segni per le donne sorde o sordo-cieche. Se ne è avuta conferma dalla testimonianza di Laura (nome di fantasia), ragazza con disabilità visiva che al termine dei propri studi di scuola superiore ha trovato la forza di denunciare le violenze psicologiche subite in famiglia e, dopo un’attesa lunga un anno, grazie al supporto degli operatori dell’UICI, è riuscita a trovare posto in una casa-rifugio, dove però si è dovuta confrontare con una realtà non preparata ad accogliere una donna con disabilità visiva.
“Le nostre associazioni – afferma la dottoressa Monteneri – organizzano sportelli di ascolto con operatori che possono aiutare le donne a prendere coscienza dei propri diritti ed a capire che i loro partner o caregivers hanno superato la linea di confine tra cura ed abuso psicologico. Occorre però anche che gli operatori stessi siano formati e in collegamento diretto con i centri antiviolenza, così da poter accompagnare le donne nel lungo e faticoso cammino verso il recupero della propria autonomia. Pertanto il primo obiettivo da perseguire è dare informazioni alle donne circa i loro diritti, in modo che non accettino passivamente ma combattano ogni forma di violenza psicologica e fornire loro ogni tipo di informazione circa servizi telefonici antiviolenza o centri antiviolenza operanti sul territorio. Il secondo grande obiettivo è invece ottenere dalle istituzioni che alle donne con disabilità sensoriali (anche plurime) siano rese pienamente accessibili le case-rifugio e gli ambulatori in cui dovrebbe operare personale appositamente formato per accoglierle (psicologi, personale medico, assistenti sociali, interpreti della lingua dei segni ed esperti in grado di assistere le donne con disabilità visiva) e che ad esse venga garantito pieno sostegno durante l’intero iter processuale. Siamo consapevoli che non sarà una sfida facile da vincere, ma il primo passo da compiere è sicuramente mettere in rete tutte le migliori competenze presenti all’interno delle nostre associazioni. Sarà un percorso lungo e faticoso, ma necessario per adempiere pienamente al compito morale delle nostre associazioni, che dovrebbero avere dei rappresentanti nei tavoli di confronto regionali e nazionali sulla violenza di genere”.
“La vicinanza delle istituzioni anche in un confronto come quello avvenuto sabato 24 novembre – dichiara Nicola Stilla – è fondamentale; rivolgiamo pertanto un sincero ringraziamento alla dottoressa Marilena La Fratta dell’Assessorato alle Politiche per la Famiglia, Genitorialità e Pari Opportunità di Regione Lombardia per la competenza con cui ha illustrato tutti i servizi in essere e le carenze da colmare. Accanto all’intervento della dottoressa La Fratta, sono risultati particolarmente significativi gli interventi delle relatrici avv. Antonella Faieta (capoufficio legale di Telefono Rosa), le psicologhe Nadia Muscialini (fondatrice del “Soccorso Rosa”, Mita Rendiniello del Centro Antiviolenza SVDSeD dell’Ospedale Mangiagalli di Milano affiancata dal dottor Salvatore Triolo, dottoressa Agatina Vitanza della Lega del Filo d’Oro, le dottoresse Antinea Pezzè e Anna Zinelli della casa-rifugio Daphne”.
Una giornata ricca di contenuti e spunti di riflessione nel nome della difesa della dignità delle donne con disabilità, che non devono essere considerate puramente come soggetti bisognosi di assistenza, ma come patrimonio culturale aggiunto dell’intera società.

Lombardia – Super o fenomeno? Semplicemente autonomo!

Sul video scorrono le immagini di una persona che si muove all’interno della propria casa; con fare naturale prende del denaro e lo gestisce per le più svariate necessità. La stessa persona, in un altro momento della giornata, prende piatti, bicchieri e posate dal cestello della lavastoviglie e organizza la postazione a tavola.
Sono tutti gesti scontati, di routine e ai quali non si presta mai particolare attenzione, in quanto vengono compiuti in maniera automatica.
I gesti appena menzionati sono compiuti da una persona che ha perso l’uso della vista.
Colpo di scena! “come fa”? “…ma com’è possibile?” “Alla sua età… ma chi glielo fa fare? Potrebbe farsi aiutare!”. Sono queste le domande e le considerazioni che, purtroppo, sovente affiorano alla mente nel momento in cui si vede una persona con disabilità visiva svolgere mansioni normalissime.
Accade infatti che per via di una visione ridotta e fuorviante la persona con disabilità visiva, soprattutto se anziana, venga considerata solo come soggetto bisognoso di assistenza e non in grado di compiere le azioni necessarie a provvedere a se stessa.
“Ha un’abilità fuori dal comune!”. Niente di tutto ciò. Protagonista dei filmati è Luciano che, divenuto non vedente a causa di una progressiva perdita della vista, grazie alla sua forza di volontà ha intrapreso un percorso che lo ha portato passo passo a sapersi destreggiare con disinvoltura nell’affrontare le piccole incombenze della vita quotidiana.
Il Consiglio Regionale dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti della Lombardia, su proposta della Commissione Regionale Terza Età della stessa Unione, ha realizzato 4 brevi filmati attraverso i quali, anche grazie al supporto delle descrizioni di una voce fuoricampo, le persone con disabilità visiva e le loro famiglie potranno conoscere in maniera concreta gli enormi benefici che comporta un buon grado di autonomia.
Per una persona anziana con disabilità visiva è di fondamentale importanza costruire un percorso che la stimoli a rafforzare l’autostima in se stessa, partendo proprio da quelle abilità residue che possono essere potenziate.
L’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti è quotidianamente impegnata nel promuovere tutta una serie di attività che diffondano una reale cultura dell’”essere autonomi” in base alle proprie abilità, alle proprie esigenze di vita e in ogni ambito in cui ciò sia concretamente possibile.
Non è un percorso semplice ma forse, da qualche minuto dedicato alla visione di questi filmati, le persone interessate insieme alle loro famiglie, preziosissimo e indispensabile supporto, potrebbero trovare quello stimolo per compiere un passo in più verso il risultato finale: essere nè super né fenomeni, ma semplicemente autonomi!

I filmati sono visionabili al seguente url:
http://www.uicilombardia.org/index.php/notizie/281-luciano-e-la-sua-disabilita-visiva-dalle-difficolta-all-autonomia

Lombardia – 16 novembre: A confronto con il Ministro per la Famiglia e le Disabilità Lorenzo Fontana, di Nicola Stilla

Autore: Nicola Stilla

Era il mese di luglio di quest’anno quando, in occasione di un incontro con il Ministro per la Famiglia e le Disabilità Lorenzo Fontana, questi aveva espresso la volontà di conoscere da vicino le istituzioni presenti sul territorio lombardo, che quotidianamente svolgono attività a favore delle persone con disabilità visiva.
Trovata piena condivisione da parte del Presidente Nazionale UICI Mario Barbuto, si è convenuto di rivolgere al Ministro l’invito per il giorno 16 novembre, affinché potesse conoscere in maniera diretta 2 delle istituzioni maggiormente rappresentative dell’operato svolto a favore dei non vedenti e degli ipovedenti non solo lombardi, ma di tutta Italia: la Biblioteca per Ciechi Regina Margherita di Monza e l’Istituto dei Ciechi di Milano.
Ad accogliere il Ministro Fontana presso la Biblioteca di Monza, oltre il sottoscritto in rappresentanza dell’UICI della Lombardia, erano presenti il Presidente della Biblioteca stessa Pietro Piscitelli, il Presidente Nazionale UICI Mario Barbuto e una rappresentanza della Direzione Nazionale UICI.
In un clima sereno e cordiale, al Ministro sono state presentate le molteplici attività svolte dalla Biblioteca e che si esplicano attraverso una variegata produzione editoriale di opere in diversi formati: in caratteri Braille, in nero a caratteri ingranditi, nonché in formato digitale anche in caratteri ingranditi. La produzione è estremamente varia e copre diverse discipline: da opere di letteratura ad opere scientifiche, passando per i periodici informativi e spartiti musicali.
In segno di riconoscenza per la sua presenza, al Ministro è stata donata la versione trascritta in caratteri Braille di un libro da lui stesso scritto.
La delegazione ha fatto poi tappa presso l’Istituto dei Ciechi di Milano, dove è stata accolta dal Commissario Straordinario del medesimo Istituto Rodolfo Masto, che ha fatto da guida fra i diversi laboratori nei quali opera il personale impegnato nella produzione di materiale scolastico in rilievo e a caratteri ingranditi: tavole con riproduzioni geometriche e artistiche, cartine geografiche, libri tattili e molto altro.
Il giro si è concluso con la visita al Museo Louis Braille, inaugurato presso l’Istituto nel 2009, presso il quale, attraverso gli strumenti esposti, il visitatore può ripercorrere la “storia dell’accesso alla cultura delle persone con disabilità visiva”: dalle lettere dell’alfabeto riprodotte in rilievo alla geniale invenzione del francese Louis Braille, fino ai più moderni strumenti di lettura e scrittura.
“Presso la Biblioteca Regina Margherita di Monza e l’Istituto dei Ciechi di Milano ha dichiarato il Ministro Fontana al termine dell’incontro – ho avuto il piacere di vedere ed apprezzare il prezioso lavoro che queste storiche istituzioni svolgono. Sono due luoghi straordinari, dove specifiche competenze ed abilità vengono quotidianamente tradotte in fondamentali servizi per l’inclusione e la crescita delle persone con disabilità visiva”.
Al Ministro Fontana sono state rappresentate tutte le problematiche che quotidianamente le persone con disabilità visiva sono costrette ad affrontare, partendo dall’inclusione scolastica fino all’inserimento lavorativo. È stato un confronto sereno, pacato e improntato al reciproco ascolto e proprio per questo riteniamo che le parole del Ministro Fontana vadano accolte con viva soddisfazione.
“Mi sono anche confrontato con i dirigenti dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, – continua i Ministro – che ringrazio per l’accoglienza e non di meno per la volontà di stabilire con il mio Ministero un confronto costante e costruttivo. Personalmente credo che vi siano tutte le condizioni per focalizzare assieme le priorità e individuare assieme le risposte più efficaci”.
Il dialogo e il confronto diretto con le istituzioni risulta di estrema importanza per una migliore efficacia delle nostre azioni volte alla tutela dei diritti delle persone con disabilità visiva. Al Ministro Lorenzo Fontana rivolgo un sincero ringraziamento per la disponibilità dimostrata; il primo passo per un dialogo aperto e costruttivo è la conoscenza reciproca e la giornata del 16 novembre va esattamente in tale direzione. Il confronto avviato non va considerato come un punto di arrivo, bensì come un ulteriore passo verso l’interazione ottimale fra l’UICI e le istituzioni per meglio tutelare i diritti delle persone con disabilità visiva.

FAND – Convegno “Rompiamo il muro del silenzio: insieme alle donne con disabilità contro la violenza psicologica”

Si terrà sabato 24 novembre a Milano presso la Sala Stoppani dell’Istituto dei Ciechi il convegno dal titolo “Rompiamo il muro del silenzio: insieme alle donne con disabilità contro la violenza psicologica”.
L’evento è organizzato dalla FAND (Federazione tra le Associazioni Nazionali delle persone con Disabilità) della Lombardia e si inserisce nel panorama delle iniziative per celebrare la “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne”.
Nell’arco delle 2 sessioni di lavoro, attraverso relazioni presentate da esperti qualificati e testimonianze dirette, verrà affrontato un tema che, purtroppo, spesso viene lasciato in secondo piano: la violenza di tipo psicologico che vede come vittime le donne con disabilità.
Non meno devastante di quella fisica, la violenza psicologica è ancora più subdola poiché, non lasciando segni visibili, spesso sono le vittime per prime a non riconoscerla.

Programma:
08.30 registrazione partecipanti
09.00 saluto d’apertura e intervento delle autorità
09.40 presentazione del convegno a cura della dott.ssa Erica Monteneri (Commissione Regionale Pari Opportunità UICI Lombardia)
09.50 relazioni:
– Dott.ssa Irene Pellizzone, (Università degli studi di Milano)
“La violenza psicologica come forma di discriminazione: il punto di vista del diritto costituzionale”
– Silvia Piani, (Assessore regionale alle Politiche per la famiglia, genitorialità e pari opportunità)
“Politiche e servizi antiviolenza attivati in Regione Lombardia”
– Antonella Faieta (Telefono Rosa)
“Rete di protezione del telefono rosa per le donne con disabilità”
10.50 Dibattito;
11.10 coffe break
11.40 relazioni:
– Nadia Muscialini (Soccorso Rosa)
“Violenza psicologica: impariamo a leggere i segni del linguaggio del corpo”
– Mita Rendiniello (Centro Antiviolenza SVDSeD Ospedale Mangiagalli di Milano)
“Violenza di genere: nuove prassi operative tra SVSeD e L’ENS”
12.20 Dibattito
13.00 Pausa Pranzo
14.30 Ripresa dei lavori
– testimonianza: Malia Turchi
– testimonianza: Clarissa Bartolini
14.50 relazioni
– Agatina Vitanza (Lega del Filo D’Oro)
“La sottile linea rossa che segna il confine tra la cura e l’abuso psicologico”
– Antinea Pezzé e Anna Zinelli (Centro Antiviolenza “Donne e Diritti” – Casa Daphne)
“Disabilità e violenza: l’importanza del lavoro in rete!”
15.30 Dibattito
16.10 Conclusioni
Per ulteriori informazioni, Segreteria FAND Lombardia – tel. 02/76.01.18.93.

Lombardia – Verso il centenario: dal lavoro all’istruzione guardando al futuro assetto organizzativo, di Massimiliano Penna

Assemblea Regionale Quadri Dirigenti della Lombardia

Con l’approssimarsi dell’ultimo scorcio di anno, si comincia a trarre i bilanci delle attività svolte e a riflettere su quanto dovrà essere fatto nell’immediato futuro. “Si è fatto abbastanza? Si poteva fare di più? Cosa ci aspetta nei prossimi mesi”?
Sono tutte domande che, pur nella loro semplicità, rappresentano i punti da cui prendere le mosse per interrogarsi a fondo e cercare quelle risposte da cui trarre gli stimoli necessari per proseguire nell’azione associativa con ancora maggior convinzione e consapevolezza.
Era proprio questo il clima che si respirava sabato 20 ottobre presso la Sede del Consiglio Regionale dell’UICI (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti) della Lombardia in occasione dell’Assemblea Regionale dei Quadri Dirigenti. Erano presenti 66 Dirigenti provenienti dalle diverse Sezioni Territoriali della regione, nonché il Presidente Nazionale dott. Mario Barbuto, il Vicepresidente Nazionale avv. Stefano Tortini e il Componente del Collegio dei Sindaci Revisori Regionale dott. Enrico Favara.
In un clima sereno e collaborativo nelle 2 sessioni di lavoro sono stati affrontati temi che, visti nel loro insieme, costituiscono un piano d’azione, la cui attuazione richiederà la massima coesione di tutti i Dirigenti.
Per le persone con disabilità visiva il lavoro da sempre rappresenta lo strumento di riscatto per eccellenza, attraverso il quale raggiungere una piena e concreta inclusione sociale. Proprio su questo versante nell’ultimo anno l’UICI della Lombardia ha posto in essere una serie di azione ad ampio raggio, in virtù del ruolo di capofila svolto nell’ambito del progetto “Azioni di Sistema” a valenza regionale promosso dalla provincia di Monza Brianza per conto di Regione Lombardia.
“Le risorse messe a disposizione ogni anno da Regione Lombardia per favorire l’inclusione lavorativa delle persone con disabilità – dichiara il Presidente Regionale Stilla – ammontano a 40 milioni di euro. Tuttavia siamo costretti a constatare con rammarico che, a fronte di una spesa di tale consistenza, non si ha un ritorno in termini di risultati concreti, dal momento che l’inserimento lavorativo delle persone con disabilità visiva trova costantemente svariati ostacoli sia dal punto di vista burocratico (procedure farraginose che spesso sono appesantite dalla lentezza operativa dei centri per l’impiego che invece dovrebbero essere soggetti collaborativi), sia dal punto di vista culturale, in quanto ancora troppo spesso la persona con disabilità viene considerata come soggetto dalle capacità lavorative limitate e che a lungo andare per l’azienda rappresenterà un sicuro aggravio dal punto di vista gestionale. Il progetto AZIONI DI SISTEMA – prosegue Stilla – ha rappresentato per noi un’occasione di crescita. L’attività posta in essere al fine di favorire l’inclusione e il mantenimento lavorativo, infatti, non è stata fine a se stessa, poichè l’obiettivo finale del progetto era l’elaborazione di linee guida da presentare a Regione Lombardia, affinchè possano essere utilizzate per la futura elaborazione di politiche lavorative maggiormente rispondenti alle peculiarità delle persone con disabilità visiva. L’interazione con le istituzioni è per noi di vitale importanza e il progetto in oggetto ne rappresenta un ottimo esempio; auspichiamo fortemente che, grazie all’esperienza maturata per il raggiungimento dell’obiettivo previsto, in futuro si abbia la possibilità di presentarsi ai diversi tavoli di confronto come interlocutori dalla provata competenza e autorevolezza. Come emerso in tutta evidenza anche nel dibattito coordinato dal Consigliere Benzoni e dal Vicepresidente Nazionale Tortini, poi, è necessario intervenire in maniera decisa e coordinata al fine di coinvolgere le grandi aziende e gli enti pubblici, al fine di fornire loro una corretta informazione circa le possibili strategie di riqualificazione da attuare in seguito ai mutamenti del mercato del lavoro e alle necessità imposte dal progresso tecnologico”.
In una relazione svolta dal consulente al lavoro dell’Istituto dei Ciechi di Milano dott. Italo Mangini, poi, è stata presentata una bozza sintetica delle linee guida di cui sopra, che verranno presentate in un apposito seminario rivolto ai Dirigenti territoriali e ai Referenti territoriali in materia di lavoro dell’UICI della Lombardia. Partendo dall’attuale normativa, al fine di elaborare le suddette linee guida, si è cercato di comprendere a fondo quali siano le principali problematiche che si trovano ad affrontare tanto i datori di lavoro, quanto i soggetti in cerca di lavoro nel caso di inserimento lavorativo o di mantenimento lavorativo, come nel caso di riqualificazioni. Attraverso il monitoraggio di 12 soggetti presi in carico, grazie al supporto dell’Istituto dei Ciechi di Milano e alla sua pluriennale esperienza maturata in materia di servizi al lavoro, ci si è concentrati su tutte le peculiarità che caratterizzano le modalità operative dei lavoratori con disabilità visiva, focalizzando l’attenzione non solo sulle abilità tecniche, ma anche sulle cosiddette “SOFT SKILLS”, ovvero quell’insieme di competenze che, accanto alle abilità acquisite, fanno da “contorno” al soggetto, come ad esempio le abilità comunicative, la disponibilità a mettersi in gioco in vista di un avanzamento professionale, la costanza nel rispettare le regole, l’accettare il proprio ruolo all’interno dell’azienda.
Tutti i dati raccolti confluiranno nel documento finale, che sarà accompagnato dai riferimenti alla vigente normativa nazionale e, per quanto concerne le doti lavoro, a quella regionale. L’obiettivo è di giungere alla costituzione di una taskforce composta da un numero ristretto di esperti in materia di lavoro che, a richiesta delle Sezioni territoriali UICI della Lombardia in base alle proprie necessità, si spostino sul territorio per affiancarle nelle attività di inserimento o mantenimento lavorativo.
Oltre all’Istituto dei Ciechi di Milano, accanto al Consiglio Regionale Lombardo dell’UICI al progetto AZIONI DI SISTEMA hanno partecipato la Cooperativa La Sfida attiva presso la Sezione UICI di Bergamo e impegnata nella promozione dell’inclusione lavorativa delle persone con disabilità visiva, nonchè la Cooperativa GALDUS, molto attiva sul versante delle doti lavoro, che se adeguatamente utilizzate e rese più appetibili con una normativa meno farraginosa, potrebbero offrire sbocchi interessanti.
Se il lavoro è il coronamento del percorso verso l’inclusione sociale, l’istruzione ne costituisce le fondamenta di quest’ultima. È per questo motivo che viene salutata con viva soddisfazione la sottoscrizione avvenuta lo scorso 23 agosto del protocollo dal titolo “Favorire e garantire l’inclusione scolastica degli alunni e degli studenti con disabilità visiva” da parte dell’UICI e del Ministero per l’Istruzione, l’Università e la Ricerca. Obiettivo del suddetto protocollo è, in sostanza, favorire una corretta istruzione, la formazione e la socializzazione dei soggetti con disabilità visiva o con pluridisabilità, nonchè risolvere le criticità inerenti i bisogni educativi e didattici promuovendo azioni finalizzate allo sviluppo delle potenzialità di ciascuno nel rispetto del diritto all’autodeterminazione e dell’accomodamento ragionevole. Dopo un confronto all’interno del Coordinamento degli Enti, è stato affidato all’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti il compito di attuare le azioni necessarie nei confronti e/o di concerto col Ministero competente volte a promuovere una vera inclusione scolastica degli studenti con disabilità visiva. Il Presidente Regionale Stilla ha rivolto un forte invito sia ai Componenti la Commissione Regionale Istruzione affinchè procedano ad uno studio approfondito del Protocollo in oggetto, sia ai Referenti Territoriali per l’istruzione, affinchè diffondano il suddetto Protocollo e ne portino a conoscenza tutti gli enti interessati, in particolar modo gli Uffici Territoriali del Ministero dell’Istruzione, l’Università e la Ricerca.
Viva soddisfazione è stata espressa anche dal Presidente Nazionale, il quale ha evidenziato in maniera decisa l’alto valore del suddetto Protocollo, poichè l’UICI sarà chiamata a svolgere un ruolo di primo piano nel confronto con il Ministero. Ciò rappresenta una sfida, nella quale l’Associazione sarà chiamata a mettere in campo tutte le risorse in termini di professionalità a sua disposizione. Al fine di porsi come interlocutori credibili, sarà necessario adoperarsi col massimo sforzo per rendere omogenei sull’intero territorio nazionale i servizi offerti dai centri di consulenza tiflodidattica, nonché attuare una massiccia opera d’informazione rivolta alle famiglie degli studenti; in tal senso è in programma la diffusione di un opuscolo inerente i diritti degli studenti con disabilità visiva, come l’insegnante di sostegno, la trascrizione o l’ingrandimento dei testi, ecc., contenente indicazioni pratiche sulle modalità per esigerli.
Notevole interesse ha suscitato anche la trattazione di un argomento che, nell’immediato futuro, sarà destinato a essere fra i temi cardine del dibattito associativo sia a livello locale, sia a livello nazionale: le ipotesi di un nuovo modello organizzativo territoriale. L’UICI si approssima ormai al compimento dei suoi primi 100 anni di vita; molteplici sono stati in questo lasso di tempo i mutamenti sia in ambito sociale, sia in ambito economico e politico. L’attuale assetto organizzativo risponde realmente alle esigenze dettate dai cambiamenti avvenuti?
“Il tema di un nuovo modello organizzativo – afferma il Presidente Regionale Stilla – richiede una profonda riflessione tanto a livello locale quanto a livello nazionale. Risulta ormai evidente che, per via degli svariati adempimenti burocratici a cui far fronte, spesso il personale delle nostre Sezioni Territoriali è costretto a sottrarre del tempo alla pianificazione e alla predisposizione dei servizi rivolti ai Soci. Si rende allora necessaria l’individuazione di soluzioni che consentano un’organizzazione più snella delle attività sezionali e il servizio di contabilità centralizzata predisposto dal Consiglio Regionale UICI della Lombardia a favore delle Sezioni si muove proprio in tale direzione. Si potrebbe poi ipotizzare una condivisione nell’ambito dei servizi per i quali ciò sia possibile, come ad esempio il libro parlato. Rivolgo un invito ai Dirigenti Territoriali, affinchè si adoperino prontamente per rispondere ai quesiti rivolti dalla Presidenza Nazionale, in modo da avere un quadro dell’attuale assetto organizzativo dal quale prendere le mosse per elaborare proposte in occasione di un apposito incontro fra i Presidenti Regionali”.
Dal dibattito, poi, è emerso il chiaro orientamento secondo il quale la riorganizzazione territoriale dell’Associazione non dovrà in ogni caso prescindere dalla presenza sul territorio, usando come criterio l’attuale suddivisione amministrativa per province.
Le considerazioni scaturite hanno trovato piena condivisione nell’intervento del Presidente Nazionale, il quale ha sottolineato l’estrema importanza della coesione associativa in vista dei cambiamenti che, inevitabilmente, si renderanno necessari al fine di giungere alla creazione di un apparato dalle modalità operative snelle, tempestivo nelle proprie azioni e che sappia impiegare le risorse a disposizione in maniera razionale per offrire servizi che siano di utilità ai Soci, adoperando altresì il massimo sforzo sia a livello centrale che periferico così da coinvolgerli e far percepire loro in maniera tangibile la vicinanza dell’Associazione.
Ormai l’UICI si appresta a raggiungere i suoi 100 anni di vita e, in vista del 2020, gli organi centrali hanno predisposto una serie di iniziative volte a celebrare l’importante ricorrenza: l’emissione di un francobollo, la realizzazione di una maglietta e il conio di una moneta commemorativi; la consegna di una campana realizzata dalle fonderie vaticane alla cattedrale di Genova, chiamata Aurelia in memoria del fondatore dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti Aurelio Nicolodi e della via di collegamento fra Roma e Genova, città in cui l’Unione fu fondata; l’elaborazione di un progetto contenente proposte per rendere il Palazzo del Quirinale accessibile alle persone con disabilità visiva, da consegnare al Presidente della Repubblica; la realizzazione di un libro riguardante la storia dell’Associazione; la realizzazione di un video riguardante l’inclusione scolastica; l’organizzazione di una mostra itinerante con annessi momenti di spettacolo, che indicativamente dovrebbe fare tappa in circa 20 città; la realizzazione di una raccolta di piccole storie e/o barzellette divertenti che vedano coinvolte persone con problemi di vista; la realizzazione di cene al buio che coinvolgano rappresentanti istituzionali al fine di sensibilizzarli circa le problematiche che stanno a cuore a tutta la compagine associativa; l’organizzazione di una regata velica fra persone non vedenti da Trieste a Genova; la produzione della 3° edizione del Codice dei diritti del non vedente; la prenotazione di una pagina di un quotidiano a tiratura nazionale per la data del 26 ottobre 2020, dove poter raccontare la storia e il senso stesso dell’esistenza dell’Associazione; l’organizzazione di un’apposita “Giornata Nazionale del cane Guida del Centenario”, così come per la Giornata Nazionale del Braille. Gli eventi celebrativi dovrebbero svolgersi indicativamente da gennaio a novembre 2020 e si concluderanno ufficialmente con il Congresso dell’Unione che si svolgerà a Genova, in occasione del quale si terrà un concerto offerto alla cittadinanza dal noto tenore Andrea Bocelli.
A livello regionale, l’Assemblea ha recepito la proposta della Presidenza Regionale così articolata: far sì che la mostra itinerante faccia tappa in una località della Lombardia; in almeno un capoluogo di provincia oltre Milano, organizzare eventi di spettacolo rivolti alla cittadinanza, inframezzandoli con brevi interventi di rappresentanti dell’Unione i quali ne illustrino le finalità; adoperarsi per far sì che una seduta del Consiglio o della Giunta di Regione Lombardia venga ospitata dal Consiglio Regionale UICI presso la propria Sede e, ove non sia possibile, adoperarsi affinchè in occasione di una delle sedute dei predetti organi regionali venga dedicato uno spazio commemorativo dei 100 anni dell’Unione. Si invitano i Dirigenti territoriali affinchè attuino ogni sforzo per replicare la suddetta iniziativa a livello locale, coinvolgendo i rispettivi Consigli comunali.
È stata una giornata intensa e scandita dal dialogo e dal confronto che, grazie ad un clima sereno e alla sentita partecipazione di tutti i Dirigenti presenti, ha offerto molti spunti di riflessioni su temi come il lavoro e l’istruzione, che da sempre rappresentano in un certo qual senso l’essenza stessa dell’Unione. Se a ciò si aggiunge l’ampia riflessione svolta sul futuro assetto organizzativo, si può affermare senza dubbio che l’Assemblea Regionale dei Quadri Dirigenti non sia stato un mero passaggio tecnico-istituzionale, bensì uno spazio aperto all’interno del quale ognuno ha avuto la possibilità di contribuire a gettare le basi di una vera e propria “piattaforma di idee” dalla quale si auspica tragga spunto la futura attività associativa.

Lombardia – XIII Giornata del Cane Guida, di Massimiliano Penna

Cremona, sabato 27 ottobre

Per celebrare la XIII Giornata del Cane Guida, la Commissione Regionale Cani Guida dell’UICI (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti) della Lombardia Vi invita a partecipare, con i Vostri fedeli accompagnatori a quattro zampe, ad una iniziativa che si svolgerà a Cremona sabato 27 Ottobre, con il seguente programma:
– ore 10,00 – appuntamento alla stazione ferroviaria e partenza in corteo verso il centro città per raggiungere la piazza del Comune (durante il tragitto verranno distribuiti opuscoli divulgativi riguardanti il Cane Guida e le leggi che ne tutelano i diritti);
– ore 12,00 pranzo in un locale del centro;
– ore 13,00 appuntamento al centro commerciale “Cremona Po” di via Castelleone 108, dove verrà posizionato un gazebo presso il quale riceveremo i visitatori, distribuendo materiale illustrativo e fornendo informazioni sul prezioso ruolo che il Cane Guida svolge a favore delle persone cieche e ipovedenti;
– ore 17,00 dimostrazione di addestramento della Scuola del Servizio Cani Guida di Limbiate.
Vi esortiamo a partecipare numerosi, soprattutto perché le nostre fedeli e impareggiabili guide meritano di essere celebrate degnamente almeno una volta l’anno benché, in realtà, andrebbero ringraziate ogni giorno per ciò che fanno per noi!

Per informazioni potete rivolgervi al
Consiglio Regionale Lombardo dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti
Via Mozart 16, 20122 Milano
Tel. 02.76011893
E-mail uiclomb@uiciechi.it
Sito web www.uicilombardia.org

Lombardia – Assemblea Regionale dei Quadri Dirigenti: Milano, sabato 20 ottobre 2018

Si svolgerà sabato 20 ottobre l’Assemblea Regionale dei Quadri Dirigenti dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti della Lombardia, alla quale parteciperanno anche il Presidente Nazionale UICI dott. Mario Barbuto ed il Vicepresidente avv. Stefano Tortini.
Ogni anno l’Assemblea dei Quadri rappresenta un momento di alto valore sia per l’opportunità di confronto fra tutti i Dirigenti territoriali, sia perchè avvicinandoci alla parte conclusiva dell’anno, essa si presenta come momento in cui cominciare a trarre un bilancio delle attività svolte e, cosa ancora più importante, attuare un reciproco scambio di esperienze e riflessioni per il futuro.
LAVORO E ISTRUZIONE Saranno questi i temi cardine affrontati dall’Assemblea.
Verrà affrontato il tema cruciale dell’inclusione lavorativa e, in particolare, verrà presentata la bozza di linee guida in materia elaborate alla luce delle attività svolte dall’UICI della Lombardia quale capofila nell’ambito del progetto a valenza regionale “Azioni di Sistema”.
Ci si confronterà inoltre sul protocollo recentemente stipulato fra l’UICI e il MIUR (Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca), che si auspica possa costituire l’arma vincente per un confronto costante con il Ministero stesso, che veda l’UICI come parte attiva e si possa giungere così all’elaborazione di politiche mirate che favoriscano quanto più possibile l’inclusione scolastica dei nostri ragazzi e garantiscano il loro imprescindibile diritto all’istruzione.
Si discuterà inoltre del nuovo modello organizzativo territoriale dell’UICI, nonché del centenario della stessa e della sua celebrazione nel 2020.

PROGRAMMA DEI LAVORI
– 9,30 Apertura dei lavori. Nicola Stilla, Presidente del Consiglio Regionale Lombardo UICI;
– 9,40 saluto del Presidente Nazionale UICI, dott. Mario Barbuto;
– 10,00 “2020”: celebrazione del centenario della fondazione dell’Unione Italiana dei Ciechi: proposte e valutazioni;
– 10,45 Ipotesi nuovo modello organizzativo territoriale: riferimenti del Presidente, proposte e valutazioni;
– 12,00 Protocollo MIUR-UICI del 23.08.2018 “Favorire e garantire l’inclusione scolastica degli alunni e degli studenti con disabilità visiva”: informativa;
– 12,30 Pausa pranzo;
– 14,00 Inclusione lavorativa delle persone con disabilità visiva. Saluto del Vice Presidente Nazionale, dott. Stefano Tortini
Presentazione bozza Linee guida sull’inclusione delle persone con disabilità visiva, scaturite nell’ambito della progettazione “Azioni di Sistema a rilevanza regionale”, Dott. Italo Mangini, Istituto dei Ciechi di Milano;
– 15,00 Inclusione lavorativa delle persone con disabilità visiva. Introduzione del Vice Presidente Nazionale, dott. Stefano Tortini
Riferimenti dei Presidenti e dei referenti territoriali per il lavoro;
– 16,30 Conclusioni. Nicola Stilla, Presidente del Consiglio Regionale Lombardo UICI

Lombardia – Sintesi dei lavori del Consiglio Regionale Lombardo dell’UICI: seduta del 22 settembre 2018, di Massimiliano Penna

Sabato 22 settembre, presso la propria Sede a Milano in via Mozart 16, si è riunito in seduta ordinaria il Consiglio Regionale dell’UICI (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti) della Lombardia.
La seduta si è aperta alle ore 9.30 col saluto ai presenti del Presidente Stilla. Nel rivolgere il proprio saluto, il Presidente Stilla ha rivolto un sentito ringraziamento all’Assessore Regionale alle Politiche abitative, Famiglia e Disabilità Stefano Bolognini e al suo Direttore Generale Giovanni Daverio per avere accettato l’invito a partecipare alla seduta in qualità di graditi ospiti.
All’appello risultavano assenti i Consiglieri Bondio, Iuzzolino, Monico e Signorini.
Oltre ai Consiglieri presenti, partecipavano ai lavori la Componente la Direzione Nazionale Katia Caravello, il Consigliere Nazionale Francesco Busetti, il Presidente Regionale Onorario Rodolfo Cattani e il Componente il Collegio dei Sindaci Revisori dott. Enrico Favara; assistevano inoltre la Coordinatrice delle attività riabilitative dell’IRIFOR (Istituto per la Ricerca, la Formazione e la Riabilitazione) Lombardia Silvia Marzoli, la Vicepresidente della Sezione di Lecco Paola Vassena, il Consigliere della Sezione di Brescia Giordano Nember, il Socio della Sezione di Como Stefano Meroni e il Socio della Sezione di Monza Giuseppe Tornabene. Partecipava inoltre ai lavori il dott. Roberto Aroldi in qualità di Segretario verbalizzante.
Dopo avere approvato il verbale relativo alla riunione consiliare del 30 giugno u.s., il Consiglio ha altresì ratificato le delibere assunte dall’Ufficio di Presidenza in occasione della riunione svoltasi l’11 settembre u.s..
Giunti all’esame del punto 3 dell’ordine del giorno, la Presidenza Regionale ha riferito quanto segue:
1. dopo un lungo periodo di commissariamento, l’Istituto dei Ciechi di Milano si avvia al ritorno alla gestione ordinaria. Terminato il proprio mandato il 3 luglio u.s., il Commissario Rodolfo Masto ha provveduto a dotare il suddetto Istituto di un proprio Statuto e, come previsto da apposito Decreto Ministeriale, il suo mandato è prorogato affinchè si provveda ai conseguenti adempimenti giuridici. L’Istituto dei Ciechi di Milano sarà un ente a valenza nazionale e assumerà la qualità di fondazione con personalità giuridica, gestita da un Consiglio composto da 5 membri, di cui 2 verranno nominati dall’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, 1 dal Comune di Milano, 1 dal Ministero e 1 dalla Fondazione Banca del Monte di Lombardia. La Presidenza ringrazia il Commissario Masto per l’attività svolta e per gli sforzi attuati al fine di valorizzare al meglio l’enorme valore morale e culturale rappresentato dall’Istituto dei Ciechi di Milano. Le suddette riflessioni hanno trovato piena condivisione in un accorato intervento del Presidente Regionale Onorario Cattani, il quale ha fortemente auspicato che anche nel suo nuovo percorso l’Istituto dei Ciechi di Milano resti saldamente ancorato al metodo operativo che ne ha ispirato l’attività anche in questi lunghi anni di commissariamento;
2. Regione Lombardia ha stanziato un contributo straordinario pari a 2 milioni di euro (1 milione di euro per l’anno 2018 e 1 milione di euro per l’anno 2019), volto a incrementare il capitolo di spesa che finanzia i servizi di supporto all’inclusione scolastica rivolti agli studenti con disabilità sensoriale per l’anno scolastico 2018/2019. Lo stanziamento discende da un emendamento presentato, su nostra sollecitazione, dal Vicepresidente del Consiglio di Regione Lombardia Francesca Brianza, poi approvato in occasione della manovra di assestamento al bilancio 2018-2020, nelle sedute consiliari del 30 e 31 luglio uu.ss.. L’emendamento era stato precedentemente concordato tra il Consiglio Regionale UICI ed il Vicepresidente Brianza, previa condivisione con l’Assessore Bolognini (Disabilità) e l’Assessore Caparini (Bilancio). In questo momento, di concerto con l’Assessore Bolognini e con il Direttore Generale Daverio, si stanno approfondendo le modalità tecniche più idonee per redistribuire il suddetto aumento a favore dei piani individuali già approvati dalle ATS (Agenzie di Tutela della Salute) in modo da poter elevare i massimali da euro 5.800,00 ad euro 7.500,00 e quelli dei piani in deroga da euro 7.500,00 ad Euro 9.000,00;
3. grazie al diretto intervento dell’Assessore Regionale alle Politiche Sociali, Abitative e Disabilità Stefano Bolognini e del Direttore Generale Giovanni Daverio è stato posto rimedio ad un’errata interpretazione delle linee guida da parte di alcune ATS che consideravano le situazioni di pluridisabilità limitatamente alla casistica degli alunni sordociechi, anziché in tutti i casi in cui l’alunno con disabilità sensoriale presenti minorazioni aggiuntive, che siano di natura fisico-motoria, intellettiva-relazionale o sensoriale.
Terminate le comunicazioni, il Presidente ha ceduto la parola all’Assessore Regionale Stefano Bolognini ringraziandolo nuovamente per la presenza e la partecipazione. Bolognini, dopo aver espresso sinceri ringraziamenti per l’invito e portato il saluto dell’Amministrazione ai presenti, ha sottolineato l’estrema importanza di un dialogo aperto e costruttivo tra le Associazioni e le Istituzioni, come quello che è stato costruito nel tempo tra UICI e Regione Lombardia. Solo tramite un confronto pacato e nel rispetto del ruolo di ciascuno, infatti, è e sarà possibile individuare gli strumenti più efficaci per la realizzazione di politiche che rispondano alle reali esigenze delle persone con disabilità visiva della Lombardia.
Ne è un chiaro esempio il risultato raggiunto lo scorso mese di luglio, con l’incremento di 2 milioni di euro del budget relativo ai servizi di supporto all’inclusione scolastica in seguito all’approvazione del Consiglio di Regione Lombardia dell’emendamento proposto dalla Vicepresidente Francesca Brianza e condiviso dagli Assessori Regionali alle “Politiche sociali, abitative e disabilità” e al “Bilancio”.
Su queste premesse, tenendo conto in primo luogo delle esigenze dei bambini con disabilità sensoriale, si potranno ipotizzare aggiustamenti tecnici per giungere ad una maggiore efficacia delle linee guida in materia di servizi di supporto all’inclusione scolastica approvate nel mese di giugno dello scorso anno e si potranno altresì studiare interventi volti all’inclusione degli stessi bambini anche presso gli asili nido.
Nei prossimi mesi la Giunta Regionale approfondirà, tra gli altri, i temi relativi al servizio “SpazioDisabilità” e al portale “LombardiaFacile”.
Inoltre, verrà avviato un confronto diretto con il Ministro della Famiglia e le Disabilità Lorenzo Fontana sulla figura del “disability manager”.
Al termine dell’intervento dell’Assessore Bolognini, hanno preso la parola – a turno – i Presidenti territoriali UICI per rappresentare lo stato dell’arte in materia di applicazione delle linee guida regionali sull’inclusione scolastica degli studenti con disabilità visiva nei rispettivi territori.
Gavioli (UICI Mantova) – nella provincia di Mantova la situazione attuale si può definire sostanzialmente positiva. Tuttavia, vi sono casi in cui, a fronte delle ore di supporto dell’assistente alla comunicazione garantite a scuola, all’alunno non vengono garantite le ore di supporto di cui necessiterebbe anche a casa nello svolgimento dei compiti. Fortunatamente in alcuni casi, grazie ad un’azione coordinata fra Comune di residenza dell’alunno ed ente erogatore, il supporto all’alunno è stato garantito anche a casa;
Livraghi (UICI Sondrio) – nella provincia di Sondrio, salvo qualche criticità iniziale, la situazione relativa ai servizi di supporto all’inclusione scolastica non presenta particolari problemi. Vi è tuttavia la necessità di una maggiore attenzione alla qualità dei percorsi di aggiornamento rivolti agli insegnanti di sostegno e agli altri operatori scolastici;
Aronica (UICI Monza) – quest’anno, probabilmente per la prima volta, tutti gli alunni con disabilità visiva della provincia di Monza Brianza sono stati affiancati dall’assistente alla comunicazione fin dall’inizio della scuola. La situazione inerente ai servizi di supporto all’inclusione scolastica può, pertanto, definirsi positiva. Grazie al nuovo assetto venutosi a creare in seguito all’approvazione delle linee guida da parte di Regione Lombardia, vi è maggiore certezza circa i diversi soggetti chiamati ad interagire per garantire i servizi stessi. Si riscontrano, tuttavia, alcune criticità allorquando gli enti erogatori, non tenendo conto delle reali esigenze dell’alunno, non garantiscono un’ottimale ripartizione delle ore di supporto dell’assistente alla comunicazione fra scuola e casa. Si auspica che, grazie all’incremento del budget approvato lo scorso mese di agosto, le predette ore di supporto possano essere incrementate;
Mapelli (UICI Bergamo) – è sempre alta l’attenzione della Sezione di Bergamo verso le problematiche inerenti all’inclusione scolastica. Avvalendosi anche del locale gruppo sportivo, ci si è adoperati per favorire il dialogo e il confronto fra le famiglie e l’Unione, organizzando diversi incontri ai quali ha partecipato anche il Presidente Regionale UICI Stilla. Ultimamente si registra, purtroppo, qualche criticità nell’interazione con l’ATS, la quale non trasmette alla locale Sezione UICI i piani individuali con la motivazione che gli stessi necessitano della preventiva validazione da parte di Regione Lombardia;
Inverardi (UICI Brescia) – la situazione attuale della provincia di Brescia può essere definita positiva, anche grazie alla disponibilità all’ascolto e al dialogo da parte dell’ATS. Su un totale di 150 alunni con disabilità sensoriale, una piccola parte è assistita da nuovi enti erogatori in ragione della maggiore disponibilità garantita da questi ultimi alle famiglie nell’assistenza a casa. Nei comuni più piccoli, purtroppo, si registrano criticità nell’erogazione del servizio di trasporto scolastico agli alunni con disabilità sensoriale frequentanti la scuola secondaria di secondo grado. Su un altro versante, si evidenzia la necessità di un’attenzione particolare da parte di Regione Lombardia alle problematiche connesse con il nomenclatore tariffario degli ausili e delle protesi;
Marchetto (UICI Varese) – nell’ambito di competenza dell’ATS Insubria (province di Varese e Como), la situazione dei servizi di supporto all’inclusione scolastica è sostanzialmente positiva. Dei 179 piani individuali approvati, ne sono stati concretamente avviati 146, mentre i 33 restanti sono attualmente in attesa dell’assegnazione dell’ente erogatore. In alcuni casi, si registrano criticità nella fornitura di testi ingranditi ad alunni ipovedenti frequentanti la scuola primaria in quanto la spesa per la trascrizione dei suddetti testi comporterebbe uno sforamento del budget messo a disposizione e non sono state accettate le richieste di deroga. Sovente, poi, sia l’ATS che gli enti erogatori riscontrano difficoltà nell’applicazione delle procedure di rimodulazione dei piani individuali;
Tozzi (UICI Cremona) – nella provincia di Cremona, dai dati attualmente a disposizione, non emergono particolari criticità. Sussistono, invece, alcune difficoltà in sede di diagnosi funzionale nei casi di pluridisabilità, dove la disabilità visiva è considerata marginale. Pienamente condivisibile, infine, l’ipotesi di realizzare interventi che assicurino l’assistenza a favore dei bambini con disabilità sensoriale negli asili nido;
Flaccadori (UICI Lombardia) – sarebbe auspicabile il superamento della separazione fra diagnosi funzionale e accertamento dei bisogni scolastici. L’unificazione degli adempimenti in un unico organismo certificatore, oltre a semplificare gli adempimenti burocratici in capo alle famiglie, consentirebbe di stilare un piano individuale basato su una visione globale della situazione del bambino e in grado di rispondere alle sue reali esigenze. Sarebbe auspicabile, inoltre, che in fase di diagnosi e accertamento sia prevista la presenza di un rappresentante delle associazioni di tutela delle persone con disabilità;
Masto (UICI Milano) – grazie all’introduzione delle nuove linee guida e al recente incremento del budget per i servizi di supporto all’inclusione scolastica, l’erogazione dei servizi offerti dall’Istituto dei Ciechi di Milano è tornata alla normalità. In provincia di Milano gli alunni con disabilità visiva sono circa 160, di cui 120 supportati dal suddetto Istituto. In linea generale non si rilevano particolari criticità;
Carantini (UICI Pavia) – dai riscontri avuti dalle famiglie degli alunni, non si riscontrano particolari criticità, nonostante permangano rilevanti difficoltà da parte dell’UICI territoriale nel dialogare con l’ATS di Pavia;
La Corte (UICI Como) – si constata con piacere che, grazie all’omogeneizzazione degli standard dei servizi di supporto all’inclusione scolastica introdotta con le linee guida approvate lo scorso anno, nella provincia di Como non si registrano particolari criticità. Su un altro fronte, si approfitta della circostanza per richiedere a Regione Lombardia, compatibilmente con le risorse disponibili, una maggiore attenzione atta a favorire la fruibilità del trasporto pubblico locale da parte dell’utenza con disabilità visiva;
Busetti (UICI Nazionale) – oltre a condividere l’intervento di Flaccadori sull’importanza di poter contare su una corretta diagnosi funzionale, auspica l’avvio di un confronto costante fra tiflologi e assistenti alla comunicazione, da realizzarsi attraverso incontri appositamente organizzati.
Al termine degli interventi ha preso nuovamente la parola il Presidente Regionale il quale, rivolgendo un sentito ringraziamento all’Assessore Bolognini e al Direttore Daverio per la sensibilità e la disponibilità dimostrate, ha sottolineato come solo mediante un percorso condiviso fra istituzioni e associazioni di tutela delle persone con disabilità si possa giungere a risultati concreti. Ha auspicato che la collaborazione prosegua e che al tavolo di monitoraggio delle linee guida si giunga a definire un sistema di valutazione degli interventi in grado di favorire l’elaborazione di piani individuali sempre più incentrati sulle reali esigenze dell’alunno e sui servizi realmente necessari.
Il Presidente Stilla, nel concludere il proprio intervento, ha invitato l’Assessore ed il Direttore Generale ad adoperarsi per:
– favorire, in materia di applicazione delle linee guida per i servizi di supporto all’inclusione scolastica, un confronto tra le ATS e l’UICI, sia nei tavoli regionali che a livello territoriale, al fine di individuare le soluzioni più idonee a risolvere le criticità che man mano dovessero emergere;
– sbloccare lo stanziamento di 200.000,00 euro previsto nel Bilancio 2018 a sostegno delle attività di inclusione scolastica svolte dall’Istituto dei Ciechi;
– evitare che il Disability Manager si riveli semplicemente un’ulteriore figura che si occupa di disabilità, ma fare in modo che, operando con competenza e professionalità, possa agevolare realmente e concretamente l’arduo compito delle famiglie.
Le considerazioni del Presidente Regionale sono state pienamente condivise dal Direttore Generale Daverio il quale, in vista dell’incontro in programma con le ATS, ha richiesto lo stralcio degli interventi uditi in precedenza, al fine di gettare le basi per elaborare strategie che verranno discusse successivamente dal Tavolo di monitoraggio citato.
Nel suo intervento di chiusura l’Assessore Bolognini, oltre a ringraziare per l’ospitalità, ha assicurato massima attenzione ai vari argomenti evidenziati dai dirigenti intervenuti nel corso del dibattito e, in particolare, sul delicatissimo problema delle diagnosi funzionali e sulla figura del Disability Manager.
Al fine di snellire i tempi dei lavori, la Presidenza Regionale ha dato mandato alla Segreteria di trasmettere ai Consiglieri la seguente memoria scritta:
1. il 10 luglio u.s., a Milano, ha avuto luogo un incontro con il Comune riguardante il progetto Milano per tutti, atto a definire le azioni per proseguire il percorso formativo con le strutture museali attraverso la piattaforma MilanoAccogliente;
2. dal 15 al 25 luglio uu.ss., presso Villa Sant’Ignazio di Duna Verde di Caorle, ha avuto luogo il soggiorno estivo rivolto a famiglie con bambini da 0 a 8 anni organizzato dall’IRIFOR Lombardia con il cofinanziamento del Consiglio di Amministrazione dell’IRIFOR Centrale, che ha visto la partecipazione di 18 famiglie le quali, a conclusione, hanno espresso grande soddisfazione auspicando che l’iniziativa venga replicata anche nei prossimi anni soprattutto per il valore riabilitativo e socializzante dell’esperienza;
3. il 18 luglio u.s., presso l’Assessorato ai Trasporti di Regione Lombardia, ha avuto luogo un incontro con la stessa Regione e TRENORD per individuare una adeguata soluzione ai problemi riscontrati da diversi utenti, in quanto le biglietterie di TRENORD non riconoscono la validità del Mod.28C (concessione III). Dall’incontro, al quale hanno partecipato il Vicepresidente ed il Segretario Regionale UICI, è emersa la volontà di risolvere la problematica in tempi rapidi;
4. il 19 luglio u.s., presso la Provincia di Monza Brianza, ha avuto luogo un incontro organizzativo inerente al progetto Azioni di Sistema per le politiche del lavoro. Nel corso dell’incontro sono stati definiti i tempi e le modalità per la chiusura dei progetti. Il prossimo 8 novembre si svolgerà il convegno conclusivo dedicato alla presentazione delle linee guida;
5. il 23 luglio u.s., a Milano, si è insediato il Gruppo di Lavoro Regionale che si occuperà dell’analisi e dell’elaborazione di una proposta tecnica afferente i profili del tiflologo, dell’assistente alla comunicazione e dell’assistente all’autonomia (figure previste anche dalle linee guida di Regione Lombardia);
6. dal 27 luglio al 10 agosto uu.ss., presso Villa Sant’Ignazio di Duna Verde di Caorle, ha avuto luogo il soggiorno estivo riabilitativo privolto a ragazzi e ragazze da 10 a 18 anni organizzato dall’IRIFOR Lombardia con il cofinanziamento del Consiglio di Amministrazione dell’IRIFOR Centrale. L’iniziativa ha visto la partecipazione di 23 tra ragazze e ragazzi, che hanno espresso grande apprezzamento, auspicando che l’iniziativa venga replicata anche nei prossimi anni sia per il valore riabilitativo che per quello aggregativo e di vacanza dell’esperienza. Quest’anno, in via sperimentale, hanno partecipato anche 4 famiglie con bambini di 10 anni con disabilità gravi e gravissime. Anche in questo caso la soddisfazione delle famiglie dei 4 bimbi e’ stata manifestata in maniera sorprendente e le stesse hanno auspicato che anche per il futuro sia prevista la partecipazione di nuclei famigliari;
7. il 31 luglio u.s., in audioconferenza, ha avuto luogo un incontro con il Referente del settore lavoro ed il Coordinatore della Commissione Regionale Centralinisti per definire le azioni da condurre per portare a completamento l’indagine proposta dall’omologa Commissione Nazionale;
8. l’8 settembre u.s., nelle rispettive province, hanno avuto luogo le assemblee dei soci delle Sezioni di Mantova, Lodi e Brescia, il 9 l’Assemblea dei Soci di Pavia, il 15 le Assemblee dei Soci di Sondrio, Bergamo, Lecco e Varese, il 16 l’Assemblea dei Soci di Monza;
9) il 14 settembre u.s., presso Regione Lombardia, ha avuto luogo un incontro con l’Assessore Stefano Bolognini, il Direttore Generale Giovanni Daverio e la dott.ssa Mara Bernardi;
10. il 15 settembre u.s., a Primaluna (LC), la Presidenza Regionale ha partecipato all’inaugurazione di un percorso fruibile anche dalle persone ipo o non vedenti sia all’interno che all’esterno della Miniera di Cortabbio realizzato da Lega Ambiente di Lecco, dal Comune di Primaluna e dal Parco Grigna con la collaborazione di ERSAF (Ente Regionale per i Servizi all’Agricoltura e alle Foreste) Lombardia;
11. il 19 settembre u.s. a Milano, presso Regione Lombardia, ha avuto luogo un incontro con l’Assessore al Bilancio e Programmazione Davide Caparini, con il quale è stato avviato un ampio confronto sulle linee guida in materia di servizi di supporto all’inclusione scolastica, sulla Legge Regionale 1/2008, sulla Legge Regionale 20/2017 e su altri temi d’interesse per le persone con disabilità visiva residenti in Lombardia;
12. il 19 settembre u.s., presso il Consiglio Regionale UICI, ha avuto luogo un incontro con il Presidente della LEDHA (Lega per i Diritti delle persone con Disabilità) e gli operatori di back office per definire alcuni aspetti organizzativi e il piano formativo del servizio “SpazioDisabilità”;
13. il 22 settembre, nel pomeriggio, avrà luogo l’Assemblea dei Soci della Sezione di Cremona e il 23 le Assemblee dei Soci di Milano e Como;
14. il 23 settembre p.v., a Brescia, avrà luogo l’incontro con le famiglie dei bimbi assistiti dal Servizio di intervento precoce che dovrebbe partire il prossimo 8 ottobre.
Successivamente ha preso la parola la Componente la Direzione Nazionale Katia Caravello, la quale ha riferito quanto segue:
1. il 1° agosto u.s. l’UICI, quale capofila del gruppo costituito dai vari enti coinvolti nel percorso scolastico degli alunni con disabilità visiva, ha sottoscritto un protocollo con il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca. Ciò consentirà, in fase di confronto e di rivendicazione, di porsi in maniera unitaria e di predisporre azioni maggiormente coordinate;
2. l’INVAT (Istituto Nazionale per la Valutazione degli Ausili Tiflologici) sta gradualmente dando il via alle proprie attività;
3. prossimamente verrà ufficialmente costituita l’Agenzia per la Tutela dei Diritti nell’area delle Disabilità;
4. la cerimonia per l’assegnazione del premio Braille si svolgerà il 3 dicembre p.v. a Roma, presso l’Auditorium di via della Conciliazione;
5. nella sua ultima riunione, la Direzione Nazionale UICI ha proceduto alla valutazione dei progetti presentati dalle Sezioni territoriali per accedere alle risorse ad esse riservate dal Fondo di solidarietà;
6. si constata con rammarico che, nonostante gli sforzi profusi dall’UICI, persistono le gravi divergenze con la SOI (Società Oftalmologica Italiana) circa le modifiche apportate nel 2015 allo Statuto della sezione italiana della IAPB (Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità). In proposito il Consigliere Benzoni, in un breve ed incisivo intervento, ha auspicato che a livello centrale vengano attuati i massimi sforzi per ricomporre la frattura fra l’UICI e la SOI;
7. Laura Tosetto, Socia della Sezione UICI di Varese, è risultata vincitrice del concorso alle borse di studio Beretta Pistoresi nella sezione riservata agli studenti con diploma di scuola secondaria superiore;
8. il 22 novembre p.v. verranno celebrati i 90 anni della Biblioteca Italiana per Ciechi Regina Margherita di Monza e verrà intitolato ad Enzo Tioli il salone riunioni della Sede Centrale UICI.
Procedendo all’esame del punto 4 dell’ordine del giorno, il Consiglio ha approvato il progetto proposto dalla Presidenza, che verrà presentato come previsto dal comunicato della Sede Centrale UICI n. 86/2018 nell’ambito delle attività finanziate dal Fondo di solidarietà predisposto dalla Presidenza Nazionale. Il suddetto progetto ha come scopo il potenziamento dell’organico per far fronte alle incombenze derivanti dall’adozione del nuovo sistema contabile da parte del Consiglio Regionale e delle Sezioni territoriali.
Proseguendo i lavori, la Presidenza ha riferito che si stanno definendo i vari aspetti organizzativi relativi al convegno regionale organizzato di concerto con la FAND (Federazione tra le Associazioni Nazionali di persone con Disabilità) Lombardia dal titolo “Rompiamo il muro del silenzio: insieme alle donne con disabilita’ contro la violenza psicologica”, il cui progetto era già stato approvato nella seduta del 30 giugno u.s.. Uditi i riferimenti, il Consiglio ha dato mandato alla Presidenza di definire la data del predetto evento, alla luce di quanto emergerà dalla riunione della Commissione Regionale Pari Opportunità.
Proseguendo i lavori, il Consiglio ha dato altresì mandato all’Ufficio di Presidenza, affinchè individui un progetto regionale tra le eventuali proposte pervenute, o individui una iniziativa diretta da proporre nell’ambito delle attività di promozione dello sport fra le persone con disabilità visiva come previsto dal comunicato della Presidenza Nazionale UICI n. 98/2018.
Procedendo all’esame del punto 7 dell’ordine del giorno, la Presidenza Regionale ha riferito che si stanno definendo vari aspetti organizzativi inerenti al seminario proposto dalla Commissione Regionale Ipovedenti, che vedrà il coinvolgimento di medici prescrittori, Regione Lombardia e aziende specializzate nella produzione e/o commercializzazione di ausili per persone ipovedenti.
Successivamente, udite le proposte della Presidenza Regionale, è stato deciso che l’Assemblea Regionale dei Quadri Dirigenti si svolgerà il 20 ottobre p.v. e verranno trattati i seguenti argomenti: centenario di fondazione dell’UICI; costruzione del nuovo modello organizzativo territoriale e linee guida in materia di inserimento lavorativo alla luce dei dati emersi dalle attività svolte nell’ambito del progetto a valenza regionale “Azioni di Sistema”. All’Assemblea sarà presente anche il Presidente Nazionale UICI Mario Barbuto.
Dopo avere approvato la Relazione Programmatica per l’anno 2019, previa lettura della relativa documentazione da parte del Componente il Collegio dei Sindaci Revisori dott. Favara, il Consiglio ha altresì approvato il budget relativo all’anno 2019.
Giunti al punto 11 dell’ordine del giorno, sono state adottate le seguenti delibere di carattere amministrativo:
1. viene approvata la seguente proposta di restituzione degli importi anticipati dalle Sezioni al Consiglio Regionale UICI: Monza euro 4.212,18, Pavia euro 3.798,38, Sondrio euro 2.949,76, per complessivi euro 10.960,32;
2. viene approvata la proposta della Presidenza Regionale circa l’avanzamento di livello di un’unità del personale di Segreteria;
3. viene stanziato un budget pari ad euro 1000.00 per l’organizzazione della cena di rappresentanza in occasione della visita del Ministro della Famiglia e delle Disabilità Lorenzo Fontana presso la Biblioteca per Ciechi Regina Margherita di Monza, l’Istituto dei Ciechi di Milano e il Consiglio Regionale UICI della Lombardia prevista per il 19 ottobre p.v.;
4. previa lettura del relativo prospetto da parte del Segretario Aroldi, viene approvato il riparto fra le Sezioni territoriali dei proventi della vendita dei biglietti della Lotteria di Primavera;
5. previa illustrazione dei relativi dati da parte del Segretario Aroldi, viene approvato il rendiconto relativo alle devoluzioni del 5 per mille delle dichiarazioni dei redditi relativi all’anno fiscale 2015 pervenute al Consiglio Regionale UICI della Lombardia;
6. previa illustrazione del relativo prospetto da parte del Segretario Aroldi, viene approvato il rendiconto relativo ai progetti realizzati con il finanziamento del Fondo Sociale predisposto per l’anno 2018 dalla Presidenza Nazionale UICI.
Il Consiglio ha poi adottato le seguenti delibere di carattere organizzativo:
1. viene preso atto delle istruzioni operative date dalla Presidenza Regionale con riferimento alla 7° Giornata Regionale per la Prevenzione della Cecità e la Riabilitazione Visiva che si celebrerà l’8 dicembre p.v.;
2. viene dato mandato all’Ufficio di Presidenza, affinchè venga attuata un’ampia riflessione circa il futuro assetto del Centro Regionale Tiflotecnico, così da elaborare una proposta da sottoporre al Consiglio.
Procedendo alla trattazione di argomenti vari, a seguito dei riferimenti della Referente della Commissione Regionale Cani Guida Flavia Tozzi, la Presidenza Regionale ha richiesto alla suddetta Commissione di far pervenire all’Ufficio di Presidenza una proposta di data per l’organizzazione della Giornata del Cane Guida.
Non essendovi altri argomenti da trattare, alle ore 12.55 il Presidente Stilla ha dichiarato chiusa la seduta.