Caso del cane guida al Liceo Fermi di Alghero: è necessario promuovere cultura e sapere dei diritti delle persone con disabilità visiva

Roma, 23 aprile 2018 – Il caso del cane guida e del suo padrone ipovedente fatti uscire dal Liceo Fermi di Alghero, è solo l’ultimo episodio di cronaca che ha coinvolto persone con disabilità visiva e diventato oggetto di interrogazione parlamentare da parte del Gruppo Lega Nord, grazie agli On. Anna Bonfrisco e Matteo Salvini firmatari del documento.
“Indipendentemente dai torti e dalle ragioni che emergeranno, è importante che da questo caso si traggano delle riflessioni per fare il punto sull’attuale stato dell’inclusione scolastica a livello delle nostre istituzioni e le sue eventuali prospettive di miglioramento”, dichiara Mario Barbuto, Presidente Nazionale U.I.C.I. “Ci preme in particolare evidenziare come sia fondamentale che una società civile come la nostra sappia mettere in atto tutti i sistemi possibili per assicurare agli studenti con disabilità visiva la piena accessibilità agli strumenti educativi, al pari delle persone normo dotate”.
U.I.C.I. ha, inoltre, accolto con favore l’interrogazione parlamentare poiché, visti i continui fatti di cronaca, diventa urgente agire in modo che vi sia una maggiore vigilanza sull’applicazione delle normative già esistenti a tutela della libertà e dei diritti delle persone cieche e ipovedenti. Tuttavia le leggi e le regole da sole non bastano se non sono sostenute dalle buone prassi, dalla volontà di promuovere un vero processo di integrazione attraverso percorsi formativi nelle scuole che aiutino a sviluppare una maggiore inclusione abbattendo quelle barriere culturali e un’errata mentalità sociale che ancora oggi costituiscono un grande ostacolo alla sua realizzazione.

# # #

L’Unione Italiana Ciechi e degli Ipovedenti ETS – APS è un ente morale con personalità giuridica di diritto privato, cui la legge e lo statuto affidano la rappresentanza e la tutela degli interessi morali e materiali dei non vedenti nei confronti delle pubbliche amministrazioni. L’Unione Italiana Ciechi e degli Ipovedenti ETS – APS ha per scopo l’integrazione dei non vedenti nella società, perseguendo l’unità della categoria. Per il raggiungimento dei suoi fini l’Unione ha anche creato strumenti operativi per sopperire alla mancanza di adeguati servizi sociali dello Stato e degli altri enti pubblici. In particolare vanno ricordati il Centro Nazionale del Libro Parlato, il Centro Ricerca Scientifica, l’I.Ri.Fo.R. (Istituto per la Ricerca, la Formazione e la Riabilitazione), l’Agenzia per la Tutela dei Diritti e l’Istituto Nazionale Valutazione Ausili e Tecnologie per l’autonomia dei ciechi e degli ipovedenti. L’Unione ha anche istituito la Sezione Italiana della Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità. L’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti fa parte, quale membro fondatore, della Federazione tra le Associazioni Nazionali delle persone con Disabilità (FAND).
Per un approfondimento consultate le specifiche sezioni all’interno del nostro sito – www.uiciechi.it

Riferimenti per i Media
Imageware | +39 02700251
Stefania Trazzi – strazzi@imageware.it
Alessandra Pigoni – apigoni@imageware.it

Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti
Katia Caravello – katia.caravello@uiciechi.it
Componente Direzione Nazionale UICI Relazioni Esterne