Bolzano – Incontro annuale tra gli amici dell’Unione Austriaca Ciechi e Ipovedenti del Tirolo e la nostra Sezione UICI Alto Adige

In alternanza, a scadenza annuale, le nostre due associazioni si incontrano in Austria o in Italia.
Quest’anno toccava a noi organizzare l’incontro, così per sabato 27.10.2018, abbiamo scelto l’Hotel Masatsch a Caldaro, località Pianizza di Sopra. Questa struttura ricettiva è famosa per un’attenzione professionale verso l’accessibilità, così abbiamo invitato il responsabile dell’Hotel a raccontarci la storia e il lavoro che comporta gestire una struttura come questa.
L’incontro è iniziato con un aperitivo di benvenuto, accompagnato da prodotti tipici, con molta attenzione sia per i vegetariani che le numerose intolleranze alimentari che ormai rende molto difficile mettere a tavola un gruppo di amici.
Gli austriaci presenti all’incontro erano Klaus Guggenberger – Presidente, Sabine Karrer – Vicepresidente e Wolfgang, il loro autista, mentre della nostra Sezione Valter Calò – Presidente, Riccardo Tomasini – Vicepresidente e i consiglieri Franz Gatscher, Josef Stockner, Alfred Unterhofer, Enrico Lampis e Nikolaus Fischnaller.
Finito l’aperitivo di benvenuto, ci siamo trasferiti al secondo piano dove in una stube di legno tipica dei nostri posti si sono aperti i lavori. Sono state affrontate parecchie tematiche partendo da un discorso di introduzione su tutto il 2018 da parte del Presidente Calò, che ha sottolineato le problematiche della nostra ONLUS, ma che si ritiene soddisfatto del grande lavoro svolto da tutto il consiglio e l’ufficio sezionale. Così anche Guggenberger Presidente Austriaco ha rendicontato il loro
lavoro dell’ultimo anno.
Si è subito evidenziata una problematica comune, i cani guida, Guggenberger ha sottolineato che anche da loro sia i taxi che le strutture recettive, nonostante esista una normativa a riguardo, creano numerose difficoltà. Ad esempio i tassisti sono sempre di più medio orientali e per loro ragioni, non accettano volentieri i cani guida delle persone con disabilità visiva. Calò ha evidenziato alcuni episodi successi durante l’anno, sia con taxi che nelle strutture ricettive a danno di turisti.
Tutti i partecipanti hanno concordato che la sensibilizzazione delle persone è il primo modus operandi e che se dovessero continuare questi episodi incresciosi, è compito dei Presidenti Sezionali di intervenire e sostenere i soci.
Parecchi sono stati i temi in discussione, come la ricerca fondi, dove gli amici austriaci sono sicuramente all’avanguardia in quanto le loro entrate sono basate quasi esclusivamente su donazioni, hanno avuto seri problemi economici fino ad un paio di anni fa, ma sono stati risolti prendendo un manager che ha annullato i debiti con drastici tagli e nuove entrate.
Calò ha illustrato il nuovo progetto di accompagnamento istituito da pochi mesi nelle zone periferiche della Provincia che sta dando buoni risultati, ma che deve essere consolidato.
Guggenberger ha illustrato il loro sistema che è in mano ad una organizzazione nazionale, dove a chiamata arrivano degli studenti o volontari. È prevista una minima spesa da parte della persona disabile, circa 4 euro e sono disponibili per diverse mansioni come accompagnamento, ma anche le pulizie di casa. Lo studente o volontario percepisce 12 euro all’ora e il restante importo è coperto dal sistema sociale austriaco.
Altro tema importante è stato il lavoro. Calò ha affermato che in Alto Adige non ci sono problemi momentaneamente e con la Commissione Nazionale, che lui stesso coordina, stanno cercando nuove strade, gli austriaci sono rimasti molto interessati dalle diverse possibilità presentate.
Le nuove tecnologie che ogni giorno compaiono, per agevolare la vita delle persone disabili è stato un’altro argomento importante, alla fine tutti d’accordo che ci sono sempre più possibilità, ma bisogna stare molto attenti in quanto non tutte sono veramente valide.
Per finire si è deciso di riprogrammare la scadenza annuale con incontri ogni 18 mesi, alternando cosi i periodi autunnali e primaverili.
L’incontro annuale si è concluso con un ottimo pranzo, offerto come consuetudine dalla sezione ospitante.

I partecipanti alla riunione, seduti intorno al tavolo, nella stube di legno tipica

I partecipanti alla riunione, seduti intorno al tavolo, nella stube di legno tipica